Articoli

Articoli con tag codice-dei-contratti

Il Ministero dell’Istruzione ha aggiornato le istruzioni di carattere generale per la corretta applicazione del Codice dei Contratti Pubblici con le modifiche della legge Sblocca cantieri

Il Ministero delle Infrastrutture ha pubblicato il report sulla consultazione del Codice dei Contratti pubblici, che evidenzia i temi su cui si richiedono modifiche

Secondo il Tar Piemonte la soglia di anomalia può anche cambiare durante il procedimento se sono fatte salve le finalità proprie della regola di invarianza

Il CdS critico verso le regole per lo svolgimento del “dibattito pubblico” definite dal governo: soglie di importo troppo alte per l’applicazione ne limitano operatività e efficacia come strumento di riduzione dei contenziosi

Il documento fornisce le indicazioni per affrontare i diversi aspetti operativi e organizzativi derivanti dalla stipula in modalità elettronica dei contratti pubblici relativi ad appalti e concessioni di lavori, servizi e forniture.

Prosegue il corso sull’attività professionale degli ingegneri finalizzato alla preparazione agli esami di stato organizzato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli e dalla facoltà di Ingegneria della Federico II.

Il D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, "Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE", è stato pubblicato sul supplemento ordinario n. 270 alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto ad inviare alla Gazzetta Ufficiale per la pubblicazione il testo del Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti registrato alla Corte dei Conti il 29 novembre scorso. Ricordiamo che la registrazione è avvenuta dopo alcuni chiarimenti del Ministero sui primi rilievi della magistratura contabile.

La legge Finanziaria 2005 aveva modificato l’art. 26 della Legge Merloni, allo scopo di tutelare le imprese da aumenti anomali dei materiali da costruzione.

La legge Finanziaria 2005 aveva modificato l’art. 26 della Legge Merloni, allo scopo di tutelare le imprese da aumenti anomali dei materiali da costruzione.

La Circolare n. 2473 del 16 novembre 2007 fornisce alle stazioni appaltanti importanti chiarimenti sulle procedure di affidamento dei servizi di ingegneria e architettura.

La cancellazione del diritto di prelazione in favore del promotore delle opere realizzate in project financing. non si applicano per le procedure i cui avvisi sono stati pubblicati successivamente all’entrata in vigore del D.Lgs. n. 113/2007.

La mancata revisione annuale dei prezzari comporta l’annullamento del bando in quanto i prezzari hanno validità fino al 31 dicembre di ogni anno e in via transitoria solo per progetti approvati entro il 30 giugno dell’anno successivo.

Il termine previsto per l’emanazione del regolamento è già trascorso.

Le garanzie che il progettista deve fornire alla stazione appaltante sono disciplinate dall’art. 111 del Codice dei Contratti.

La procedura accelerata di conciliazione del contenzioso, denominata "accordo bonario", prevista dall’art. 31 bis della legge 109/94, è ora contemplata all’art. 240 del nuovo Codice dei Contratti.

Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 163/2006 (Codice dei Contratti) le Stazioni Appaltanti, ai fini dell’aggiudicazione dell’appalto, possono optare (art. 81) tra il criterio del prezzo più basso e quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Indicare prodotti e materiali nelle specifiche tecniche di appalto è vietato. Questo, in sintesi, è quanto ha stabilito l`Autorita` per la vigilanza sui contratti pubblici con la determinazione n. 2 del 29 marzo 2007.

Il D.L. 223/2006, convertito con la L. 248/2006, (Bersani) ha sancito (art. 2) l’abrogazione delle tariffe obbligatorie fisse o minime per tutte le professioni.