Superbonus: da ENEA tre chiarimenti su documentazione, APE e calcolo energia primaria

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

I tre chiarimenti ENEA su documentazione da conservare ed inviare, calcolo semplificato risparmio annuo di energia primaria e APE convenzionale. TerMus è aggiornato alle ultime novità

ENEA ha pubblicato tre documenti sul Superbonus 110, si tratta di:

  • un documento sulle modalità di calcolo semplificato del risparmio annuo dell’energia primaria non rinnovabile;
  • una nota di chiarimento, che aggiorna un documento già pubblicato, sulla documentazione da conservare a cura del beneficiario della detrazione e sulla documentazione da inviare all’ENEA;
  • un vademecum sull’APE Convenzionale.

TerMus è aggiornato alle nuove modalità di calcolo semplificato e sull’APE convenzionale.

Calcolo dell’energia primaria

Il documento contiene una procedura che ha lo scopo di ricavare, in modo semplificato, il risparmio di energia primaria non rinnovabile relativo a ciascun intervento di risparmio energetico da inserire sul portale ENEA ai fini dell’accesso al Superbonus 110%.

Il risparmio di energia primaria non rinnovabile è ottenuto a partire da una serie di parametri relativi a 2 stati dell’edificio (gli stessi su cui si basa il salto di classe):

  • situazione dello stato di fatto (ANTE);
  • situazione post intervento (POST), comprensiva di tutti gli interventi (sia trainanti che trainati).

E’ stato previsto inoltre lo scorporo del contributo del fotovoltaico qualora sia presente nella situazione ante che post intervento (poiché se presenti non devono essere conteggiati nel risparmio di energia primaria non rinnovabile).

Il contributo del fotovoltaico viene conteggiato in termini di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile.

Il documento ENEA si sviluppa nei seguenti capitoli:

  • dati di input necessari per il metodo semplificato;
  • approccio metodologico;
  • risparmio energia primaria non rinnovabile per interventi involucro;
  • risparmio energia primaria non rinnovabile per interventi sull’impianto;
  • sostituzione di un generatore per riscaldamento;
  • sostituzione di un generatore per acqua calda sanitaria;
  • installazione di pannelli solari termici;
  • risparmio energia primaria non rinnovabile per installazione di schermature solari e chiusure oscuranti.

L’aggiornamento di TerMus sul Superbonus

Sfrutta la più avanzata tecnologia BIM per progettare gli interventi di riqualificazione energetica agevolati con il SuperBonus 110%. Con TerMus calcoli, verifichi, confronti e prepari con un click la documentazione richiesta…

TerMus SuperBonus 110 permette di progettare velocemente qualsiasi tipologia di intervento di efficientamento energetico, ottenere automaticamente tutte le verifiche richieste e preparare con la massima professionalità la pratica per accedere al SuperBonus 110% secondo il nuovo Decreto Requisiti (decreto MiSE 06 agosto 2020).

 

termus
termus

Documentazione Superbonus

L’ENEA, con la nota di aggiornamento all’11 marzo 2021, riepiloga i documenti necessari ai fini della detrazione al 110% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Si tratta di:

  • documentazione tecnica;
  • documentazione amministrativa;
  • ulteriori adempimenti in caso di cessione del credito/sconto in fattura.

I documenti da conservare a cura del soggetto beneficiario sono:

  • l’asseverazione completa degli allegati obbligatori redatta da un tecnico abilitato;
  • stampa in originale della scheda descrittiva con il codice CPID assegnata dal portale ENEA e firmata del tecnico e dal beneficiario;
  • la copia della relazione tecnica;
  • l’APE dello stato finale di ogni singola unità per cui si chiedono le detrazioni;
  • nel caso di interventi sull’involucro opaco, le schede tecniche dei materiali e degli impianti utilizzati e le relative certificazioni;
  • la dichiarazione di conformità degli impianti;
  • il titolo edilizio;
  • le delibere assembleari e la tabella millesimali relative all’approvazione dei lavori;
  • l’eventuale consenso del proprietario dell’immobile;
  • le fatture ed i bonifici delle spese sostenute;
  • la ricevuta della comunicazione inviata all’ENEA con il codice ASID.

Per la cessione del credito/sconto in fattura inoltre bisognerà conservare il visto di conformità dei dati e della documentazione.

La documentazione da inviare all’ENEA consiste:

  • nell’asseverazione redatta dal tecnico abilitato;
  • nell’APE pre e post intervento;
  • nella polizza assicurativa con massimale adeguato del tecnico;
  • nelle fatture delle spese sostenute;
  • nel computo metrico.

Vademecum APE convenzionale

Il documento, prodotto da ENEA con il supporto del CTI per le parti di sua competenza, vuole fornire chiarimenti in merito alla compilazione degli APE cosiddetti “convenzionali”, ante e post interventi, redatti per le finalità di accesso alle detrazioni fiscali del “Superbonus” 110%.

Il documento è diviso in tre parti:

  1. nella prima sono riportate le principali differenze tra APE convenzionale e APE redatto per compravendite e locazioni;
  2. nella seconda verranno fornite alcune indicazioni, utili a professionisti e software-house, in merito alla compilazione dell’APE convenzionale partendo dal format del DM 26 giugno 2015;
  3. nella terza e ultima parte sono fornite alcune indicazioni di calcolo, nei casi di differenza di servizi energetici presenti ante e post interventi.

Il vademecum tratta i seguenti aspetti:

  • principali differenze tra APE Convenzionale e APE Tradizionale;
  • indicazioni per la redazione e la compilazione degli APE convenzionali;
  • unità immobiliari oggetto di APE convenzionale nel caso di edifici composti da più unità immobiliari;
  • compilazione degli APE convenzionali;
  • indicazioni di calcolo e di modellazione dell’edificio per gli APE convenzionali;
  • servizi energetici dell’edificio ante e post interventi;
  • presenza di impianti comuni a più unità immobiliari.

 

Clicca qui per scaricare i tre documenti ENEA

 

termus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *