Home » Notizie » Lavori pubblici » Si avvia verso l’approvazione finale il Decreto “Parametri bis”, contenente le nuove tariffe professionali

Si avvia verso l’approvazione finale il Decreto “Parametri bis”, contenente le nuove tariffe professionali

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Si attende ora l’approvazione della Corte dei Conti e la successiva pubblicazione su Gazzetta Ufficiale.

Dopo un lungo e travagliato iter, il Consiglio di Stato ha espresso parere favorevole sul Decreto “Parametri bis”, relativo alla ridefinizione dei parametri per i corrispettivi dei servizi di ingegneria e architettura.

Il nuovo regolamento definisce la modalità di determinazione degli importi da porre a base delle gare di progettazione.
Nello specifico il Decreto ministeriale stabilisce che il corrispettivo del professionista sarà dato dal compenso e dalle spese ed oneri accessori.
Il compenso si otterrà facendo la somma del costo delle singole categorie che compongono l’opera, la sua specificità e la complessità delle prestazioni. Le spese ed oneri accessori, invece, saranno calcolate in maniera forfettaria, facendo riferimento all’importo dell’opera.

Sarà, infine, la Stazione Appaltante a controllare volta per volta che i compensi a base di gara non superino le vecchie tariffe, non avendo altra possibilità di verificare l’adempimento del vincolo in base al quale i nuovi parametri non devono superare i compensi derivanti dalle vecchie tariffe minime (articolo 9 della Legge n. 27/2012).

Si attende ora l’approvazione della Corte dei Conti e la successiva pubblicazione su Gazzetta Ufficiale.
Informiamo i lettori che in occasione delle manifestazioni SAIE 2013 e MADEexpo 2013 sarà presentato il nuovo software Compensus-LP, il software per determinare i corrispettivi per i servizi di ingegneria ed architettura da porre a base di gare. In occasione delle fiere sarà possibile prenotare Compensus-LP usufruendo della straordinaria offerta lancio.

Clicca qui per conoscere tutte le caratteristiche di Compensus-LP

 
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *