Articoli

Articoli con tag l-109-94

L’attività di aggiornamento dei prezzi contrattuali, in relazione al protrarsi dei lavori nel tempo, è stata a lungo permessa dalla normativa sui lavori pubblici ed è stata, senz’altro, una delle più evidenti motivazioni della lievitazione degli importi delle opere pubbliche; per questa ragione il Legislatore, con l’introduzione del nuovo ordinamento dei Lavori Pubblici, non ha […]

Il Senato ha approvato definitivamente il disegno di legge per l`adeguamento della legislazione italiana a quella dell`Unione Europea (Legge Comunitaria 2004), ora in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

In base alla normativa italiana sui Lavori Pubblici chi ha preso parte alla progettazione di un’opera pubblica non può particepare all’affidamento dell’appalto.

La “Stima dei Costi della Sicurezza” è un elaborato, che fa parte del Piano di Sicurezza e Coordinamento, nel quale devono essere individuati analiticamente gli oneri relativi all’applicazione dei piani di sicurezza, non soggetti a ribasso d’asta (art. 31, L. 109/94).

La Legge 350/2003 (Legge Finanziaria 2004) apporta alcune modifiche alla Legge Quadro in materia di Lavori Pubblici.

Il Consiglio di Stato (sentenza 7130/2003) ribadisce quanto affermato chiaramente nel comma 9 dell’art. 17 L. 109/94; chiunque abbia partecipato, a vario titolo, alla progettazione dell’opera non può partecipare alla gara d’appalto per la sua realizzazione.

Nella G.U. n. 193 del 21.08.03 è stato finalmente pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica 3 luglio 2003, n. 222 recante: ”Regolamento sui contenuti minimi dei Piani di Sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell’articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109”.

Sollecitata dall’ANCE, l’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici interviene su una questione molto dibattuta: la determinazione dei requisiti per la partecipazione alle gare di entità inferiore a 150.000 euro

Nella seduta del 23 maggio 2003 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri un decreto presidenziale che disciplina i contenuti minimi dei piani di sicurezza e di coordinamento dei cantieri temporanei o mobili