Teleriscaldamento e teleraffrescamento: pubblicata la UNI/PdR 93.3:2021

Teleriscaldamento e teleraffrescamento: pubblicata la UNI/PdR 93.3:2021

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Disponibile la parte 3 della UNI/PdR 93 sulle attività di ispezione per la ricerca delle dispersioni relative all’infrastrutture di teleriscaldamento e teleraffrescamento

La commissione dell’UNI “Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente – CTI” ha sviluppato la UNI/PdR 93.3:2021 sulle “Linee guida per l’attività di ispezione finalizzata alla localizzazione delle dispersioni nelle reti di trasporto e distribuzione del teleriscaldamento e teleraffrescamento“.

Il documento si aggiunge alle due precedenti parti della UNI/PdR 93 pubblicate nel 2020:

  • la parte 1 sulle attività di pronto intervento e gestione delle emergenze,
  • la parte 2 sulle caratteristiche di qualità del fluido termovettore,

andando quindi ad integrare il quadro relativo a queste reti di distribuzione.

La UNI/PdR 93.3:2021 sull’attività di ispezione finalizzata alla localizzazione delle dispersioni nelle reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento

La prassi di riferimento definisce le modalità operative per la classificazione e la ricerca delle dispersioni idriche e delle fuoriuscite in generale nelle reti di Teleriscaldamento (TLR) e Teleraffrescamento (TLF).

Per questo il documento definisce un flusso di azioni minime, schematizzato in un diagramma riportato nell’Appendice A, a cui il gestore deve fare riferimento.

La UNI/PdR 93.3:2021 si articola in diversi punti, che toccano aspetti rilevanti quali:

  • l’origine e gli effetti delle fuoriuscite,
  • la programmazione delle ispezioni,
  • la prelocalizzazione delle fuoriuscite e la loro verifica,
  • l’assegnazione delle priorità di risoluzione,
  • i rapporti di ispezione.

 

La UNI/PdR 93.3:2021 è scaricabile gratuitamente dal sito UNI

 

edificius-mep
edificius-mep

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *