Valutazione rischio vibrazioni

Valutazione rischio vibrazioni: sistema HAV e WBV, rischi, rimedi

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Valutazione rischio vibrazioni: di cosa si tratta, quali sono i rischi per un lavoratore, i sistemi HAV e WBV, i DPI da utilizzare

In questo articolo ti parlerò della valutazione del rischio vibrazioni, ti illustrerò i rischi per la salute dei lavoratori, come si può porre rimedio ai pericoli, quali sono i dispositivi individuali di protezione da utilizzare. In più ti dirò come viene fatta l’analisi del rischio vibrazioni, cosa si intende per sistemi HAV e WBV (mano-braccio e corpo intero).

La sicurezza sul luogo di lavoro è fondamentale: è estremamente importante procedere correttamente alla valutazione dei rischi, motivo per cui ti consiglio di affidarti ad un software per la redazione del DVR perfetto per fare un’analisi completa di tutti i possibili pericoli: la soluzione professionale aggiornata in base al testo unico per la sicurezza.

Cosa sono le vibrazioni?

Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche determinate da onde di pressione che si trasmettono attraverso corpi solidi. Le oscillazioni che vengono prodotte sono influenzate o meno dall’uso di uno strumento e possono essere:

  • libere;
  • forzate.

Per capire la pericolosità delle vibrazioni in termini di salute dei lavoratori, bisogna fare una quantificazione delle stesse in base a due elementi:

  • frequenza;
  • intensità.

Come fare una valutazione rischio vibrazione?

La valutazione è una vera e propria analisi del rischio, che può essere effettuata secondo 2 modalità distinte:

  • le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio (HAV);
  • le vibrazioni trasmesse al sistema corpo intero (WBV).

Di seguito ti riporto un’immagine tratta dalla guida Inail sul rischio vibrazione:

Quantificazione ed esposizione rischio vibrazioni

Quantificazione ed esposizione rischio vibrazioni,guida Inail

Per approfondimento puoi scaricare il testo Inail integrale.

Cosa si intende per vibrazioni HAV? Il sistema mano-braccio

I rischi che derivano da questo sistema sono molteplici. I disturbi possono essere:

  • vascolari;
  • osteoarticolari;
  • neurologici;
  • muscolari.

L’esposizione a tale rischio si verifica quando si impugnano attrezzi vibranti quali martelli demolitori, decespugliatori, motoseghe, smerigliatrici, scalpellatori, attrezzature sottoposte a vibrazioni e/o impatti.

Denunce malattie agenti fisici

denunce malattie agenti fisici, guida Inail

Nella tabella possiamo leggere i disturbi connessi al sistema mano-braccio con relativa incidenza negli anni evidenziati con il colore giallo.

Il sistema WBV: il corpo intero

Cosa si intende per vibrazioni trasmesse all’intero corpo?

L’art. 200 del dlgs 81/2008 definisce le vibrazioni trasmesse al corpo intero come:

le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al corpo intero, comportano rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori in particolare lombalgie e traumi del rachide.

L’esposizione a tale rischio si verifica quando si è a bordo di macchine industriali vibranti come gru, autogru, trattori, ecc. L’esposizione, dunque, avviene attraverso il contatto con il sedile e non con l’impugnatura come avviene per le vibrazioni HAV.

I valori limite di esposizione

L’art. 201 del testo unico per la sicurezza regola i valori limite di esposizione:

  • per il sistema HAV il limite giornaliero (calcolato su 8 ore di riferimento) è fissato a 5m/s². Su periodi brevi è di 20m/s²;
  • per il sistema WBV il valore limite (su 8 ore di riferimento) è pari a 1,0 m/s²:; per brevi periodi 1,5 m/s². Il valore di azione giornaliero è di 0,5 m/s².

Valore limite HAV

La norma stabilisce un valore di esposizione oltre il quale il datore di lavoro deve controllare i rischi derivati dalle HAV cui sono esposti i dipendenti. Scatta l’obbligo di prendere in considerazione l’opzione di ridurre o eliminare i rischi delle vibrazioni trasmesse all’arto superiore anche se i valori di azione non vengono superati.

valori di azione rischio vibrazioni

Valori di azione rischio vibrazioni, guida Inail

Valore limite WBV

Di seguito ti riporto una tabella che indica sia il valore d’azione giornaliero che il valore limite di esposizione per il sistema WBV (corpo intero).

Valori soglia WBV rischio vibrazioni

Valori soglia WBV rischio vibrazioni, guida Inail

Quali sono le fasi della valutazione del rischio vibrazioni?

Per fare una valutazione precisa del rischio, bisogna seguire determinate fasi:

  • possibile giustificazione del rischio;
  • individuazione delle condizioni espositive da valutare;
  • quantificazione dell’esposizione;
  • programmazione di misure tecniche e relativo uso di dispositivi individuali di protezione;
  • adozione di metodi di lavoro ergonomicamente adeguati;
  • informazione e relativa formazione dei soggetti esposti al rischio;
  • predisposizione della sorveglianza sanitaria.
Valutazione rischio vibrazioni: le fasi

Valutazione rischio vibrazioni: le fasi

Dispositivi di protezione individuale per HAV

Si può cercare di limitare l’effetto negativo delle vibrazioni sul sistema mano-braccio, anche se non è possibile eliminare del tutto il pericolo. Per quanto riguarda il sistema HAV, possono essere utilizzati dei guanti antivibrazioni certificati secondo la norma UNI ES ISO 10819:2013. I guanti suddetti hanno molteplici benefici, proteggono le mani da:

  • rischi meccanici;
  • temperature molto elevate;
  • rischi chimici;
  • umidità.
Guanti antivibranti rischio vibrazioni mano-braccio

Guanti antivibranti per ridurre il rischio vibrazioni mano-braccio, guida Inail

Dispositivi di protezione individuale per WBV

Per quanto riguarda le vibrazioni trasmesse al corpo intero, non c’è una vera e propria protezione. Tuttavia è possibile utilizzare 2 accorgimenti da applicare direttamente al macchinario che provoca le vibrazioni e non al lavoratore:

  • Silent Block: riduce le vibrazioni dal telaio alla cabina di un macchinario in movimento terra, di un trattore agricolo o forestale;
  • sedili antivibranti: riducono le vibrazioni dal telaio/cabina all’operatore.

Quale strumento si usa per misurare le vibrazioni trasmesse al lavoratore?

Le misurazioni delle vibrazioni si effettuano con uno strumento chiamato accelerometro. Tale strumento si applica all’impugnatura di un determinato attrezzo oppure al sedile di un macchinario utilizzato. L’accelerometro è un trasduttore che misura le vibrazioni, può essere triassiale o piezoelettrico.

Di seguito ti mostro una immagine tratta da un software per i pani di sicurezza che mostra il tipo di attrezzo/macchinario utilizzato con una serie di dati: tempo del lavoro, tempo di esposizione, tipo di sistema interessato (mano braccio o corpo intero).

Valutazione rischio vibrazioni CerTus

Valutazione rischio vibrazioni CerTus

Cosa fa il datore di lavoro per limitare i rischi?

Il datore di lavoro è obbligato ad informare e formare i dipendenti circa l’esposizione ai rischi derivanti da agenti fisici nell’area di lavoro. Per quanto riguarda le vibrazioni è assolutamente necessario informare circa:

  • le misure adottate per ridurre il rischio;
  • il valore limite di esposizione/valore di azione;
  • i risultati della valutazione;
  • la modalità per segnalare eventuali rischi;
  • le situazioni per cui si ha diritto alla sorveglianza sanitaria;
  • uso corretto dei DPI.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di eseguire regolarmente la manutenzione sia per gli attrezzi che per i macchinari utilizzati dai lavoratori in quanto si va incontro al deterioramento dei dispositivi usati, compresi quelli per ridurre le vibrazioni.

Come ridurre il rischio vibrazioni mano-braccio

Per ridurre il rischio vibrazioni mano-braccio l’informazione deve includere anche:

  • le indicazioni su come impugnare correttamente gli utensili;
  • le modalità di segnalazione di eventuali guasti;
  • le indicazioni su come riscaldare le mani;
  • l’esplicitazione dell’incidenza maggiore di rischio nei soggetti fumatori;
  • il suggerimento di massaggiare le mani durante le pause.

Come ridurre il rischio vibrazioni al corpo intero

L’informazione per ridurre il rischio all’intero corpo deve indicare:

  • il metodo corretto di guida;
  • le posture corrette di guida;
  • i fattori di rischio per disturbi alla colonna vertebrale;
  • un metodo per prevenire il mal di schiena;
  • come segnalare eventuali guasti.

È assolutamente necessario riuscire a fare un’analisi preventiva dell’area di lavoro per poter individuare eventuali rischi per i lavoratori. Solo in questo modo si possono ridurre i pericoli per la salute dei dipendenti. Ti ricordo che esiste già un software per la redazione del DVR perfetto per l’analisi e per la progettazione della sicurezza. Grazie agli input guidati potrai analizzare la pianta del luogo di lavoro, individuare eventuali rischi secondo le norme recenti, sempre aggiornate. Il piano di sicurezza è personalizzato in base alle tue esigenze, al luogo di lavoro che ti interessa. Sarai seguito nella redazione di documenti diversi richiesti dalla norma: DVR, DUVRI, ecc.

 

 

certus-ldl
certus-ldl

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.