Titoli edilizi

Un’opera stagionale può dirsi automaticamente precaria?

Il concetto di precarietà non coincide automaticamente con la natura stagionale di un’opera. Lo chiarisce il CdS

Un manufatto stagionale, cioè allestito perché rimanga in opera per la durata di una stagione, non vuol dire che abbia automaticamente un carattere precario. La precisazione in merito, sempre utilissima ad inquadrare meglio questo genere di arredi o manufatti ai fini della richiesta delle autorizzazioni più calzanti, arriva da una recente pronuncia del Consiglio di Stato attraverso la sentenza n. 11715-2022.

Stagionale è precario? Meglio non dare nulla per scontato! Il caso

La concessionaria di un’area demaniale sulla quale insisteva un vincolo paesaggistico, vedeva archiviati il permesso di costruire e la presupposta autorizzazione paesaggistica che avevano assentito la costruzione di alcuni manufatti lignei.

La Soprintendenza affermava in merito che quelle autorizzazioni erano state concesse in virtù della stagionalità delle opere e che a fine estate avrebbero dovuto essere rimosse.

Ma la concessionaria faceva ricorso al Tar sostenendo che:

  • il PdC e l’autorizzazione paesaggistica rilasciati dal Comune dovevano considerarsi caratterizzati da una valenza annuale e non stagionale, non comparendo tale ultima limitazione in nessuno dei due provvedimenti;
  • la Soprintendenza avrebbe dovuto esprimere il suo parere (art. 146 D.Lgs. n. 42/2004) limitatamente alla compatibilità paesaggistica del progettato intervento di modifica nel suo complesso ed alla conformità dello stesso alle disposizioni contenute nel piano paesaggistico e non sarebbe potuta giungere alla pronuncia di improcedibilità della pratica sulla base di un riesame della portata dei titoli rilasciati da altro ente (il Comune) se non travalicando le proprie competenze.

Il Tar si dimostrava favorevole alla ricorrente, per cui la Soprintendenza si appellava al CdS lamentando che:

  • non fosse necessario ribadire nei titoli il carattere solo stagionale delle opere da rimuovere al termine della stagione estiva;
  • il riferimento a manufatti “amovibili” non avrebbe potuto che indicare manufatti che possono essere mantenuti solo per la stagione estiva in conformità con quanto previsto dalle prescrizioni regionali vigenti e non costruzioni destinate a rimanere permanentemente sul suolo demaniale.

Quanto detto sin qui è utile ad evidenziare come la scelta del titolo abilitativo più appropriato per la realizzazione di un manufatto edilizio costituisca spesso motivo di facile inciampo con serie conseguenze amministrative e penali, ma la stessa gestione del titolo edilizio scelto correttamente potrebbe risultare confusa tra molteplici moduli da compilare, presentare e successivamente archiviare. E’ per questo che ti suggerisco un software per i titoli abilitativi in edilizia che può rendere il tuo lavoro più veloce e al riparo da errori, supportato da una procedura guidata che ti mette a disposizione tutti i modelli unici (compreso il modello CILA Superbonus) per l’edilizia sempre aggiornati e a portata di mano.

Le opere stagionali non sono destinate automaticamente a permanere limitatamente alla durata di una stagione

I giudici di Palazzo Spada osservano che allo stato dei fatti le strutture in questione, oggetto dell’istanza di rimodulazione delle opere lignee proposta dalla concessionaria, seppure eventualmente intese originariamente dalla Soprintendenza nei suoi pareri come stagionali, sono state successivamente considerate annuali negli atti del Comune, come dimostrato dalle istanze di mantenimento dei manufatti per tutto l’anno avanzate dall’appellata, cui non è seguito alcun diniego, ma anzi il provvedimento dell’UTC, dalle autorizzazioni all’esercizio del bar e dai titoli stessi che non facendo più cenno al profilo solo stagionale, paiono presupporre una prospettiva di impiego economico del sito più ampia di quella solo estiva.

Anche la qualificazione delle opere in questione come “amovibili” utilizzata dalle Amministrazioni per dimostrare la natura esclusivamente temporanea e quindi stagionale dei manufatti in questione, a parere dei giudici:

non consente, in realtà, di attribuire automaticamente agli interventi costruttivi de quibus il carattere di opere destinate a permanere sui luoghi di causa solo nella stagione estiva,

con riferimento (precisano i giudici) più semplicemente ai manufatti che, in contrapposizione a quelli non facilmente amovibili, non dovranno essere necessariamente rimossi alla scadenza della concessione, ma passeranno nella proprietà del demanio.

Il ricorso non è, quindi, accolto.

 

Per maggiore approfondimento, leggi anche questo articolo di BibLus-net:

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Principio DNSH e tecnologie dell’energia oceanica

Produzione di energia oceanica: ecco i nuovi elementi di rispetto dei criteri DNSH per la…

27 Maggio 2024

Contratti pubblici: ecco i dati dell’ANAC

Aumento degli affidamenti diretti, impatto del PNRR e analisi della spesa regionale: tutti i dati…

27 Maggio 2024

Strutture dissipative e non: cosa cambia nella progettazione

Le strutture dissipative si basano sul concetto di duttilità e implicano l’accettazione del danneggiamento come…

27 Maggio 2024

Pannelli solari ibridi: funzionamento, tipologie e vantaggi

I pannelli solari ibridi sono una tipologia di pannelli che garantiscono sia la produzione di…

27 Maggio 2024

Adduzione acqua: cos’è e come funziona?

L’adduzione dell’acqua è il processo che consente il trasporto dell’acqua ai punti di distribuzione finale.…

27 Maggio 2024

Difformità catastale: cos’è e come si risolve

Quando si verifica una difformità catastale? Si può sanare? Ecco tutto su definizione, normativa di…

27 Maggio 2024