fondo-opere-pubbliche-2021-2023

Opere pubbliche: stanziati 35 miliardi nel triennio 2021-2023

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ammontano a oltre 35 miliardi i finanziamenti per la realizzazione di tutte le opere pubbliche delle stazioni appaltanti nazionali nel triennio 2021-2023

Il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti (MIT) rende noto che ammontano a oltre 35 miliardi le risorse per la realizzazione di tutte le opere pubbliche di competenza del Ministero e delle stazioni appaltanti nazionali, per il triennio 2021-2023.

I fondi per il triennio 2021-2023

Quella messa a disposizione dal MIT è una dotazione finanziaria imponente, avuta sia grazie a risorse stanziate negli anni precedenti, durante il 2020 e nella legge di bilancio 2021, e sia al Recovery plan.

Al netto delle ulteriori risorse che saranno rese disponibili nei prossimi mesi dal fondo “Sviluppo e coesione” e dai fondi ordinari della programmazione europea.

Saranno quasi 10 miliardi le risorse aggiuntive solo nei primi 3 anni grazie agli interventi dell’Unione Europea, alle quali si aggiungono risorse ulteriori per tecnologie e mezzi di trasporto (autobus, treni e navi). Inoltre, una quota parte sarà finanziata con i mutui più vantaggiosi all’interno del Recovery plan che determinerà un beneficio immediato per la finanza pubblica, ma garantirà comunque il rifinanziamento dal 2024.

Altro dato particolarmente rilevante, in un momento di crisi economica, è il cronoprogramma dell’utilizzo di queste risorse: infatti se la dotazione finanziaria complessiva è pari a 35 miliardi, i cronoprogramma attuativi che le stazioni appaltanti realizzeranno nei prossimi tre anni per le opere previste in Italia veloce, a carico della finanza statale, ammontano a oltre 27 miliardi.

Si tratta della cifra che nella programmazione delle stazioni appaltanti diventerà stato di avanzamento lavori, con effetti diretti sul sistema economico.

Le principali opere avviate con il Recovery fund e che consentiranno la realizzazione entro il 2026 di lotti funzionali efficaci per la mobilità, saranno completati entro il 2030 a valere sulle risorse nazionali.

 

primus
primus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *