Home » Notizie » Computo, Contabilità, Capitolati, Direzione Lavori » Spese generali: cosa sono e come gestirle

Spese generali

Spese generali: cosa sono e come gestirle

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

La gestione delle spese generali in azienda e l’accezione di spese generali come costi aggiuntivi negli appalti pubblici

Per spese generali aziendali si intendono i costi operativi, separati dai costi diretti associati alla produzione di beni o servizi.

Mentre questi ultimi fluttuano in base ai volumi di produzione e di vendita, le spese generali restano sostanzialmente costanti nel tempo, indipendentemente dalla performance finanziaria dell’azienda.

Cosa sono le spese generali?

Le spese generali rappresentano i costi necessari per il funzionamento e la gestione quotidiana dell’attività, ma che non sono direttamente associati alla produzione o alla fornitura dei beni o servizi principali dell’azienda. Queste spese includono una vasta gamma di costi che sono essenziali per sostenere l’infrastruttura e l’operatività generale dell’azienda, ma non sono facilmente attribuibili a un prodotto specifico o a un servizio.

Le spese generali comprendono solitamente costi come affitto e utilità degli uffici, stipendi del personale amministrativo, forniture per ufficio, servizi di comunicazione, costi legali e assicurativi, spese di marketing e pubblicità e altre spese simili.

Queste spese sono essenziali per garantire il corretto funzionamento dell’azienda e permettono che si possano svolgere le attività in modo efficiente. Tuttavia, poiché non sono direttamente legate alla produzione o alla fornitura dei beni o servizi principali dell’azienda, è importante gestirle attentamente per garantire un utilizzo ottimale delle risorse finanziarie e mantenerle sotto controllo per evitare sprechi eccessivi.

Le spese generali aziendali comprendono diverse voci di costo, escludendo i costi diretti come manodopera e materie prime. Sono generalmente classificate in 3 categorie:

  • spese fisse (costanti nel tempo, come affitto, assicurazioni, stipendi e alcune utenze);
  • spese variabili (influenzate dall’attività commerciale, come pubblicità, spese legali, forniture per ufficio e manutenzione);
  • spese semi-variabili (che variano leggermente, come salario orario, commissioni e spese veicolari).

Spese generali e utile d’impresa

Le spese generali svolgono un ruolo significativo nel determinare l’utile di un’impresa. L’utile di impresa è calcolato sottraendo tutte le spese, comprese le spese generali, dal totale dei ricavi. Ridurre le spese superflue e ottimizzare i costi può aumentare la redditività complessiva dell’azienda. Tuttavia, è importante bilanciare la riduzione delle spese con la necessità di mantenere un’efficienza operativa e garantire la qualità dei prodotti o servizi offerti.

Inoltre, alcune spese generali possono essere considerate investimenti a lungo termine nell’azienda, come ad esempio le spese di marketing o di ricerca e sviluppo. Sebbene queste spese possano aumentare temporaneamente i costi, possono anche generare benefici significativi nel lungo periodo, ad esempio attraverso l’acquisizione di nuovi clienti o lo sviluppo di prodotti innovativi. Le spese generali, quindi, influenzano direttamente l’utile d’impresa e una gestione oculata di queste spese può contribuire in modo significativo alla redditività e alla crescita dell’azienda nel tempo.

Grazie ai software gestionali per le commesse puoi avere il controllo delle spese generali sostenute dall’impresa in un dato periodo e la gestione della piccola cassa, degli abbonamenti, delle assicurazioni, delle rateizzazioni, dei contratti, della manutenzione, della cancelleria, della biblioteca e degli inventari.

Ripartizione Spese Generali

Ripartizione spese generali – Impresus

Differenza tra spese di proprietà e spese generali

Le spese di proprietà e le spese generali sono componenti dei costi aziendali, ma si riferiscono a categorie diverse di spese. Quindi, capiamo bene qual è la differenza tra le due spese.

Le spese di proprietà sono i costi direttamente associati al possesso o all’acquisto di beni tangibili come terreni, edifici e attrezzature. Queste spese sono generalmente considerate investimenti a lungo termine e sono ammortizzate nel corso del tempo attraverso la contabilità delle immobilizzazioni. Possono includere l’acquisto di immobili, la manutenzione e le riparazioni degli edifici, l’acquisto di macchinari e attrezzature, nonché le tasse e gli oneri associati alla proprietà.

Le spese generali sono i costi operativi necessari per mantenere in funzione l’azienda e sostenere le sue attività quotidiane, ma che non sono direttamente attribuibili alla produzione o alla fornitura dei beni o servizi principali dell’azienda. Queste spese includono una vasta gamma di costi, come affitto e utenze degli uffici, stipendi del personale amministrativo, forniture per ufficio, servizi di comunicazione, costi legali e assicurativi, spese di marketing e pubblicità, e altre spese simili. Le spese generali sono considerate parte integrante delle operazioni quotidiane dell’azienda e sono riconosciute come costi necessari per mantenere in funzione l’attività e supportare la sua crescita.

Possiamo riassumere che, mentre le spese di proprietà si riferiscono ai costi associati al possesso di beni tangibili (come terreni e attrezzature), le spese generali si riferiscono ai costi operativi necessari per sostenere le attività quotidiane dell’azienda. Entrambe sono importanti componenti dei costi aziendali e devono essere gestite accuratamente per garantire la redditività e la crescita dell’azienda nel tempo.

Spese generali negli appalti pubblici

Le spese generali sono definite in sede di offerta e normalmente calcolate come percentuale del costo della lavorazione nella misura del 13% – 17%.

Le spese generali in ambito di appalti pubblici sono i costi aggiuntivi che un’azienda può sostenere nel processo di partecipazione a gare d’appalto pubbliche. Queste spese possono variare e dipendono da diversi fattori, ma sono spesso considerate parte integrante del processo di partecipazione e possono incidere sul costo totale dell’appalto per l’azienda.

Per spese generali comprese nel prezzo dei lavori si intendono:

  • spese di contratto e accessorie;
  • oneri finanziari generali e particolari;
  • la quota delle spese di organizzazione e gestione tecnico-amministrativa;
  • gestione amministrativa;
  • spese di impianto;
  • spese di trasporto;
  • spese per attrezzi e opere provvisionali;
  • spese per rilievi, tracciati, verifiche, ecc..;
  • spese per le vie di accesso al cantiere;
  • spese per locali idonei;
  • spese per passaggio, occupazioni temporanee o risarcimento danni per abbattimento di piante;
  • spese per la buona conservazione delle opere;
  • spese di adeguamento di cantiere;
  • oneri generali e particolari previsti dal capitolato speciale d’appalto.

Grazie ai software di contabilità lavori e analisi prezzi puoi calcolare analiticamente il prezzo unitario delle lavorazioni, avere il controllo assoluto dei costi di ogni specifica lavorazione e di quello totale del progetto.

 

PriMus

 

PriMus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *