Spesa massima Superbonus 110: sismabonus e fotovoltaico si sommano?

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Superbonus 110 | tra i tecnici sorge un dubbio nell’interpretazione della norma in merito alla spesa massima agevolabile in caso di interventi antisismici e installazione di impianti fotovoltaici. Occorre chiarimento ufficiale

Negli ultimi giorni si stanno sollevando dubbi in merito alla possibile cumulabilità dei tetti di spesa agevolabili al 110% in caso di realizzazioni di interventi antisismico e contestuale installazione di impianto fotovoltaico. In particolare il dubbio è il seguente:

il tetto di spesa agevolabile è pari a 96.000 € per gli interventi di riduzione del rischio sismico e 48.000 € per fotovoltaico oltre eventuale accumulo (anch’esso agevolato con autonomo tetto di spesa pari a 48.000 €),

oppure

il tetto di spesa agevolabile pari a 96.000 € va riferito complessivamente agli interventi di riduzione del rischio sismico congiuntamente a quelli di installazione di impianto fotovoltaico e eventuale accumulo.

In questo articolo analizziamo le norme in vigore, in attesa di eventuali chiarimenti ufficiali da parte delle Entrate.

Quadro normativo di riferimento

DPR 917/89 art. 16-bis

Prima di analizzare quanto previsto dal DL 34/2020, è opportuno richiamare brevemente quanto disciplinato dall’art. 16-bis del DPR 197/86.

Nell’articolo 16-bis è prevista una detrazione Irpef pari al 50% (a regime 36%) delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000 € (a regime 48.000 €) per unità immobiliare, sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati i seguenti interventi:

  1. manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale;
  2. manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, e sulle loro pertinenze;
  3. necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi;
  4. relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali;
  5. finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche;
  6. relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi;
  7. relativi alla realizzazione di opere finalizzate alla cablatura degli edifici, al contenimento dell’inquinamento acustico;
  8. relativi alla realizzazione di opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia;
  9. relativi all’adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali;
  10. di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici.

In pratica, per tutti questi interventi eseguiti sullo stesso edificio, vige il tetto di spesa pari a 96.000 €.  

DL 34/2020 e s.m.i.

L’art. 119 del DL 34/2020 (decreto Rilancio), convertito dalla legge 77/2020, ha introdotto nuove agevolazioni fiscali (Superbonus 110) per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 a fronte di specifici interventi finalizzati alla efficienza energetica (ivi inclusa la installazione di impianti fotovoltaici e delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici) nonché al consolidamento statico o alla riduzione del rischio sismico degli edifici.

In particolare, l’art. 119 definisce la gerarchia delle agevolazioni, con l’individuazione di interventi principali, detti trainanti e interventi abilitati, detti trainati.

La seguente infografica evidenzia la struttura della gerarchia prevista dall’art. 119.

Superbonus gerarchia degli interventi

Gerarchia interventi Superbonus 110

In pratica, effettuando interventi trainanti è possibile usufruire del 110% di detrazione anche sugli ulteriori interventi trainati, nel rispetto dei limiti di spesa massima agevolabile.

Comma 1

In merito ai tetti di spesa per gli interventi di cui la comma 1, lo stesso art. 119 prevede appositi limiti per gli interventi trainanti di tipo energetico:

  • edifici unifamiliari o assimilati:
    • c1 a): 50.000 €
    • c1 c):  30.000 €
  • edifici plurifamiliari
    • c1 a): 40.000 € fino a 8 ui e 30.000 € dalla nona in poi
    • c1 b): 20.000 € fino a 8 ui e 15.000 € dalla nona in poi

NB: il meccanismo a scaglioni è stato introdotto dalla Circolare 24/E delle Entrate. Non è espressamente previsto dall’art. 119.

Comma 2

Per quanto riguarda gli interventi trainanti di cui al comma 2 in tema di spesa massima, l’art. 119 rimanda direttamente alla precedente disciplina sull’ecobonus, ossia l’art. 14 del DL 63/2013 s.m.i.  – L.  296/2006.

Pertanto, possiamo così sintetizzare:

  • coibentazione pareti, pavimenti, coperture e finestre comprensive di infissi (isolamento termico involucro + infissi): detrazione massima ammissibile pari a 60.000 € cui corrisponde una spesa massima paria 54.545,45 €;
  • schermature solari e chiusure oscuranti (DL 63/2013 art. 14 c. 2): detrazione massima ammissibile pari a 60.000 € cui corrisponde una spesa massima paria 54.545,45 €;
  • collettori solari (L. 296/2006 art. 1 c. 346): detrazione massima ammissibile pari a 60.000 € cui corrisponde una spesa massima paria 54. 545,45 € € 60´000.00 € 54.545.45;
  • sostituzione impianti (vari) (L. 296/2006 art. 1 c. 347 DL 63/2013 art. 14 c. 2 lettera a): detrazione massima ammissibile pari a 30.000 € cui corrisponde una spesa massima paria 27. 272,73 €;
  • microcogeneratori (DL 63/2013 art. 14 c. 2 b-bis): detrazione massima ammissibile pari a 100.000 € cui corrisponde una spesa massima pari a 90.909,09 €;
  • sostituzione scaldacqua (DL 201/2001 art. 14 c. 4): detrazione massima ammissibile pari a 30.000 € cui corrisponde una spesa massima pari a 27.272,73 €;
  • impianti alimentati da biomasse (DL 63/2013 art. 14 c. 2-bis): detrazione massima ammissibile pari a 30.000 € cui corrisponde una spesa massima pari a 27.272,73 €;
  • dispositivi multimediali per controllo da remoto (L. 208/2005 art. 1 c. 88) detrazione massima ammissibile pari a 15.000 € cui corrisponde una spesa massima pari a 13.636,36 €.
Comma 4 – Interventi antisismici

Per quanto riguarda gli interventi di messa in sicurezza sismica degli edifici, l’art. 119 stabilisce “semplicemente” che la detrazione per gli interventi previsti dal DL 63/2013 art. 16 da comma 1-bis a 1-septies è elevata al 110%. Quindi sia gli interventi che non comportano salto di classe di rischio sismico, sia quelli che comportano miglioramento di una o 2 classi di rischio sismico, sono egualmente agevolati al 110%.

Al riguardo, la norma preesistente prevede che la detrazione vada calcolata su un ammontare massimo di spesa pari a 96.000 € per unità immobiliare per ciascun anno.

Come più volte ribadito dalle entrate, per effetto del rinvio contenuto nell’art. 16 DL 63/2013, all’articolo 16-bis, comma 1, lettera i) del DPR 917/86, gli interventi ammessi al sismabonus sono quelli indicati nel medesimo articolo 16- bis, del TUIR che deve intendersi quale norma di riferimento generale. Pertanto, gli interventi ammessi al sismabonus non possono fruire di un autonomo limite di spesa in quanto non costituiscono una nuova categoria di interventi agevolabili.

Quindi, valgono i limiti dell’art. 16-bis TUIR, che ad oggi impongono limite di spesa pari a 96.000 € complessivi per tutti gli interventi (v. sopra).

Comma 5 e 6  – Impianti fotovoltaici e relativo accumulo

L’art. 119 prevede che per l’installazione di impianti fotovoltaici su edifici (edifici secondo la definizione del dpr 412/93), la detrazione di cui all’art. 16 -bis del TUIR spetta, per le spese sostenute entro il 31/12/2021 nella misura del 110%, fino ad un ammontare complessivo delle stesse spese non superiore a euro 48.000 e comunque nel limite di spesa di 2.400 o 1.600 € per ogni kW (in funzione del tipo di attività edilizia).

La detrazione del 110% è riconosciuta anche per l’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati con la detrazione di cui al medesimo comma 5, alle stesse condizioni, negli stessi limiti di importo e ammontare complessivo e comunque nel limite di spesa di euro 1.000 per ogni kWh di capacità di accumulo del sistema.

Al riguardo l’Agenzia delle Entrate (Risoluzione 60 del 28 settembre 2020) ha già chiarito che, a seguito delle indicazioni date dal Ministero dello Sviluppo economico, il limite di spesa di 48.000 euro vada distintamente riferito agli interventi di installazione degli impianti solari fotovoltaici e dei sistemi di accumulo integrati nei predetti impianti. In pratica 48.000 € + 48.000 €.

Dubbi interpretativi

In base a quanto sopra riportato e considerati anche i vari interventi sia del MiSE che delle Entrate, sembra opportuno un chiarimento ufficiale in caso di interventi congiunti sismabonus + fotovoltaico.

Infatti, al momento ci sono 2 interpretazioni che portano a conclusioni diverse in tema di spesa massima ammissibile.

1 – ipotesi massimali separati

Secondo la prima interpretazione la spesa massima agevolabile in caso di interventi di cui al comma 4 (interventi antisismici) e comma 5 (fotovoltaico) ed eventuale comma 6 (accumulo) va distintamente riferita a C4, C5 e C6, ottenendo:

  • interventi antisismici: spesa massima agevolabile pari a 96.000 €;
  • installazione impianto fotovoltaico: spesa massima agevolabile pari a 48.000 €;
  • sistemi accumulo: spesa massima agevolabile pari a 48.000 €;

ottenendo una spesa teorica massima ammissibile di (96.000 € + 48.000 € + 48.000 €) = 192.000 €.

Secondo tale interpretazione da alcuni condivisa, il massimale di 48.000 € per il fotovoltaico è aggiuntivo rispetto a quello per il sismabonus. Il richiamo effettuato nel comma 5 al DPR 917/1986 sarebbe esclusivamente per identificare il tipo di intervento. Stando a quanto riportato in vari documenti di prassi delle Entrate (cfr. risposta a interpello n. 523 del 2020 e risoluzione 28 settembre 2020, n. 60/E), nel caso in cui sul medesimo immobile siano effettuati più interventi agevolabili, il limite massimo di spesa ammesso alla detrazione è costituito dalla somma degli importi previsti per ciascuno degli interventi realizzati.

In sostanza, così come si considerano validi i tetti di spesa per interventi trainanti espressamente individuati dal comma 1 (es. 50.000 € per isolamento termico), allo stesso modo si considererebbero i tetti di spesa ancora una volta definiti sempre dall’art. 119 al comma 5 (48.000 €) e comma 6, ribadendo il concetto che il richiamo all’art. 16-bis TUIR è solo finalizzato all’individuazione dell’intervento (tra l’altro il comma 6 non è espressamente previsto dall’art. 16-bis TUIR e per questo è stato acclarato che il tetto vada considerato autonomamente nella misura di 48.000 € ).

Pertanto, il solo impianto fotovoltaico sarebbe sempre incentivabile, a prescindere dalla presenza o meno di interventi antisismici (ricordiamo che il fotovoltaico può essere trainato dal comma 1), con una spesa massima pari a 48.000 €.

Secondo tale ipotesi, l’impianto fotovoltaico non eroderebbe il tetto di spesa di sismabonus. Anche in caso di realizzazione impianto fotovoltaico trainato al 110% senza interventi antisismici, ma con interventi di “ristrutturazione al 50%” (da contabilizzare separatamente), il massimale agevolabile del fotovoltaico non eroderebbe i limiti di spesa degli interventi di ristrutturazione, che rimarrebbero 96.000 €.

2 – ipotesi massimale congiunto

Secondo quest’altra ipotesi, anche sostenuta dall’ing. Prisinzano dell’ENEA (v. Webinar ACCA), la spesa massima ammissibile pari a 96.000 € tiene conto sia delle spese per interventi antisismici (comma 4) che per fotovoltaico (comma 5).

Ciò è legato al fatto che il richiamo all’art.16-bis del DPR 917/86 presuppone che si applichino i limiti da questa stessa norma definiti, ossia 96.000 € onnicomprensivi. Pertanto, nell’ottica che sia il comma 5 che il comma 4 (per il tramite dell’art. 16 del DL 63/2013) facciano espressamente riferimento all’art. 16-bis del TUIR e che questo stesso vada inteso quale norma di riferimento generale, la conclusione è che il tetto di spesa debba essere cumulato.

