La prassi di riferimento sulla progettazione, installazione e messa in servizio delle stazioni di rifornimento che erogano idrogeno gassoso

Stazioni di rifornimento idrogeno: ecco la prassi di riferimento

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Disponibile la prassi di riferimento sulla progettazione, installazione e messa in servizio delle stazioni di rifornimento che erogano idrogeno gassoso. Ecco la UNI ISO 19880-1:2020

Nell’ambito dell’utilizzo dell’idrogeno e di una sua applicazione futura sempre più consolidata in vista di nuovi traguardi di sviluppo, l’ente italiano di normazione UNI, attraverso la commissione “Idrogeno” che ha da poco adottato la ISO 19880 parte 1, si è occupata di un nuovo documento:

  • la UNI ISO 19880-1:2020 “Idrogeno gassoso — Stazioni di rifornimento — Parte 1: Requisiti generali“.

La UNI ISO 19880-1:2020 sulle stazioni di rifornimento di idrogeno gassoso

Il documento definisce i requisiti minimi di progettazione, installazione, messa in servizio, funzionamento, ispezione e manutenzione, per la sicurezza e, se del caso, per le prestazioni di stazioni di rifornimento pubbliche e non pubbliche che erogano idrogeno gassoso a veicoli stradali leggeri (ad es. veicoli elettrici a celle combustibili).

La UNI ISO 19880-1:2020 NON è applicabile all’erogazione di idrogeno criogenico oppure ad applicazioni di idrogeno a idruro metallico.

Dal momento che la norma è destinata a fornire requisiti minimi per stazioni di rifornimento, i fabbricanti possono prendere precauzioni di sicurezza aggiuntive come determinato da una metodologia di gestione dei rischi per affrontare potenziali rischi di sicurezza di progettazioni e applicazioni specifiche.

Sebbene punti al rifornimento di veicoli da strada leggeri a idrogeno, la UNI ISO 19880 parte 1 tratta anche i requisiti e le linee guida per il rifornimento di veicoli da strada medi e pesanti (per esempio autobus e camion).

Molti dei requisiti generici sono applicabili a stazioni di rifornimento per altre applicazioni di idrogeno, incluse ma non limitate alle seguenti:

  • stazioni di rifornimento per motocicli, carrelli elevatori a forche, tram, treni, applicazioni marine e fluviali;
  • stazioni di rifornimento con erogazione in interni;
  • applicazioni residenziali per il rifornimento di veicoli terrestri;
  • stazioni di rifornimento mobili;
  • stazioni di rifornimento di dimostrazione non pubbliche.

Tuttavia, nel documento non si affrontano ulteriori requisiti specifici che possono essere necessari per il funzionamento sicuro di tali stazioni di rifornimento.

La UNI ISO 19880-1:2020 fornisce, inoltre, requisiti e linee guida sui seguenti elementi di una stazione di rifornimento:

  • impianto di produzione/consegna dell’idrogeno:
    • consegna di idrogeno mediante condotto, di idrogeno liquido e/o gassoso tramite camion oppure mediante rimorchi di stoccaggio a idruri metallici;
    • generatori di idrogeno in loco che utilizzano il processo di elettrolisi dell’acqua oppure generatori di idrogeno che utilizzano tecnologie di lavorazione del combustibile;
    • stoccaggio di idrogeno liquido;
    • impianti di purificazione dell’idrogeno, come applicabile;
  • compressione:
    • compressione di idrogeno gassoso;
    • pompe e vaporizzatori;
  • stoccaggio tampone di idrogeno gassoso;
  • dispositivo preraffreddamento;
  • impianti di erogazione di idrogeno gassoso.

 

La UNI ISO 19880-1:2020 è scaricabile a pagamento dal sito UNI

 

edificius-mep
edificius-mep

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.