Articoli

Articoli con tag d-lgs-192-2005

Proroga le detrazioni del 50% sulle ristrutturazioni (estese anche agli arredi), riqualificazione energetica dal 55% al 65%.

L’articolo 35 della L. 133/2008 (conversione con modificazioni del D.L. 112/2008) ha soppresso l’obbligo di allegare l’attestato di certificazione energetica all’atto di compravendita degli immobili, e, in caso di locazione, di consegnare o mettere a disposizione del conduttore l’attestato di certificazione energetica.

È stata pubblicata sul supplemento ordinario n. 196 alla Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto scorso la Legge n. 133 del 6 agosto 2008 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e […]

Il D. Lgs 311/2006 in vigore dal 2 febbraio 2007 ha, come noto, significativamente modificato il D.Lgs.192/05 di recepimento della Direttiva Europea 2002/91 relativa al contenimento delle dispersioni energetiche.

Il D.Lgs.311/2006, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1° febbraio scorso, ridefinisce le regole transitorie da osservare fino all’emanazione dei decreti previsti dal D.Lgs.192/2005.

Sul sito ACCA sono liberamente disponibili gli atti dei convegni tenutisi in occasione della Prima Convention ACCA "Novità introdotte dal D.Lgs. 192/2005 e possibili scenari di sviluppo futuro" e "Documenti da produrre a seguito delle novità legislative, prospettive offerte dalla Certificazione Energetica degli Edifici (anche sulla base di attuali esperienze italiane ed estere)".

Il Decreto Legislativo 29 dicembre 2006 n. 311 “Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico in edilizia”, è stato pubblicato sul Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1. febbraio 2007 .

La legge finanziaria per il 2007 ha introdotto una detrazione per le spese sostenute per la realizzazione di interventi finalizzati a contenere i consumi di energia e all’utilizzo di fonti alternative di energia nelle abitazioni.

Il Provvedimento recante “Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva2002/91/CE relativa al rendimento energetico in edilizia”, approvato dal Consiglio dei Ministri, in via preliminare, nella seduta del 6 ottobre scorso, ha ricevuto il parere favorevole della Conferenza delle Regioni.

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 6 ottobre scorso, ha approvato, in via preliminare, lo schema di decreto legislativo recante “Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva2002/91/CE relativa al rendimento energetico in edilizia”.

Dopo più di quindici anni di relativa stabilità della normativa concernente il risparmio energetico in edilizia, a partire dallo scorso anno il quadro normativo di riferimento è stato modificato, in maniera significativa, con l’emanazione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192.

Il Ministero delle Attività Produttive, con la circolare n. 8895 del 23/5/2006, fornisce chiarimenti e precisazioni sulle modalità applicative del D.Lgs. 192/2005 (attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia), con particolare attenzione al regime transitorio e alla certificazione energetica.

L’argomento “costi di costruzione” nell’ambito della Bioedilizia come, del resto, si evince dai risultati del sondaggio propostovi, è senza alcun dubbio uno degli aspetti più sentiti di tutta la materia.