UNI impianti di odorizzazione gas naturale metano

Impianti di odorizzazione: UNI 9463 parti 1-2-3-4

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Pubblicate le UNI di riferimento su termini e definizioni, progettazione, costruzione, collaudo e sorveglianza  degli impianti di odorizzazione del gas

In natura alcune sostanze, da noi utilizzate quotidianamente, si presentano incolore ed inodore come ad esempio il gas metano utilizzato comunemente per cucinare e scaldare le nostre case. Ne consegue che se questo gas fosse lasciato inodore, potrebbe rappresentare un grave pericolo in caso di fughe o ristagni, poiché non sarebbe immediatamente percepibile al nostro olfatto.

L’odore pungente che caratterizza il metano è aggiunto, quindi, artificialmente tramite apposite sostanze odorizzanti che consentono, appunto, di riconoscere eventuali perdite.

UNI con le nuove prassi di riferimento, attraverso la commissione “CIG – Comitato Italiano Gas“, si è occupata degli impianti che servono ad odorizzare il gas naturale.

Si tratta della UNI 9463, parti 1-2-3-4:

  • UNI 9463-1:2022 “Impianti di odorizzazione e depositi di odorizzanti per gas combustibili – Parte 1: Termini e definizioni”;
  • UNI 9463-2:2022 “Impianti di odorizzazione e depositi di odorizzanti per gas combustibili – Parte 2: Impianti di odorizzazione – Progettazione, costruzione, collaudo e sorveglianza”;
  • UNI 9463-3:2022 “Impianti di odorizzazione e depositi di odorizzanti per gas combustibili – Parte 3: Depositi di odorizzanti – Progettazione, costruzione ed esercizio”;
  • UNI 9463-4:2022 “Impianti di odorizzazione e depositi di odorizzanti per gas combustibili – Parte 4: Modalità di fornitura di odorizzanti”.

La UNI 9463-1:2022 su termini e definizioni degli impianti di odorizzazione

La UNI 9463-1 fornisce le definizioni dei principali termini utilizzati per gli impianti di odorizzazione e depositi di odorizzanti per gas combustibili definiti dalla UNI EN 437.

La UNI 9463-1:2022 sostituisce la UNI 9463-1:2012.

La UNI 9463-2:2022 sulla progettazione, costruzione, collaudo e sorveglianza degli impianti

Questo documento stabilisce i criteri di progettazione, costruzione, collaudo e sorveglianza degli impianti di odorizzazione associati alle reti di trasporto e di distribuzione dei gas combustibili definiti dalla UNI EN 437.

La norma si applica:

  • per i soli criteri di progettazione, costruzione e collaudo agli impianti di odorizzazione di nuova realizzazione e agli impianti oggetto di modifica sostanziale;
  • per quanto concerne la sorveglianza, a tutti gli impianti sia esistenti, modificati o di nuova costruzione.

La UNI 9463-2:

  • NON si applica alla progettazione e alla costruzione di installazioni ausiliarie o collegate, quali per esempio il sistema di misura o il sistema di telecontrollo;
  • NON definisce alcuna modalità e prescrizione per gli interventi di smaltimento del liquido odorizzante.

La UNI 9463-2:2022 sostituisce la UNI 9463-2:2012.

La UNI 9463-3:2022 su progettazione, costruzione ed esercizio dei depositi di odorizzanti

La UNI 9463-3 specifica i criteri di progettazione, costruzione ed esercizio dei depositi di odorizzanti in contenitori mobili per i gas combustibili definiti dalla UNI EN 437.

Sono esclusi dal campo di applicazione della norma i depositi di liquido odorizzante realizzati presso gli stabilimenti di produzione.

Il volume di odorizzante contenuto in contenitori e nel dosatore dell’impianto di odorizzazione, non costituisce deposito neppure nel caso di impianti di odorizzazione temporaneamente fuori servizio, purché si trovino in normali condizioni di manutenzione e sorveglianza; tale requisito si applica anche a eventuali contenitori vuoti e non bonificati che possono essere provvisoriamente ubicati all’interno dell’impianto di odorizzazione purché siano in luogo protetto dai raggi solari e non accessibile ai non addetti ai lavori per il tempo necessario al ritiro da parte delle aziende incaricate al loro prelievo.

La UNI 9463-3:2022 sostituisce la UNI 9463-3:2012

La UNI 9463-4:2022 sulle modalità di fornitura di odorizzanti

La UNI 9463-4 definisce i requisiti specifici che devono essere applicati per la fornitura in sicurezza degli odorizzanti per i gas combustibili definiti dalla UNI EN 437.

I gas combustibili ad uso domestico o similare, distribuiti mediante condotte o liquefatti e compressi in bombole o piccoli serbatoi fissi, devono avere un’intensità di odore caratteristica e sufficiente affinché la loro presenza sia avvertibile dall’utenza prima che sia raggiunta la concentrazione di allarme, sia per esplosività, sia per tossicità, conformemente alle norme della serie UNI 7133.

Qualora questi gas combustibili non abbiano di per sé odore caratteristico e sufficiente, le aziende produttrici o distributrici devono addizionare ad essi opportune sostanze o miscele di odorizzanti mediante appositi impianti di odorizzazione.

La UNI 9463-4:2022 sostituisce la UNI 9463-4:2012

 

Le UNI 9463 parti 1-2-3-4 sono scaricabili a pagamento dal sito dell’UNI

 

 

impiantus-gas
impiantus-gas

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.