Home » BIM Topic » Calcolo strutturale » Tecniche e principi del rinforzo dei pilastri in cemento armato

Rinforzo pilastri in cemento armato

Tecniche e principi del rinforzo dei pilastri in cemento armato

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Scopri l’importanza del rinforzo dei pilastri in cemento armato e le tecniche utilizzate per migliorare la resistenza e la durabilità delle strutture

Nel contesto dell’ingegneria civile, il corretto funzionamento dei pilastri, come anche degli altri elementi, è essenziale per garantire la sicurezza strutturale delle costruzioni.

In questo articolo, esploreremo l’importanza del rinforzo dei pilastri in cemento armato, evidenziando le sfide e le soluzioni associate a questo processo. Potrai sfruttare anche il video che metto a tua disposizione per capire come utilizzare al meglio un software di calcolo strutturale per migliorare le prestazioni statiche del tuo edificio.

Immagine di una struttura in cemento armato creata con Edilus

Immagine di una struttura in cemento armato creata con Edilus

Cos’è il rinforzo dei pilastri in cemento armato

Con rinforzo dei pilastri in cemento armato si intende il processo di potenziamento strutturale finalizzato a migliorare la resistenza, la stabilità e la durabilità dei pilastri utilizzati nelle costruzioni in cemento armato. Questo tipo di intervento è necessario per diverse ragioni, tra cui possiamo individuare le seguenti:

  1. aumento dei carichi previsti in fase di progettazione: nel corso del tempo, le strutture possono essere sottoposte a carichi superiori a quelli originariamente previsti a causa del cambio di destinazione d’uso degli edifici o dell’aggiunta di nuovi elementi strutturali. Il rinforzo dei pilastri, tra le altre cose, permette di adeguare la capacità portante della struttura a questi nuovi carichi;
  2. invecchiamento delle strutture: le costruzioni in cemento armato subiscono un degrado nel tempo a causa di fattori come l’esposizione agli agenti atmosferici, il movimento del terreno o i processi di corrosione delle armature metalliche. Il rinforzo dei pilastri aiuta a contrastare questi processi di degrado e a mantenere la sicurezza e la stabilità della struttura nel tempo;
  3. difetti di progettazione o costruzione: in alcuni casi, i pilastri possono presentare difetti di progettazione o costruzione che compromettono la loro capacità portante o la loro resistenza agli agenti esterni. Il rinforzo consente di correggere questi difetti e di garantire che i pilastri soddisfino i requisiti di sicurezza e stabilità strutturale.

Il rinforzo dei pilastri in cemento armato, quindi, è un intervento necessario per garantire la sicurezza, la stabilità e la durabilità delle strutture nel tempo, permettendo di adeguarle ai carichi previsti, di contrastare il degrado dovuto all’invecchiamento e di correggere eventuali difetti di progettazione o costruzione.

Principi per il rinforzo dei pilastri in cemento armato

La progettazione del rinforzo dei pilastri richiede la definizione di strategie e tecniche appropriate per migliorare le prestazioni strutturali del pilastro. Prima di procedere nell’individuazione e nella descrizione delle tecniche utilizzate, vorrei descrivere brevemente quali sono i principi base da seguire per effettuare la scelta migliore possibile per le attività di rinforzo.

Ecco una panoramica di tali principi.

Carichi strutturali – i pilastri sono soggetti a diversi tipi di carichi, come carichi verticali (peso proprio dell’edificio, carichi permanenti e variabili), carichi orizzontali (vento, sismi) e momenti flettenti. È fondamentale comprendere come questi carichi influenzino le prestazioni strutturali del pilastro e determinino la necessità di rinforzo.

Resistenza dei materiali – il rinforzo dei pilastri si basa sulla comprensione delle proprietà dei materiali utilizzati, in particolare del calcestruzzo armato. Questo include la resistenza alla compressione del calcestruzzo e la resistenza alla trazione dell’armatura metallica. La valutazione accurata di tali proprietà è essenziale per progettare un sistema di rinforzo efficace.

Degrado nel tempo – il degrado nel tempo è un altro aspetto da considerare nel rinforzo dei pilastri. Fattori come l’esposizione agli agenti atmosferici, l’azione chimica di sostanze aggressive e la corrosione delle armature possono compromettere la resistenza e la durabilità del pilastro nel tempo. È importante valutare il livello di degrado e adottare misure di rinforzo appropriate per contrastarlo.

Valutazione della struttura esistente – prima di procedere con il rinforzo dei pilastri, è necessario condurre un’attenta valutazione della struttura esistente. Ciò può includere l’analisi delle condizioni di carico, la verifica della resistenza e la valutazione dei potenziali punti deboli o difetti strutturali. Questa valutazione fornisce le informazioni necessarie per progettare un intervento di rinforzo efficace e adeguato.

Progettazione del rinforzo – la progettazione del rinforzo dei pilastri richiede la definizione di strategie e tecniche appropriate per migliorare le prestazioni strutturali del pilastro. Questo può includere l’aggiunta di armature supplementari, l’applicazione di materiali compositi, l’utilizzo di sistemi di rinforzo esterni o interni, o l’adozione di approcci ingegneristici innovativi. La progettazione dovrebbe tenere conto dei carichi previsti, delle condizioni esistenti e dei requisiti normativi.

Tecniche di consolidamento dei pilastri in cemento armato

Il consolidamento strutturale è un processo vitale per ripristinare o migliorare la resistenza e la rigidità delle strutture in cemento armato. Le tecniche utilizzate dipendono dalle specifiche condizioni della struttura e dalle valutazioni strutturali effettuate dai professionisti incaricati. Di seguito, esploreremo le tecniche più diffuse per il consolidamento e il ripristino del cemento armato.

Fibre di carbonio (FRP) per il rinforzo strutturale

I sistemi in fibre di carbonio (FRP), noti anche come Fiber Reinforced Polymers, sono ampiamente impiegati nel settore edilizio per rinforzare e consolidare strutture. Questi materiali compositi sono costituiti da fibre di carbonio integrate con resine epossidiche, che agiscono come matrice polimerica. Disponibili in tessuti, lamine o barre, le FRP sono caratterizzate da leggerezza, sottigliezza e resistenza. Possono essere progettate su misura per le esigenze specifiche di rinforzo, offrendo soluzioni efficaci per il consolidamento di travi, pilastri, pareti e solai. Le applicazioni includono il rinforzo di strutture danneggiate, lesionate o corroso, oltre ad adeguamenti sismici e modifiche strutturali.

Rinforzo strutturale di una trave con elementi in fibra di carbonio

Rinforzo strutturale di un pilastro e di una trave con elementi in fibra di carbonio

Resine epossidiche per il ripristino del calcestruzzo

Le resine epossidiche e poliuretaniche sono materiali termoindurenti costituiti da resina base e indurente. Questi polimeri, miscelati e applicati nello stato fluido, penetrano nelle microfessure del calcestruzzo e solidificano tramite reazione a freddo. Questo processo consolida e ripara parti danneggiate del calcestruzzo, aumentandone coesione e resistenza. Le resine epossidiche sono comunemente impiegate per consolidare travi, pilastri, solai e per ripristinare elementi di facciata, nonché per sigillare fessure strutturali. Possono essere utilizzate anche in combinazione con le fibre di carbonio per ottenere interventi di rinforzo più completi.

Malte per il ripristino del cemento armato

Le malte sono preziose per la ricostruzione di parti danneggiate del cemento armato. Disponibili in diverse formulazioni in base al tipo e al livello di degrado strutturale, queste malte preconfezionate offrono un’elevata aderenza alle superfici e una resistenza ottimale alle sollecitazioni chimiche e climatiche. Le malte tixotropiche sono ideali per interventi localizzati, mentre le malte colabili sono utilizzate per ricostruzioni di spessori e ringrossi di pilastri e travi. A seconda delle esigenze specifiche del progetto, possono essere impiegate malte a presa normale o rapida per garantire un ripristino tempestivo e duraturo del cemento armato.

Rinforzi strutturali con placcaggi in acciaio, tiranti e barre di rinforzo

I rinforzi strutturali con placcaggi in acciaio sono applicazioni versatili utilizzate per collegare muri portanti, rinforzare elementi in cemento armato e migliorare la stabilità strutturale. Questa tecnica prevede l’applicazione di profili in acciaio per riunire parti dissestate e rinforzare elementi esistenti. L’installazione richiede la preparazione delle superfici, l’applicazione delle cinture di rinforzo e la copertura delle stesse. Questa tecnica consente di ottenere strutture resistenti senza compromettere l’aspetto estetico, ed è particolarmente adatta per consolidare strutture irregolari.

Ringrossi con incamiciatura in cemento armato (Jacketing)

Il ringrosso del cemento armato, noto anche come incamiciatura, è una tecnica consolidata per il rinforzo strutturale. Consiste nell’applicare una camicia di calcestruzzo armato intorno agli elementi esistenti per aumentarne la capacità portante e rinforzare la struttura. Questa tecnica è utilizzata per rinforzare pilastri, travi e solai danneggiati o soggetti a cambiamenti di carico. L’intervento prevede la preparazione delle superfici, l’installazione di armature e l’applicazione del nuovo calcestruzzo. Il risultato è una struttura più stabile e resistente, adatta a sopportare carichi verticali e orizzontali con maggiore sicurezza.

Queste tecniche rappresentano solo alcune delle opzioni disponibili per il rinforzo e il consolidamento dei pilastri in cemento armato. La scelta della tecnica più adatta dipende dalle specifiche esigenze del progetto, dalle condizioni strutturali esistenti e dagli obiettivi di rinforzo. Con l’ausilio di professionisti esperti e competenti, è possibile progettare e realizzare interventi di rinforzo efficaci che garantiscano la sicurezza e la durabilità delle strutture in cemento armato.

Video software per il calcolo strutturale

Per procedere al meglio nel rinforzo dei pilastri in cemento armato è necessario l’aiuto di un software per il calcolo strutturale. Per questo ora metto a tua disposizione un video che ti mostra come procedere in maniera efficace ed efficiente.

 

Edilus-CA

 

Edilus-CA

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *