Home » Notizie » Impiantistica e Antincendio » UNI 11292: locali per gruppi di pompaggio antincendio

UNI 11292 caratteristiche dei locali per gruppi di pompaggio antincendio

UNI 11292: locali per gruppi di pompaggio antincendio

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

UNI 11292: caratteristiche dei locali per gruppi di pompaggio antincendio, tutte le indicazioni utili per essere in regola

La UNI 11292 tratta le caratteristiche costruttive e funzionali dei locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per impianti antincendio.

La norma specifica i requisiti costruttivi e funzionali minimi da soddisfare per realizzare locali tecnici adibiti all’installazione di gruppi di pompaggio per l’alimentazione idrica di impianti antincendio.

Per esser certo di non tralasciare alcun aspetto importante e compilare la documentazione che ti occorre, ti consiglio di utilizzare un software antincendio utilissimo per gestire al meglio tutte le pratiche e tutte le verifiche inerenti alle attività soggette a controllo dei Vigili del Fuoco.

Cosa sono i gruppi di pompaggio antincendio?

Prima di addentrarci nel vivo della UNI, dobbiamo capire cosa sono i gruppi di pompaggio antincendio. I gruppi di pompaggio antincendio costituiscono un elemento essenziale per garantire l’efficacia e la sicurezza di un sistema antincendio. Questi dispositivi sono ideati per spingere grandi volumi di acqua o schiuma ad elevata pressione attraverso idranti e ugelli di distribuzione, con l’obiettivo di spegnere l’incendio nel minor tempo possibile.

Ubicazione dei locali per unità di pompaggio

I locali devono essere fuori terra o interrati e, in ordine di preferenza, di tipo:

  • separato;
  • in adiacenza;
  • entro l’edificio protetto dall’impianto antincendio servito.

I locali fuori terra devono presentare il pavimento alla stessa quota del piano di riferimento o al di sopra di esso fino a 7,5 metri. I locali interrati devono essere posizionati con il pavimento del locale ad una profondità non maggiore di 7,5 m dal piano di riferimento. Inoltre possono presentare anche una maggiore profondità, ma non superiore ai 10 metri dal piano di riferimento e il terzo livello interrato. Non si possono realizzare locali interrati nelle aree a rischio inondazione e nelle zone esposte al rischio allagamento.

L’accesso deve essere sicuro sia per gli operatori sia per le squadre di soccorso. Deve essere sempre garantito l’accesso in caso di incendio nell’attività protetta dall’impianto per tutta la durata di funzionamento.

L’accesso al locale deve essere diretto e avvenire:

  • da strada;
  • da spazio coperto accessibile da strada, direttamente o eventualmente con un percorso protetto;
  • da intercapedine antincendio ad uso esclusivo.

Caratteristiche dei locali per unità di pompaggio

I locali devono essere realizzati con prodotti ed elementi costruttivi aventi specifiche caratteristiche:

  • il locale vicino o interno all’edificio protetto dall’impianto servito deve presentare strutture orizzontali e verticali, portanti e/o separanti del tipo R, REI, EI 60 rispettivamente e classe di reazione al fuoco non inferiore a A2-s1, d0;
  • il locale isolato deve presentare strutture orizzontali e verticali portanti, almeno del tipo R60 ed elementi di tamponatura con prestazioni di reazione al fuoco non inferiori alla classe A2-s1, d0.

I locali appena elencati devono anche possedere un’area profonda almeno 3 metri permanentemente priva di materiali e vegetazione che potrebbero costituire pericolo di incendio. Per poter migliorare la luminosità, le pareti interne devono essere di un colore chiaro, meglio ancora se bianco.

Dimensione minime dei locali

I locali devono rispettare determinate dimensioni, tali da consentire gli interventi di installazione dell’unità di pompaggio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, in totale sicurezza per il personale. Nello specifico:

  • l’altezza media deve essere di almeno 2,4 metri;
  • l’altezza minima deve essere almeno di 2 metri, calcolata tenendo conto dell’ingombro degli impianti;
  • l’altezza nello spazio di lavoro e lungo il percorso per raggiungerlo deve essere di almeno di 2,40 metri;
  • lo spazio di lavoro deve essere di almeno 0,80 metri su almeno 3 lati di ogni unità di pompaggio.
Esempio locale unità di pompaggio

Esempio locale unità di pompaggio

Lo schema rappresenta i motori raffreddati a liquido con radiatore di cui:

  • 1: griglia immissione aria;
  • 2: serrande (se del caso);
  • 3: griglia espulsione aria.

Caratteristiche tecniche dei locali

I locali devono avere caratteristiche tali da consentire sia la gestione in sicurezza delle unità di pompaggio durante la fase di funzionamento dell’impianto antincendio, sia la loro manutenzione.

L’impianto elettrico e le apparecchiature devono essere progettati e realizzati a regola d’arte in conformità alle regolamentazioni vigenti in materia e alle norme di buona tecnica applicabili, con componenti idonei al luogo di installazione.

Sistema di drenaggio

Il locale deve essere, inoltre, dotato di un sistema di drenaggio adeguatamente progettato per lo smaltimento di eventuali scarichi d’acqua. I pozzetti di drenaggio devono essere realizzati in modo da minimizzare il ristagno dell’acqua. La progettazione ed il collaudo del locale devono essere oggetto di specifica documentazione tecnica che attesta la conformità del locale alla legislazione vigente nonché alla regola d’arte. Il responsabile dell’attività deve avere cura di conservare la documentazione e di renderla disponibile per eventuali controlli dell’autorità competente.
La relazione tecnica di progetto deve includere la conferma che il locale sia stato progettato in conformità alla UNI 11292.

Documentazione di progetto

Il progetto deve contenere una serie di elementi, ove pertinenti:

Documentazione di messa in funzione/collaudo

Documentazione tecnica, così come previsto dalla normativa, riferita ai seguenti elementi:

  • impianto di riscaldamento;
  • impianto di ventilazione;
  • sistema delle pompe di sentina;
  • impianto di illuminazione normale, di emergenza e di sicurezza;
  • contropressione dei gas di scarico dei motori diesel;
  • segnalazione a distanza degli allarmi;
  • schema di flusso e della disposizione delle apparecchiature del gruppo da esporre nel locale;
  • agibilità del locale;
  • resistenza al fuoco;
  • reazione al fuoco;
  • conformità degli impianti;
  • manuale d’uso e manutenzione con relative liste controllo;
  • schemi dei quadri elettrici.

 

AntiFuocus

 

AntiFuocus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *