Home » BIM Topic » BIM e progettazione » Consigli utili per la ristrutturazione di un seminterrato

ristrutturazione seminterrato

Consigli utili per la ristrutturazione di un seminterrato

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Contenere il consumo di suolo e sfruttare tutti gli spazi disponibili: ecco alcuni consigli utili per progettare la ristrutturazione di un seminterrato

La ristrutturazione di un seminterrato rappresenta una sfida affascinante per i progettisti, poiché offre l’opportunità di trasformare uno spazio spesso trascurato e mal utilizzato in un ambiente funzionale e accogliente. In questo articolo, forniremo consigli utili per i progettisti che desiderano affrontare con successo la progettazione di una ristrutturazione seminterrato, tenendo conto di aspetti essenziali come l’illuminazione, l’isolamento e l’aerazione.

Per progettare la ristrutturazione di un seminterrato, puoi utilizzare un software di progettazione architettonica BIM che ti permette di distribuire al meglio gli spazi, verificare il risultato ottenuto, scendere nel dettaglio delle scelte di progetto (compreso la definizione di materiali ed arredi) ed ottenere in automatico elaborati grafici, viste 3D, abachi e tabelle per la verifica dei requisiti igienico-sanitari di progetto (altezza interna minima, rapporto aeroilluminante, superfici dei vani, ecc.).

Progetto ristrutturazione seminterrato

Avere un immobile con seminterrato è un plus considerevole per i proprietari perché è un fattore con alto potenziale che, se sfruttato in modo adeguato, può aggiungere valore all’immobile; soprattutto quando si decide di cambiarne la destinazione d’uso, trasformandolo da cantina/deposito o garage ad appartamento indipendente, playroom o SPA.

Ecco alcune idee per il cambio di destinazione d’uso.

Seminterrato come home cinema

La posizione parzialmente interrata, rende il seminterrato un ambiente di per sé ideale per la realizzazione di una sala cinema domestica (home cinema). Grazie alla scarsa presenza di aperture e all’isolamento acustico naturale delle pareti controterra, il progettista può concentrarsi sull’installazione di un sistema audio-video di alta qualità, senza doversi preoccupare eccessivamente di problemi di illuminazione e insonorizzazione. L’utilizzo di un comodo divano di dimensioni adeguate e di un impianto Home Theatre all-inclusive consente di creare un’esperienza cinematografica di alto livello direttamente in casa.

Seminterrato come playroom per bambini

Trasformare il seminterrato in una playroom dedicata ai più piccoli rappresenta una soluzione efficace per separare gli spazi di gioco dal living principale. Attraverso una ristrutturazione mirata, puoi creare un ambiente sicuro, accogliente e stimolante per i bambini, dotato di soluzioni di arredo e illuminazione adatte alle loro esigenze. L’isolamento acustico e la possibilità di contenere il disordine dei giochi in un ambiente separato, rendono il seminterrato una scelta ideale per questa destinazione d’uso.

Seminterrato come stanza dei giochi per adulti

Non solo i bambini possono beneficiare di uno spazio ludico nel seminterrato: anche gli adulti possono trovare nel seminterrato l’ambiente ideale per allestire una vera e propria “stanza dei giochi”. Attraverso l’inserimento di elementi come un tavolo da biliardo, da ping-pong o postazioni per videogiochi, puoi trasformare il seminterrato in un’oasi di svago e divertimento per i proprietari. In questo caso, l’illuminazione dovrà essere attentamente studiata per garantire la massima funzionalità e comfort durante le attività.

Seminterrato come zona relax

Il seminterrato può inoltre essere convertito in una zona relax, un’area dedicata al benessere e al rilassamento, separata dal resto dell’abitazione. Pareti chiare, pavimenti in legno e tappeti morbidi creano un’atmosfera accogliente e rilassante, mentre l’illuminazione a LED e le lampade di design contribuiscono a definire un’ambientazione unica. Puoi valutare l’inserimento di una vasca da bagno, sauna o idromassaggio o di una vera e propria piccola SPA, per offrire ai proprietari un’esperienza di relax completa.

Seminterrato come home gym

Infine, il seminterrato rappresenta un’ottima soluzione per la realizzazione di una palestra domestica (home gym). Grazie alla possibilità di personalizzare gli spazi in base alle esigenze specifiche, puoi creare un ambiente di allenamento efficiente e confortevole, dotato delle attrezzature necessarie per soddisfare le richieste dei proprietari.

Come fare la ristrutturazione di un seminterrato

Come abbiamo visto, le idee per un relooking del seminterrato sono tante. Ma cosa occorre valutare prima di iniziare i lavori? Vediamolo subito.

Per definizione, il seminterrato è il piano di un edificio il cui pavimento si trova a una quota inferiore (anche solo in parte) a quella del terreno posto in aderenza all’edificio e il cui soffitto si trova ad una quota superiore rispetto al terreno posto in aderenza all’edificio. Si differenzia dal piano interrato in cui il soffitto si trova a quota inferiore rispetto a quella del terreno posto in aderenza all’edificio.

Per rendere un seminterrato abitabile, occorre valutare e rispettare i seguenti parametri:

  • aeroilluminazione;
  • prescrizioni igienico-sanitarie;
  • norme antisismiche e antincendio;
  • requisiti di efficienza energetica e accessibilità.

Questo implica che il progetto deve mirare alla creazione di uno spazio vivibile e salubre, privo di umidità, isolato termicamente, correttamente aerato ed illuminato in relazione alla sua grandezza e all’uso, sicuro ed efficiente. Se l’ambiente non soddisfa questi parametri prima della progettazione, è necessario che il progetto includa interventi  di impermeabilizzazione e isolamento della pareti controterra, apertura di nuove finestre per soddisfare i parametri di aeroilluminazione e la realizzazione di idonei impianti tecnologici.

Per approfondire ti propongo anche l’articolo Come trasformare un garage in appartamento, completo del modello 3D da scaricare gratis ed utilizzare come base per il tuo progetto.

Come trasformare un garage in appartamento | Rendering della vista dal living verso il bagno

Progetto | Vista dal living verso il bagno

Interventi di impermeabilizzazione

Nel contesto del recupero di piani seminterrati, la gestione dell’umidità è di fondamentale importanza per contrastare la risalita dell’umidità, le infiltrazioni d’acqua e la presenza di gas Radon. Le pareti di queste strutture, trovandosi al di sotto del livello del suolo, richiedono un approccio tecnologico efficace per mantenere l’ambiente asciutto e sano.

L’approccio più efficace consiste, quando possibile, nell’intervenire esternamente, realizzando un’intercapedine aerata lungo il perimetro della struttura. Questa intercapedine aerata, viene poi impermeabilizzato per garantire una protezione completa, riempita da uno strato di drenaggio e munita di apposita tubazione per l’allontanamento dell’acqua dalle pareti dell’edificio.

Nel caso in cui l’intervento esterno non sia praticabile, è possibile ricorrere al vespaio aerato come alternativa per intervenire internamente. Questo può essere accompagnato da trattamenti diretti sulle murature, come la rimozione degli intonaci esistenti ammalorati e l’applicazione di intonaci deumidificanti e barriere chimiche, a seconda delle necessità specifiche. Il fenomeno dell’umidità può essere attenuato anche con l’impiego di unità di trattamento dell’aria (UTA) o la realizzazione di contropareti con intercapedine aerata e fori di aerazione.

Gestione del gas Radon

Il gas Radon rappresenta un’altra sfida significativa. La sua concentrazione nei locali a diretto contatto con il suolo può essere dannosa per la salute, superati i livelli di riferimento di concentrazione media annua definiti dalla normativa per le abitazioni esistenti.

Il radon è un gas radioattivo che si trova naturalmente nel terreno e, di conseguenza, può essere rilevato facilmente in ambienti seminterrati e interrati che non sono stati bel isolati dal terreno.

Se inalato in quantitativi in eccesso e per periodi prolungati, può provocare seri danni alla salute, in particolare ai polmoni.

Per affrontare questa problematica, è essenziale garantire una corretta ventilazione e sigillare eventuali crepe o fessure nelle pavimentazioni e nelle pareti. Nel caso in cui la ventilazione naturale sia insufficiente, si può prevedere l’uso della Ventilazione Meccanica Controllata (VMC). Inoltre, durante interventi di recupero e ristrutturazione, è possibile utilizzare barriere e membrane impermeabilizzanti per impedire l’ingresso del gas.

Interventi di isolamento termico

Per contenere le dispersioni termiche ed evitare la formazione di condensa e muffa, l’isolamento termico svolge un ruolo cruciale. Questo può essere realizzato mediante l’installazione di un cappotto termico o di un sistema di isolamento interno. Inoltre, isolare il soffitto e garantire una corretta aerazione contribuiscono al comfort termico e alla prevenzione dei problemi legati all’umidità. Anche la realizzazione di un vespaio aerato e la sostituzione degli infissi con elementi più idonei e performanti aiuta a soddisfare i requisiti di confort termico.

Rapporto aeroilluminante e requisiti igienico-sanitari

I requisiti igienico-sanitarie includono la dimensione minima degli spazi abitabili, l’altezza minima, l’illuminazione naturale e la presenza di un sistema di riscaldamento.

Secondo le normative locali, occorre avere un’altezza minima, in media pari a 2,40 m. Per raggiungere questo requisito, potrebbe essere necessario rimuovere eventuali controsoffitti esistenti o, in caso di lavori di ristrutturazione più importanti, abbassare il livello del pavimento (ad esempio, durante la realizzazione di un vespaio aerato) o aumentare l’altezza del solaio sovrastante.

Per quanto riguarda il rapporto tra superficie del pavimento e superficie delle finestre, questo può essere risolto mediante la creazione di nuove aperture, anche se non sempre è un’operazione semplice e fattibile. In alcuni casi, è necessario l’utilizzo di bocche di lupo per permettere l’ingresso di aria e luce.

Per verificare che gli spazi progettati rispettino i rapporti aeroilluminanti previsti dalla norma, puoi utilizzare un software di progettazione architettonica BIM, che esegue i calcoli in automatico dal modello 3D del seminterrato. Ottieni tutte le tabelle con le superfici in pianta di ogni vano, le superfici finestrate relative al singolo vano e il rapporto tra di esse.

L’uso di illuminazione completamente artificiale e di aerazione totalmente attiva e meccanizzata è consentito solo per scopi commerciali o terziari, non per uso residenziale.

Impianti tecnologici

Per quanto riguarda gli impianti tecnologici, come il riscaldamento, l’acqua calda sanitaria, il gas, l’idrosanitario e l’elettrico, devono essere conformi alla normativa vigente. Ciò include il corretto smaltimento dei fumi e delle esalazioni, che devono essere diretti verso l’esterno, preferibilmente sul tetto. In caso di impossibilità di installare impianti a gas, possono essere utilizzati impianti alimentati elettricamente, come pompe di calore o scaldabagni elettrici.

 

Edificius

 

Edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *