Superbonus e superficie disperdente: il tetto non riscaldato non rientra nel 25%

Superbonus e superficie disperdente: il tetto non riscaldato non rientra nel 25%

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Se il tetto non copre un ambiente riscaldato non va considerato nel calcolo della superficie disperdente lorda. I chiarimenti delle Entrate

Al fine del beneficio dell’agevolazione Superbonus 110%, nel calcolo della superficie disperdente lorda, che deve essere pari a oltre il 25%, non deve essere considerato il tetto, nel caso quest’ultimo copra un ambiente non riscaldato.

I chiarimenti del Fisco nella risposta n. 680/2021.

Il quesito

Il contribuente istante è proprietario di una villetta a schiera sulla quale intende effettuare un intervento di isolamento termico tramite installazione di un cappotto sui tre lati fruendo dell’agevolazione al 110% (art. 119 del dl 19 maggio 2020, n. 34).

L’istante prospetta di voler isolare anche il tetto della villetta, ma quest’ultimo non delimita una superficie riscaldata dell’abitazione, in quanto vi è un locale sottotetto attualmente non abitabile che non costituisce un ambiente riscaldato.

Il contribuente, quindi, domanda se alla luce delle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2021, tale intervento sul tetto della villetta rientra nel computo della superficie disperdente lorda, ai fini dell’incidenza superiore al 25% anche ove il sottotetto non fosse riscaldato.

Il parere dell’Agenzia delle Entrate

Il Fisco fa presente che per effetto della modifica apportata al comma 1 del citato art. 119 da parte della legge di bilancio 2021 nell’ambito degli interventi “trainanti”, finalizzati all’efficienza energetica ammessi al Superbonus, rientrano anche gli interventi per la coibentazione del tetto senza limitare il concetto di superficie disperdente al solo locale sottotetto eventualmente esistente. (cfr. art. 1, comma 66, lettera a), n. 2), della legge n. 178 del 2020.

Pertanto, a seguito della modifica normativa sopra riportata riferibile all’ambito applicativo della norma potranno rientrare nel Superbonus anche gli interventi di coibentazione del tetto e a condizione che il requisito dell’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda, sia raggiunto con la coibentazione delle superfici che, nella situazione ante intervento, delimitano il volume riscaldato verso l’esterno, vani freddi o terreno.

Le Entrate concludono che ai fini del computo della superficie disperdente lorda, quindi non rientra la superficie del tetto quando il sottotetto non è riscaldato.

 

Per maggiore approfondimento leggi anche questo articolo di BibLus-net: “Superbonus: occhio al tetto non disperdente

 

Clicca qui per scaricare l’interpello n. 680/2021

 

termus
termus

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *