Quando spetta il Superbonus rafforzato?

Quando spetta il Superbonus rafforzato con incremento del 50%?

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ok al Superbonus rafforzato anche per restauro e risanamento qualora sussista il diritto al contributo per la ricostruzione e ci sia la successiva rinuncia formale allo stesso

In arrivo nuovi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate in merito, questa volta, al Superbonus rafforzato.

In particolare, con la risposta n. 662/2021, il Fisco chiarisce quando spetta l’agevolazione per immobili siti nei comuni dichiarati con stato di emergenza aventi diritto al contributo ricostruzione.

Superbonus rafforzato

Prima di analizzare l’interpello ricordiamo che la legge di Bilancio 2021 ha previsto l’aumento del 50% del limite di spesa ammesso al Superbonus spettante per interventi di efficienza energetica o antisismici, nel caso di interventi di ricostruzione riguardanti i fabbricati danneggiati da eventi sismici.

Al riguardo segnaliamo la guida fiscale sul Superbonus nei Comuni colpiti da sisma.

La guida evidenzia come:

  • i limiti delle spese ammesse alla fruizione degli incentivi fiscali eco bonus e sisma bonus di cui ai commi precedenti, sostenute entro il 30 giugno 2022, sono aumentati del 50 % per gli interventi di ricostruzione riguardanti i fabbricati danneggiati dal sisma nei comuni di cui agli elenchi allegati al decreto-legge 17 ottobre 2016, n.189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, e di cui al decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2009, n. 77, nonché nei comuni interessati da tutti gli eventi sismici verificatisi dopo l’anno 2008 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza. In tal caso, gli incentivi sono alternativi al contributo per la ricostruzione e sono fruibili per tutte le spese necessarie al ripristino dei fabbricati danneggiati, comprese le case diverse dalla prima abitazione, con esclusione degli immobili destinati alle attività produttive;
  • nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza, gli incentivi di cui al comma 4 spettano per l’importo eccedente il contributo previsto per la ricostruzione.

Quindi la norma non è limitata ai soli Comuni del Centro Italia colpiti dal sisma nel 2016, ma riguarda tutti i Comuni interessati da eventi sismici avvenuti dopo il 2008 dove sia stato dichiarato lo stato d’emergenza. In tali casi, però, il Superbonus è alternativo al contributo per la ricostruzione.

Il caso

Il caso in esame riguarda un contribuente proprietario, insieme ad altri soggetti, di un edificio unifamiliare ubicato in un Comune che rientra nell’elenco di quelli dichiarati con “stato di emergenza” a seguito di un evento sismico nel 2012.

L’istante intende eseguire i seguenti interventi di:

  • messa in sicurezza e miglioramento della classe sismica;
  • efficientamento energetico dell’edificio.

A tal riguardo specifica che l’edificio in questione NON ha usufruito del contributo per la ricostruzione e, trattandosi di un edificio di “valore storico testimoniale”, il vigente piano regolatore generale del Comune consente unicamente interventi definiti di restauro e risanamento conservativo (sono vietati gli interventi di demolizione e ricostruzione e/o di ristrutturazione dell’edificio).

Pertanto chiede se gli interventi che intende effettuare possano fruire del Superbonus rafforzato.

Risposta dell’Agenzia delle Entrate

Nella risposta all’interpello il Fisco ribadisce che gli incentivi fiscali in misura maggiorata (Superbonus rafforzato) spettano in alternativa al contributo per la ricostruzione, presupponendo, quindi, il diritto al contributo e la successiva rinuncia formale allo stesso.

Per gli interventi prospettati dal contribuente, quindi, sussiste il diritto al contributo per la ricostruzione, nel rispetto di tutti i presupposti normativamente previsti e, quindi, l’istante potrà usufruire del Superbonus rafforzato,  rinunciando al predetto contributo.

 

Clicca qui per scaricare la risposta n. 662/2021

 

edilus-crs
edilus-crs

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *