Locatario e Superbonus: nessuna agevolazione se l'immobile appartiene a una società di cui è socio

Locatario e Superbonus: nessuna agevolazione se l’immobile appartiene a una società di cui è socio

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dal Fisco: no al Superbonus per i lavori effettuati dal socio locatario su un’unità immobiliare di proprietà della società commerciale

Ancora nuovi chiarimenti in merito all’applicazione dell’art. 119 del decreto Rilancio (decreto n. 34/2020)

Con l’istanza di interpello in esame, la n. 380 del 15 luglio 2022, il Fisco si sofferma sul caso di un’unità immobiliare funzionalmente indipendente locata al socio persona fisica della società proprietaria dell’immobile.

Niente Superbonus per i lavori da realizzarsi sull’unità immobiliare residenziale di proprietà di una società a responsabilità limitata, data in locazione all’istante, socia di  detta società; questo, in sintesi, quanto espresso dal Fisco.

Per  procedere in modo corretto e veloce nella gestione delle pratiche legate al buon fine del godimento del Superbonus, ti consiglio il software che può aiutarti per accedere alla maxi detrazione e tutti gli altri bonus edilizi.

Il caso

Una società commerciale è proprietaria di un edificio su cui vengono effettuati dei lavori agevolabili.

L’istante detiene in locazione un’unità immobiliare (censita in Catasto in categoria A/2) di proprietà della suddetta società di cui è socia, ubicata al piano superiore di un edificio nel quale, al piano terreno, si trovano dei locali di proprietà della medesima società adibiti ad attività commerciale.

L’istante, ossia il socio affittuario, rappresenta che la predetta unità immobiliare:

  • è un’abitazione funzionalmente indipendente, avendo un libero accesso dalla strada pubblica ed essendo anche dotata di autonome utenze relative alla corrente e al gas;
  • non è la sede di alcuna attività lavorativa;
  • possiede il contratto d’affitto regolarmente registrato.

Data l’assoluta indipendenza funzionale dell’abitazione rispetto al resto dell’edificio di cui fa parte e dove la società svolge la propria attività commerciale, l’istante chiede chiarimenti in merito alla possibilità di fruire del Superbonus per la realizzazione dei seguenti interventi di efficientamento energetico:

  • cappotto termico,
  • installazione di pannelli solari fotovoltaici con relative batterie di accumulo,
  • sostituzione dell’attuale impianto di climatizzazione invernale con uno a pompa di calore,
  • sostituzione di tutti gli infissi.

Il parere del Fisco

La risposta dell’Agenzia delle Entrate è negativa: essere socio della Srl proprietaria dell’immobile in questione, fa venir meno la possibilità di fruire del beneficio fiscale, anche quando l’immobile è ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione.

Il riferimento è la circolare n. 24/2020, contenenti i chiarimenti in merito all’articolo 119 del decreto Rilancio.

In particolare, viene sottolineato che il Superbonus NON spetta ai soci di una società che svolge attività commerciale, i quali sostengono le spese per interventi effettuati su immobili residenziali di proprietà della stessa, che costituiscono beni relativi all’impresa. Tale circostanza sussiste anche nell’ipotesi in cui il socio sia detentore dell’immobile sulla base, ad esempio, di un contratto di locazione o di comodato.

Conclusioni

Alla luce di quanto espresso è possibile, quindi, concludere che l’istante, in quanto socio della Srl proprietaria dell’unità immobiliare, non possa fruire dell’agevolazione; a nulla rileva la circostanza che detenga l’unità immobiliare in virtù di un contratto di locazione regolarmente registrato e che sia in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

 

 

usBIM.superbonus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.