UNI tubi gomma per trasporto liquidi chimici

Tubi di gomma: ecco la UNI EN 13765:2018

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Pubblicata da UNI la prassi di riferimento sui tubi flessibili per il trasporto dei fluidi chimici. Ecco i dettagli

L’attenzione, la salvaguardia del ambiente e di chi lavora a contatto di sostanze chimiche pericolose ha spinto la commissione dell’UNI “Gomma” a recepire in italiano la EN 13765.

Nel dettaglio, parleremo della:

  • UNI EN 13765:2018 “Tubi flessibili e tubi flessibili raccordati termoplastici multistrato (non vulcanizzati) per il trasferimento di idrocarburi, solventi e prodotti chimici – Specifiche”

Progettare un impianto può essere un’operazione facile e perché no, anche divertente, priva di errori e completa del rispetto di tutte le normative e regolamenti attraverso l’utilizzo del giusto software per la progettazione degli impianti che ti permette di lavorare direttamente sull’architettonico e ottenere automaticamente elaborati di progetto, esecutivi e computo. Ma oggi puoi fare di più, ed è per questo che desidero ricordarti anche che hai a disposizione il software per la progettazione e la modellazione 3D di impianti MEP  abbinato alla progettazione architettonica BIM.

La UNI EN 13765:2018 sui tubi flessibili

Il documento specifica i requisiti per:

  • quattro tipi di tubi flessibili,
  • tubi flessibili raccordati termoplastici multistrato (non vulcanizzati),

per il trasporto di idrocarburi, solventi e prodotti chimici.

La UNI EN 13765:2018 specifica:

  • dimensioni di diametro interno da 25 mm a 300 mm,
  • pressioni di esercizio da 4 bar a 14 bar,
  • temperature di esercizio da -30 °C a 150 °C.

I tubi flessibili di tipo 1 sono idonei per applicazioni con vapori. I tubi flessibili di tipo da 2 a 4 sono idonei per applicazioni con liquidi.

La norma NON si applica a tubi flessibili e a tubi flessibili raccordati destinati a:

  • rifornimento e scarico di carburante a terra di aeromobili (UNI EN ISO 1825);
  • distribuzione di carburante (UNI EN 1360);
  • bruciatori ad olio (UNI EN ISO 6806);
  • gas di petrolio liquefatto e gas naturale liquefatto (UNI EN 13766);
  • lotta contro l’incendio (UNI EN ISO 14557);
  • gas naturale liquefatto in mare (UNI EN 1474-2);
  • circuiti di refrigerazione.

I tubi flessibili devono essere classificati secondo la pressione di esercizio e l’intervallo di temperature di esercizio.

 

schema classificazione tubi

Prospetto 1- Intervallo di pressione e temperatura

Previo accordo con il fabbricante, sono ammesse temperature minime inferiori e/o massime superiori a seconda dei materiali utilizzati e della compatibilità a tali temperature con il fluido trasportato.

Riguardo i materiali da costruzione i tubi flessibili devono essere devono essere composti da quanto segue:

  • una spirale in filo interna;
  • una parete a più strati di pellicole e tessuti in termoplastica che in combinazione conferiscono le proprietà richieste e forniscono una tenuta completa;
  • una copertura costituita da un tessuto con rivestimento polimerico resistente all’abrasione;
  • una spirale in filo esterna.

La UNI EN 13765:2018 sostituisce la UNI EN 13765:2015.

 

La UNI EN 13765:2018 è scaricabile a pagamento dal sito UNI

 

 

impiantus
impiantus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.