In definitiva, in tal caso le verifiche sui tetti di spesa da effettuare sui massimali sono le seguenti:

  • VERIFICA 1)  importo speso per interventi antisismici ≤ 96.000 €;
  • VERIFICA 2) fotovoltaico: spesa massima agevolabile ≤ 48.000 € (max 2.400/1.600 €/kW);
  • VERIFICA 3) importo complessivo (interventi antisismici + fotovoltaico) ≤ 96.000 €.

Massimali di spesa: chiarimento ufficiale?

A questo punto, senza esprimere giudizi in merito alla questione, speriamo possa arrivare quanto prima un chiarimento ufficiale che, secondo lo scrivente, dovrebbe essere proprio dell’Agenzia delle Entrate.

Appena avremo novità al riguardo, le pubblicheremo tempestivamente sui nostri canali.

 

usBIM.superbonus

 

7 commenti
  1. GIANFRANCO MARRA
    GIANFRANCO MARRA dice:

    Buonasera, non condivido la seconda ipotesi. Nella risoluzione n. 60 dell’Agenzia delle Entrate è stato specificato che il limite 48.000 euro si applica distintamente per fotovoltaico e sistemi di accumulo. Pertanto ciascuno avrà come limite assoluto, e separatamente, 48.000 euro e poi ciascuno, sempre separatamente, avrà i limiti in base alla potenza o potenza oraria. Da questo assunto ne deriva che se per assurdo si facesse solo intervento sismabonus (limite 96.000 euro art. 16-bis, co. 1 TUIR) e si spendessero per i due interventi sopra descritti, trainati, nulla rimarrebbe per le strutture A mio parere la risoluzione n. 60 dell’AdE, su correzione del MISE ha evidenziato un limite autonomo per fotovoltaico e per accumulo e quindi autonomo anche dal limite del sismabonus in perfetto accordo con i trainati dell’art. 119 comma 1 in cui stante il limite dei trainanti ci sono i limiti autonomi dei trainati. Infine a mio parere l’unico trainato che sembra essere inserito nel limite dei 96.000 euro da sismabonus sembra il monitoraggio strutturale di cui non si conosce il limite.

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Ciao Gianfranco, quindi condividi le deduzioni dell’ipotesi 1.
      Credo sia interessante capire anche cosa ne pensano i tecnici. Grazie del contributo.

      Rispondi
  2. Antonio Serrano
    Antonio Serrano dice:

    Casa unifamiliare indipendente “villetta”. Io interpreto così: sismabonus 96.000€ compreso opere di demolizione e rifacimento (es. Intonaci); fotovoltaico € 48.000; accumulo; rifacimento impianto di riscaldamento 30000€; serramenti; opere di manutenzione straordinaria imterne € 96.000. È corretto?

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Ciao Antonio, sembra che tu condivida l’ipotesi 2.
      Credo sia interessante capire anche cosa ne pensano i tecnici. Grazie del contributo.

      Rispondi
  3. maurizio di franco
    maurizio di franco dice:

    qui si parla solo di sismabonus, ma ipotiizzando un intervento di demolizione e ricostruzione, si dovrà utilizzare sia il sismabonus che l ‘ ecobonus110, quindìi in questo caso il fotovoltaico è sempre trainato con i suoi massimali?

    Rispondi
    • Mario Guerriero
      Mario Guerriero dice:

      Ciao Maurizio,
      sì il fotovoltaico è sempre un intervento trainato.
      I massimali sono:
      – 48.000 per l’impianto fotovoltaico (la detrazione è pari a 52.800 euro)
      – 48.000 per i sistemi di accumulo (la detrazione è pari a 52.800 euro)

      Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Ciao Maurizio, il problema è lo stesso espresso in questo articolo.
      Ci sono ipotesi discordanti sul fatto che i 48.000 € del FV sia incluso o meno nei 96.000 € del sismabonus. Per l’ecobonus, nessun dubbio.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *