I chiarimenti su Superbonus 110% e condominio minimo

I chiarimenti su Superbonus 110% e condominio minimo

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Condominio minimo: percentuali sui pagamenti, limiti di spesa, interventi trainati e trainanti. Ecco le risposte dell’Agenzia delle Entrate

Nuovi interessanti chiarimenti in merito al Superbonus 110 e condominio minimo arrivano nella risposta 809/2021 del 14 dicembre 2021 dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso in esame l’stante è proprietaria di 2 immobili (categoria A/2 e C/6) siti in un condominio del quale fanno parte altri 3 immobili (categoria A/2, C/2 e C/6) di proprietà del marito; la superficie complessiva delle unità immobiliari destinate a residenza ricomprese nell’edificio è superiore al 50%.

L’istante rappresenta di voler effettuare la demolizione e ricostruzione dell’intero edificio (rientrante nella “ristrutturazione edilizia”), realizzando interventi “trainanti” per cui è previsto il Superbonus, ossia isolamento termico dell’involucro dell’edificio, interventi antisismici e sostituzione dell’impianto termico condominiale.

Quesito 1

Premesso che entrambi i condòmini intendono cedere il credito in luogo della detrazione spettante e che, trattandosi di un “condominio minimo”, non è stato richiesto un codice fiscale né è stato nominato un amministratore, ma è stata sottoscritta una scrittura privata con la quale si prevede che le spese verranno sostenute da ciascun condòmino nella misura del 50% del totale e che l’istante provvederà ad effettuare gli adempimenti necessari, l’istante chiede se:

In caso di lavori da Superbonus effettuati su un condominio minimo, chi deve effettuare i pagamenti, per non perdere l’agevolazione?

L’Agenzia delle Entrate richiama la circolare n. 24/2020 in cui viene ribadito che per i mini condomini, a differenza dei “grandi”, non è necessaria la nomina dell’amministratore (nonché l’obbligo da parte di quest’ultimo di apertura di un apposito conto corrente intestato al condominio).

Pertanto, per poter beneficiare del Superbonus in caso di lavori realizzati sulle parti comuni:

  • i condomìni possono utilizzare il codice fiscale del condòmino che ha effettuato i connessi adempimenti;
  • le fatture dovranno essere emesse nei confronti del condòmino che effettua o di chi ha effettuato i relativi adempimenti.

Inoltre, come precisato con la circolare n. 7/2021 (riguardante agevolazioni per ristrutturazioni edilizie e di efficientamento energetico, ma applicabile anche ai fini del Superbonus), la detrazione spetta anche a colui che non risulta intestatario del bonifico e/o della fattura, nella misura in cui abbia effettivamente sostenuto le spese; è però necessario  che i documenti di spesa, fin dal primo anno di fruizione del beneficio, siano integrati con il nominativo di chi ha pagato e con l’indicazione della relativa percentuale.

Infine, ciascun condòmino potrà decidere autonomamente di usufruire direttamente della detrazione nella propria dichiarazione dei redditi, o di optare per lo sconto in fattura o per la cessione del credito (ai sensi dell’articolo 121 del decreto Rilancio).

Quesito 2

La seconda domanda posta dal contribuente riguarda l’intervento “trainato” di sostituzione della caldaia di riscaldamento condominiale con una alimentata da biomasse combustibili; nello specifico chiede:

Qual è il limite di spesa ammesso per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento?

Innanzitutto le Entrate ricordano che in linea generale un intervento “trainato” è ammesso al Superbonus solo se eseguito congiuntamente ad un intervento “trainante” finalizzato all’efficienza che, nel caso in esame è l’isolamento termico dell’involucro esterno dell’edificio.

In riferimento al massimale di spesa, la circolare 30/E/2020 ha stabilito un limite massimo di detrazione spettante. Per determinare tale limite bisogna dividere la detrazione massima ammissibile prevista nelle norme di riferimento per l’aliquota di detrazione espressa in termini assoluti: la detrazione massima diviso 1,1.

Quindi, considerato che l’art. 14 comma 2-bis del dl n. 63/2013 stabilisce che, per i lavori di efficientamento energetico, la detrazione massima è pari a 30.000 euro, il limite di spesa ammesso al Superbonus, sarà di 27.273 euro.

Quesito 3

Infine, l’istante chiede chiarimenti circa l’installazione di grate alle finestre, ossia:

Se l’intervento di installazione di grate alle finestre possa essere considerato di completamento degli altri interventi agevolabili, considerato che nell’immobile originario sono presenti delle grate alle finestre solo del piano terra, ma non anche al primo piano oppure devono essere considerati come “lavori finalizzati alla prevenzione del rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi” a fronte dei quali spetterebbe la detrazione di cui all’articolo 16-bis, comma 1, lett. f) del TUIR e se, in tale caso se sia possibile cedere il credito corrispondente a tale detrazione.

Il Fisco richiama la precedente circolare 30/2020, in cui si è precisato che il Superbonus spetta anche per gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione e al completamento dell’intervento agevolato.

La risposta è, quindi, positiva: nei limiti di spesa previsti dalla norma, per i costi sostenuti per l’installazione delle grate alle finestre sarà possibile usufruire della detrazione a condizione che un tecnico abilitato attesti:

  • la rispondenza dell’intervento ai requisiti richiesti dalla norma;
  • la congruità delle relative spese sostenute;
  • il collegamento dell’opera alla realizzazione e al completamento degli interventi agevolati.

In caso contrario, per tali spese sarà comunque possibile fruire della detrazione prevista per le ristrutturazioni edilizie, senza naturalmente decidere di poter optare per la cessione del credito o dello sconto in fattura in luogo della spettante detrazione.

 

Clicca qui per scaricare la risposta n. 809/2021

 

usBIM.superbonus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.