Home » Notizie » Sicurezza Cantieri e Luoghi di Lavoro » Sistema di qualificazione delle imprese rispetto alla sicurezza

sistema di qualificazione imprese

Sistema di qualificazione delle imprese rispetto alla sicurezza

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Il sistema di qualificazione delle imprese si basa sulla patente a punti per misurare il rispetto delle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro

Leggi il testo di legge

L’evoluzione dei sistemi produttivi e l’emergere di nuovi rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori hanno portato ad introdurre soluzioni normative che privilegiano l’ingresso di operatori in grado di fornire una prestazione di qualità per garantire la sicurezza sul lavoro.

La scelta del contraente rappresenta un aspetto fondamentale per il committente, non solo ai fini amministrativi, ma anche per quanto riguarda le problematiche di salute e sicurezza. Di qui la necessità di introdurre un sistema di qualificazione delle imprese, messo in luce dall’art. 27 del D.Lgs. 81/08. Il sistema di qualificazione è uno strumento normativo in grado di dare evidenza del valore morale, tecnico, professionale dell’impresa e, conseguentemente, di escludere dal mercato operatori non adeguatamente preparati o non regolari.

Per garantire ambienti di lavoro più sicuri è fondamentale che le imprese rivedano i propri contesti organizzativi e produttivi in modo da contenere il fenomeno infortunistico attraverso una serie di misure di prevenzione. Per questo motivo, è indispensabile l’utilizzo di un software gestione sicurezza lavoro che consenta di creare un sistema di gestione della sicurezza attraverso la pianificazione, il controllo e il monitoraggio delle attività e degli adempimenti previsti dalla normativa in materia di sicurezza sul lavoro.

Cos’è il sistema di qualificazione?

Il sistema di qualificazione delle imprese rappresenta l’insieme delle regole e dei procedimenti volti da un lato ad escludere dal mercato operatori non regolari o scarsamente preparati e, dall’altro invece, a premiare i soggetti più affidabili sotto il profilo morale, tecnico e professionale.

Tale sistema mira a definire modelli virtuosi per le imprese che, innanzitutto, devono rispettare le disposizioni normative in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, e anche applicare determinati standard contrattuali e organizzativi nell’impiego della manodopera, in relazione agli appalti e alle varie tipologie di lavoro, compreso il lavoro flessibile (comma 1 art. 27 D.Lgs. 81/08).

Principalmente, i sistemi di qualificazione sono stati sviluppati nel settore degli appalti pubblici per massimizzare i criteri di trasparenza nelle attività delle pubbliche amministrazioni, con lo scopo di contrastare le infiltrazioni criminali nelle gare ad evidenza pubblica; mentre, nel settore degli appalti privati, i sistemi di qualificazione sono utili per garantire la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro.

La patente a punti come elemento vincolante per imprese e lavoratori autonomi

L’art. 27 del D.Lgs. 81/08 specifica che il possesso della patente a punti costituisce un elemento vincolante per la partecipazione alle gare relative agli appalti e subappalti pubblici e per l’accesso ad agevolazioni, finanziamenti e contributi pubblici..

Riguardo agli obblighi connessi ai contratti d’appalto, d’opera e di somministrazione, un aspetto importante per la prevenzione è relativo alla valutazione dei rischi da interferenza (art. 26 D.Lgs. 81/08); cioè quei rischi che, nell’esecuzione di contratti per lavori, servizi e forniture, in un determinato contesto, vengono considerati aggiuntivi rispetto alla normale effettuazione degli stessi.

Redigere il DUVRI in modo corretto richiede particolare attenzione; pertanto, per essere certo di adempiere agli obblighi di legge e tenere conto di tutte le specificità della tua attività, ti consiglio di utilizzare un software per la redazione del DUVRI.

Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi
1. A far data dal 1° ottobre 2024 e all’esito della integrazione del portale di cui al comma 9, sono tenuti al possesso della patente di cui al presente articolo le imprese e i lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a) . La patente è rilasciata, in formato digitale, dalla competente sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro subordinatamente al possesso dei seguenti requisiti da parte del responsabile legale dell’impresa o del lavoratore autonomo richiedente:
a) iscrizione alla camera di commercio industria e artigianato;
b) adempimento, da parte del datore di lavoro, dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori dell’impresa, degli obblighi formativi di cui all’articolo 37;
c) adempimento, da parte dei lavoratori autonomi, degli obblighi formativi previsti dal presente decreto;
d) possesso del documento unico di regolarità contributiva in corso di validità (DURC);
e) possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR);
f) possesso del Documento Unico di Regolarità Fiscale (DURF).2. Nelle more del rilascio della patente è comunque consentito lo svolgimento delle attività di cui al Titolo IV, salva diversa comunicazione notificata dalla competente sede dell’Ispettorato del lavoro.3. La patente è dotata di un punteggio iniziale di trenta crediti e consente ai soggetti di cui al comma 1 di operare nei cantieri temporanei o mobili di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a) , con una dotazione pari o superiore a quindici crediti.

4. La patente subisce le decurtazioni correlate alle risultanze degli accertamenti e dei conseguenti provvedimenti
definitivi emanati nei confronti dei datori di lavoro, dirigenti e preposti dell’impresa o del lavoratore autonomo:
a) accertamento delle violazioni di cui all’Allegato I: dieci crediti;
b) accertamento delle violazioni che espongono i lavoratori ai rischi indicati nell’Allegato XI: sette crediti;
c) provvedimenti sanzionatori di cui all’articolo 3, commi 3 e seguenti, del decreto-legge 22 febbraio 2002, n. 12, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2002, n. 73: cinque crediti;
d) riconoscimento della responsabilità datoriale di un infortunio sul luogo di lavoro da cui sia derivata:
1) la morte: venti crediti;
2) un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale: quindici crediti;
3) un’inabilità temporanea assoluta che importi l’astensione dal lavoro per più di quaranta giorni: dieci crediti.

5. Nei casi di infortuni da cui sia derivata la morte o un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, la competente sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro può sospendere, in via cautelativa, la patente fino a un massimo di dodici mesi. L’ispettorato nazionale del lavoro definisce i criteri, le procedure e i termini del provvedimento di sospensione. Ciascun provvedimento di cui al comma 4 e al presente comma riporta i crediti decurtati. Gli atti ed i provvedimenti emanati in relazione al medesimo accertamento ispettivo non possono nel complesso comportare una decurtazione superiore a venti crediti.

6. L’amministrazione che ha formato gli atti e i provvedimenti definitivi di cui ai commi 4 e 5 ne dà notizia, entro trenta giorni dalla notifica ai destinatari, anche alla competente sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, la quale procede entro trenta giorni dalla comunicazione alla decurtazione dei crediti.

7. I crediti decurtati possono essere reintegrati a seguito della frequenza, da parte del soggetto nei confronti del quale è stato emanato uno dei provvedimenti di cui ai commi 4 e 5, dei corsi di cui all’articolo 37, comma 7. Ciascun corso consente di riacquistare cinque crediti, a condizione della trasmissione di copia del relativo attestato di frequenza alla competente sede dell’Ispettorato nazionale del lavoro. I crediti riacquistati ai sensi del presente comma non possono superare complessivamente il numero di quindici. Trascorsi due anni dalla notifica degli atti e dei provvedimenti di cui ai commi 4 e 5, previa trasmissione alla competente sede dell’Ispettorato nazionale del lavoro di copia dell’attestato di frequenza di uno dei corsi di cui al presente comma, la patente è incrementata di un credito per ciascun anno successivo al secondo, sino ad un massimo di dieci crediti, qualora l’impresa o il lavoratore autonomo non siano stati destinatari di ulteriori atti o provvedimenti di cui ai commi 4 e 5. Il punteggio è inoltre incrementato di cinque crediti in relazione alle imprese che adottano i modelli di organizzazione e di gestione di cui all’articolo 30.

8. Una dotazione inferiore a quindici crediti della patente non consente alle imprese e ai lavoratori autonomi di operare nei cantieri temporanei o mobili di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a) , fatto salvo il completamento delle attività oggetto di appalto o subappalto in corso al momento dell’ultima decurtazione dei crediti nonché gli effetti dei provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 14. Fatto salvo quanto previsto dal comma 2 e con riferimento al completamento delle attività oggetto di appalto o subappalto in corso al momento dell’ultima decurtazione dei crediti, l’attività in cantieri temporanei o mobili di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a) , da parte di una impresa o un lavoratore autonomo privi della patente o in possesso di una patente recante un punteggio inferiore a quindici crediti comporta il pagamento di una sanzione amministrativa da euro 6.000 ad euro 12.000, non soggetta alla procedura di diffida di cui all’articolo 301 -bis e l’esclusione dalla partecipazione ai lavori pubblici di cui al codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36, per un periodo di sei mesi.

9. Le informazioni relative alla patente confluiscono in un’apposita sezione del portale nazionale del sommerso di cui all’articolo 19 del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36 convertito dalla legge 29 giugno 2022, n. 79. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali sono individuate le modalità di presentazione della richiesta di rilascio ed i contenuti informativi della patente di cui al presente articolo.

10. Le disposizioni di cui ai commi da 1 a 9 possono essere estese ad altri ambiti di attività individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sulla base di quanto previsto da uno o più accordi stipulati a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative.

11. Non sono tenute al possesso della patente di cui al presente articolo le imprese in possesso dell’attestato di qualificazione SOA di cui all’articolo 100, comma 4, del codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo n. 36 del 2023.

Leggi tutti gli articoli del testo unico sicurezza (D.Lgs. 81/08).
certus-gsl
certus-gsl
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *