Articoli

Articoli con tag sentenza-cds

Consiglio di Stato: la sanzione pecuniaria in alternativa alla demolizione va calcolata in riferimento alla legge 392/78

Palazzo Spada chiarisce che un cordolo sommitale antisismico posto in difformità di altezza in area vincolata costituisce sopraelevazione

Un loggiato che viene chiuso con degli infissi crea nuovo volume abitabile e blocca la sanatoria paesaggistica. I chiarimenti del CdS

Il CdS ribadisce i presupposti alla base dell’agibilità: non basta rispettare le norme igienico-sanitarie, occorre anche la conformità alla disciplina urbanistica-edilizia

Ai fini di una sanatoria per la conformità paesaggistica rileva l’aumento di superficie utile. I chiarimenti del CdS

Il CdS ribadisce che mentre per gli abusi su proprietà privata sono responsabili il proprietario e l’autore materiale, per l’abuso su suolo demaniale risponde solo l’autore materiale

Per il CdS il mero superamento della soglia delle tolleranze costruttive del 2% non risulta sufficiente a configurare una variazione essenziale con conseguente demolizione degli abusi

Per il CdS l’onere della bonifica di un terreno per motivi di salute pubblica tocca sempre al proprietario anche se non direttamente responsabile dell’inquinamento

Una struttura leggera che ombreggia e chiude parzialmente e non stabilmente un terrazzo può rientrare in edilizia libera

Per il CdS l’ordine di demolizione e la sanzione pecuniaria non possono essere applicate cumulativamente ai fini della repressione di un abuso

Per il CdS occorre “salvare il salvabile”: un’area soggetta a vincolo seppur degradata e già edificata non pregiudica il diniego di autorizzazione paesaggistica

Una tettoia aggiunta su di un lastrico solare costituisce una sopraelevazione e come tale necessita di una verifica di sicurezza. I chiarimenti del CdS

Per il Consiglio di Stato il solo sporgere di un balcone (senza apertura) deve considerarsi al fine del rispetto delle distanze legali tra fabbricati

CdS: dal rilascio di un titolo edilizio in sanatoria a seguito di un condono non deriva automaticamente l’agibilità dell’immobile

Il tempo trascorso dall’accertamento di una veranda abusiva non inficia la successiva ordinanza di demolizione anche se a distanza di anni

Per il Consiglio di Stato in caso di convenzione l’inosservanza del termine entro cui rilasciare un titolo edilizio darebbe diritto al riconoscimento di un indennizzo

Consiglio di Stato: anche la pendenza di un debito esiguo (con conseguente DURC irregolare) causa l’esclusione da una gara di appalto pubblico

Nuovo parere dal Consiglio di Stato sulle pergotende: in alcuni casi l’installazione può rientrare in attività di edilizia libera, dipende dalle sue caratteristiche

La regolarizzazione postuma del DURC non basta a scongiurare l’esclusione da una gara pubblica. I chiarimenti del Consiglio di Stato

Per il Consiglio di Stato il tempo limite di restituzione degli oneri di urbanizzazione/costruzione decorre dalla data di comunicazione di rinuncia all’utilizzo del permesso di costruire o dalla scadenza del titolo edilizio

Il Consiglio di Stato chiarisce che le tolleranze costruttive vanno applicate tenendo conto esclusivamente di quella parte dell’immobile oggetto dei lavori di ristrutturazione

Il CdS spiega quali sono i lavori che danno avvio effettivo ad un cantiere edilizio per il conteggio dei termini per la decadenza del permesso di costruire

Il Consiglio di Stato chiarisce quali debbano essere le caratteristiche di un soppalco ad uso deposito per non rischiare un abuso edilizio

Il Consiglio di Stato chiarisce che l’annullamento di un’autorizzazione paesaggistica rilasciata dal Comune può essere effettuato anche dalla Soprintendenza

Il Consiglio di Stato interviene con alcuni chiarimenti sulla modifica degli spazi interni senza titolo edilizio: l’abuso è passibile della sola sanzione pecuniaria

Per il Consiglio di Stato è irrilevante il lungo tempo trascorso tra la realizzazione dell’abuso e l’ordine di demolizione

Il Consiglio di Stato ribadisce che gli interventi edilizi in parziale o totale difformità vanno sanzionati, rispettivamente, con una multa e con la demolizione

Attenzione a non confondere una semplice recinzione su terra con una basata su muro in cemento: per quest’ultima occorre il permesso di costruire!

Ok dal Consiglio di Stato alla richiesta contestuale di sanatoria e variante in corso d’opera, purché costituiscano atti ben delineati e indipendenti l’uno dall’altro

Due sentenze chiariscono quando un garage discostato dall’abitazione ne può costituire una pertinenza

Il certificato di agibilità presuppone il rispetto delle regole legate alla salubrità del fabbricato, il permesso di costruire l’osservanza delle norme edilizie ed urbanistiche

Chi ha la disponibilità del bene considerato abusivo, assume anche la responsabilità di quest’ultimo, lo afferma il Consiglio di Stato

Per il Consiglio di Stato la presentazione dell’istanza di sanatoria rende inefficace un provvedimento di demolizione

Il Consiglio di Stato afferma che la volumetria di una cisterna idrica non può essere recuperata ai fini di una edificazione residenziale perché volume tecnico

Il ricorso al doppio avvalimento di fatto non è stato mai possibile, anche prima dell’entrata in vigore del dlgs 50/2016 che lo vieta esplicitamente

Il Consiglio di Stato afferma che gli oneri di concessione vanno determinati secondo le tabelle vigenti al momento del rilascio del titolo in sanatoria

Il muro di contenimento necessita del permesso di costruire, non è un’opera pertinenziale. I chiarimenti del Consiglio di Stato

CdS: ecco le condizioni necessarie per il diniego all’abbattimento delle barriere architettoniche in caso di immobili di interesse storico e architettonico

Secondo il CdS l’applicazione della sanzione pecuniaria alternativa alla demolizione in caso di abuso edilizio deve essere valutata nella fase esecutiva del procedimento

La sentenza del CdS chiarisce che le migliorie riguardanti tutti gli aspetti tecnici sono consentite; le varianti progettuali no

<< Articoli precedenti