resine-per-pavimenti-e-rivestimenti

Uso delle resine in edilizia: aggiornata la UNI 10966:2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Aggiornata la UNI 10966:2020 con le regole di progettazione ed applicazione delle resine in edilizia

La commissione UNI sui prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio, ha aggiornato la UNI 10966:2020 dal titolo: “Sistemi resinosi per superfici orizzontali e verticali – Istruzioni per la progettazione e l’applicazione“.

In pratica un sistema resinoso è una combinazione di più strati che, insieme, concorrono a ottenere le prestazioni finali, ad esempio, ai fini di una superficie calpestabile (pavimento) posata su supporti a base cementizia o di piastrelle ceramiche o di pietre naturali.

La UNI 10966:2020

Il documento UNI definisce i criteri e le regole di progettazione e l’applicazione delle resine per superfici orizzontali e verticali interne ed esterne, relative all’edilizia:

  • residenziale;
  • industriale;
  • del terziario;

applicate in opera tramite sistemi allo stato liquido a temperatura ambiente.

Per “superfici verticali” vengono intese, ai fini della presente norma, anche le superfici a soffitto e quelle fortemente inclinate che non possono essere soggette a transito di mezzi o persone o a carichi statici o dinamici.

Le regole di progettazione e di applicazione delle resine in edilizia comprendono:

  • i criteri per la definizione e l’integrazione funzionale e costruttiva degli strati delle superfici trattate direttamente connessi con la posa dei sistemi resinosi, vale a dire lo strato ripartitore e quello di livellamento;
  • la terminologia relativa ai prodotti impiegati ed alle tecniche di posa;
  • le caratteristiche dei prodotti e dei materiali impiegati;
  • le tipologie di sistemi resinosi esistenti;
  • le prescrizioni per la posa in opera, con riferimento specifico a:
    • tipologia di preparazione della superficie del supporto, in funzione del tipo di sistema resinoso da applicare;
    • geometrie di posa realizzabili;
    • condizioni ambientali;
    • attrezzature, tipologie di posa;
    • tempi di esecuzione e di agibilità;
    • i criteri di collaudo e accettazione del sistema resinoso finito;
    • i cicli di manutenzione della pavimentazione in servizio e le apparecchiature utilizzabili;
    • le prescrizioni per l’esecuzione di riparazioni.

La norma UNI 10966:2020 sostituisce le UNI 8297:2004 e UNI 10966:2007.

 

La norma UNI 10966:2020 sulle resine in edilizia è disponibile e scaricabile a pagamento sul portale UNI

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *