Home » Notizie » Sicurezza Cantieri e Luoghi di Lavoro » Sicurezza nelle gallerie e viadotti: ecco le indicazioni del Mit

Sicurezza delle gallerie e dei viadotti: le indicazioni del Mit

Sicurezza nelle gallerie e viadotti: ecco le indicazioni del Mit

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

In Gazzetta le linee guida per la classificazione e gestione del rischio, la valutazione della sicurezza ed il monitoraggio delle gallerie esistenti

L’Italia è un Paese lungo, stretto e con tante montagne; da qui la necessità di costruire tanti ponti e gallerie: si contano 2.179 gallerie21.072 ponti e viadotti, 6.320 cavalcavia.

Si tratta, quindi, di un ambito di applicazione molto vasto dove è di fondamentale importanza l’adozione di idonee misure di manutenzione e sicurezza per salvaguardare l’esercizio dell’infrastruttura e la salute dei lavoratori. Per farlo è necessario avere un sistema di classificazione del rischio che consenta la creazione di un grande “data base digitale”.

Grazie al lavoro svolto presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici sono disponibili le linee guida riguardanti la classificazione e gestione del rischio delle gallerie, previste dal decreto Semplificazioni 2020 (dl n. 76/2020).

Contemporaneamente alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 196 del 23 agosto 2022) del decreto 1 agosto 2022 contenente le linee guida per la sicurezza ed il monitoraggio dei ponti, trovano spazio le linee guida MIT per la sicurezza delle gallerie.

La redazione di un documento di valutazione dei rischi, che deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, è un obbligo in capo al datore di lavoro, non delegabile!

Per evitare di commettere errori ti consiglio di affidarti al software per la valutazione dei rischi professionale e semplice da usare, che ti permette di gestire la sicurezza in cantiere senza moduli o costi aggiuntivi, con relazioni sempre aggiornate alla normativa vigente e valutazione dei rischi già inclusa nel software.

Linee guida sul rischio e la sicurezza delle gallerie

Le linee guida in esame rappresentano uno strumento finalizzato alla classificazione delle gallerie esistenti secondo “classi di attenzione” che si attueranno in base ad un cronoprogramma previsto nel decreto.

In particolare, in riferimento alle suddette classi di attenzione si programmeranno:

  • indagini,
  • verifiche di dettaglio,
  • attività di monitoraggio,
  • interventi.

Scopo delle linee guida

Obiettivo primario è quello di assicurare l’omogeneità della classificazione e gestione del rischio, della valutazione della sicurezza e del monitoraggio delle gallerie esistenti lungo la rete stradale e autostradale.

Inoltre, come espresso nel decreto, è richiesta la nomina di un Responsabile ed è prevista anche la costituzione di un Osservatorio nazionale di monitoraggio.

Ambito di applicazione

Le linee guida si applicano alle gallerie stradali esistenti, intese come opere in sotterraneo in cui una dimensione è prevalente sulle altre due, di lunghezza superiore o uguale a 200 m per almeno uno dei fornici quando il sistema galleria presenta carreggiate separate, comprese le gallerie artificiali, le gallerie paramassi ed i sottopassi.

Per le opere di lunghezza inferiore a 200 m, il gestore valuterà caso per caso un’adozione parziale del documento, in relazione alle specificità delle singole situazioni e calibrata sulle criticità della singola galleria. Per i sottopassi, invece, le linee guida si applicano anche per lunghezze inferiori ai 200 m.

 

Il decreto unitamente all’allegato è in vigore dal 24 agosto 2022.

 

 

certus-ldl
certus-ldl

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *