Home » Notizie » Certificazione energetica » Retrofitting energetico: ecco cos’è e quali sono i vantaggi

Retrofitting energetico

Retrofitting energetico: ecco cos’è e quali sono i vantaggi

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Il retrofitting energetico raccoglie le procedure necessarie a riqualificare ed efficientare un edificio esistente. Scopri cos’è ed i principali vantaggi

Sviluppare un mondo ecosostenibile è un obiettivo chiave per il presente e per il futuro: ridurre l’impatto ambientale dell’uomo sulla terra permette di preservare le risorse naturali alle generazioni future.

Ridurre il consumo energetico, utilizzare fonti rinnovabili e sviluppare strategie di retrofitting sono elementi chiave per migliorare la sostenibilità ambientale dell’habitat circostante.

E tu hai mai sentito parlare di retrofitting energetico? La nuova direttiva “case green”, che prevede per ogni edificio un passaporto di ristrutturazione e significativi interventi di retrofitting su buona parte del patrimonio immobiliare europeo, rende l’argomento di stringente attualità.

In questo articolo ci soffermeremo proprio sulla sua definizione, per cercare di chiarirne insieme i principi chiave, i vantaggi e le modalità di applicazione.

Cos’è il retrofitting energetico?

Per retrofitting energetico si intende l’insieme di procedure e strategie tecnologiche e gestionali finalizzate al miglioramento dell’efficienza energetica di un edificio esistente, con conseguente riduzione del suo consumo energetico e delle sue emissioni di gas serra.

Gli edifici esistenti sono responsabili di buona parte dei consumi energetici globali, pertanto l’applicazione di interventi di riqualificazione energetica ha lo scopo di portare gli edifici esistenti ad un livello di standard energetico più recente.

Tali procedure mirano dunque all’aumento della qualità prestazionale ed energetica del sistema edificio-impianto, mediante l’applicazione di tecnologie e soluzioni innovative e sostenibili volte al miglioramento del fabbisogno energetico e del comfort interno di ciascun edificio.

Quali sono i vantaggi del retrofitting energetico?

Gli interventi di retrofitting energetico posseggono sicuramente una serie di vantaggi generali come:

  • la riduzione dell’impatto ambientale, dei consumi energetici e delle emissioni inquinanti;
  • il miglioramento del comfort degli ambienti in tutte le stagioni;
  • l’ottimizzazione dell’utilizzo del vettore energia.

Al tempo stesso garantiscono anche una serie di vantaggi più specifici come:

  • il maggiore utilizzo di fonti rinnovabili;
  • la riduzione della domanda energetica;
  • il miglioramento delle componenti dell’involucro edilizio esistente;
  • la sostituzione degli elementi tecnici obsoleti ed energivori;
  • la riduzione dei costi operativi e dei costi di gestione.

Quali sono le varie misure di retrofitting energetico?

Dal punto di vista tecnico le misure di retrofitting energetico possono essere molte e variano in base all’obiettivo da raggiungere ed il budget a disposizione.

È possibile però classificarle in funzione delle strutture tecniche alle quali queste misure sono destinate, ovvero:

  • l’involucro edilizio, ci si riferisce principalmente ad interventi che riguardano la coibentazione delle strutture opache verticali e orizzontali (solai, pareti e tetti) delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati e degli elementi trasparenti come finestre e porte finestre, con il fine di ridurre la loro dispersione termica. La coibentazione delle strutture opache può essere realizzata con l’inserimento di uno strato di materiale isolante, mentre la sostituzione degli infissi vetusti con infissi più performarti come quelli in triplo vetro con gas migliorano la risposta dell’intero edificio, riducendo l’impatto sull’ecosistema;
  • i sistemi di climatizzazione estiva ed invernale: la sostituzione dell’impianto termico destinato a riscaldare, raffreddare o produrre ACS nell’abitazione permette di migliorare il comfort termico e tagliare i costi in bolletta. Se il generatore di calore si classifica solitamente in base alla fonte energetica utilizzata o in base alla tecnologia sfruttata, la corretta scelta dipende da vari fattori, perciò è necessaria una corretta analisi termica da parte di un tecnico;
  • i sistemi di ventilazione: l’inserimento di un sistema HVAC permette di purificare l’aria, allontanando tutte le impurità e di migliorare di molto la vivibilità degli ambienti. Un buon sistema di ventilazione consente di evacuare umidità, muffe e sostanze inquinanti come composti organici volatili o polveri emesse dalla combustione o dalla cucina. L’installazione di un sistema VMC rende quindi l’ambiente ecosostenibile;
  • i sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili, come il solare termico o il fotovoltaico capaci di captare l’energia solare e trasformarla in calore ed energia elettrica, gli impianti a energia geotermica, capaci di assorbire il calore naturale prodotto dalla terra da sorgenti, geyser e soffioni, gli impianti eolici che captano l’energia del vento o ancora quelli a biomasse che nascono dal riutilizzo di componenti biologiche;
  • i sistemi di gestione del sistema edificio-impianto, capaci di dare vita ad una casa intelligente, chiave della transizione degli edifici esistenti verso l’innovazione. Sistemi di smart home, domotica, Internet of Things sono alcune delle tecnologie che permettono di rendere un’abitazione davvero efficiente, garantendo il monitoraggio dei sistemi elettrici, termici ed elettronici, il controllo a distanza dei dispositivi di regolazione e gli elettrodomestici.
Misure di retrofitting energetico

Misure di retrofitting energetico

Come valutare il livello di retrofitting energetico?

Se vuoi definire le strategie di retrofitting energetico e migliorare l’efficienza energetica di un immobile è necessario prima valutare il livello di retrofitting da sviluppare, considerando lo stato di fatto dell’edificio e l’attuale classe energetica è possibile implementare delle soluzioni ad hoc per riqualificarlo dal punto di vista energetico e tecnologico.

Per definire con criterio gli interventi da effettuare è bene sviluppare uno studio accurato attraverso cui andare a:

  • valutare le prestazioni energetiche: la corretta valutazione delle prestazioni energetiche di un edificio è uno step fondamentale per la definizione di qualsiasi intervento migliorativo, sia sull’involucro edilizio, sia sugli impianti. Di seguito puoi approfondire questo aspetto guardando il video tutorial “Come creare il documento per valutare gli interventi di miglioramento” con TerMus;
  • effettuare un’analisi dei costi-benefici: occorre calcolare i costi dell’intervento di retrofit, compresi quelli per l’acquisto e l’installazione dei materiali e dei sistemi, nonché i costi di manutenzione e gestione e valutare i benefici dell’intervento di retrofit, come ad esempio il miglioramento della qualità dell’aria, la riduzione delle emissioni di CO2, e l’incremento del comfort abitativo. Di seguito puoi approfondire questo aspetto guardando il video tutorial “Come effettuare l’analisi costi-benefici degli interventi di miglioramento” con TerMus.
  • valutare la compatibilità con il costruito: verificare se l’intervento di retrofit è compatibile con le caratteristiche morfologiche dell’edificio, come ad esempio la gestione delle interferenze con balconi e connessioni parete/finestra, e se questo queste condizioni non crea problemi termoigrometrici.

Per sviluppare correttamente le analisi è consigliabile avvalersi di un software per la certificazione energetica, uno strumento affidabile, professionale ed a norma di legge che aiuta a definire una panoramica chiara delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti ed a identificare le soluzioni più efficaci per il miglioramento.

Guarda il video tutorial “Come creare il documento per valutare gli interventi di miglioramento” con TerMus:

Guarda il video tutorial “Come effettuare l’analisi costi-benefici degli interventi di miglioramento” con TerMus:

 

TerMus

 

TerMus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *