Opere edili

Requisiti igienico sanitari

Pubblicato da
Giuseppe De Luca
?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Ecco l’elenco completo dei requisiti igienico sanitari che le abitazioni devono possedere secondo il dm 5 luglio 1975

I requisiti igienico sanitari costituiscono un aspetto fondamentale nella progettazione e realizzazione degli interventi edilizi e sono disciplinati dal dm 5 luglio 1975.

Quali sono i requisiti igienico sanitari delle abitazioni? Ecco perché sono così importanti

I requisiti igienico sanitari minimi dei locali abitativi sono disciplinati a livello nazionale dal dm 5 luglio 1975. Tale normativa stabilisce i requisiti generali che devono sussistere per poter vivere all’interno di un’abitazione e necessari per ottenere l’agibilità dei locali.

Per essere considerato abitabile un’abitazione, deve avere:

  • un’altezza minima dei locali interna non inferiore a 2,70 m, ridotta a 2,40 m per i corridoi, i disimpegni, i bagni, i gabinetti ed i ripostigli. Nei comuni montani al di sopra dei m 1000 slm è consentita una riduzione dell’altezza minima a 2,55 m;
  • una superficie minima abitabile per ogni abitante di 14 m² per i primi 4 abitanti, e di m² 10, per ciascuno dei successivi;
  • la stanza da letto con superficie di almeno 9 m² se per una persona e 14 m² se per due persone;
  • la stanza di soggiorno di almeno 14 m²;
  • le stanze da letto, soggiorno e cucina dotate di finestra apribile;
  • almeno un bagno comprensivo di tutti i pezzi igienici, vale a dire vaso, bidet, lavabo, vasca o doccia;
  • le camere, cucina e soggiorno dotate di adeguata illuminazione ed aerazione naturale con superfici pari ad almeno 1/8 della superficie di pavimento della stanza;
  • l’impianto di riscaldamento idoneo a mantenere una temperatura interna compresa tra i 18 °C ed i 20 °C.

Ogni singolo comune può fissare nel proprio regolamento edilizio dei requisiti più restrittivi.

Gli alloggi monostanza, i c.d. monolocali, devono avere una superficie minima, comprensiva di servizi, di almeno:

  • 28 m², se destinati ad una sola persona;
  • 38 m², se destinati a due persone.

E’ importante sia in fase di progettazione che in fase di attestazione di conformità dei requisiti igienico sanitari avere un riscontro di quanto riportato nella progettazione architettonica dell’abitazione.

Per fare questo è importante produrre piante che riportino in forma tabellare le dimensioni dei vani e i rapporti illuminanti, in modo che il controllo rispetto ai requisiti della normativa nazionale o a quelli fissati dal regolamento urbanistico comunale siano facilmente riscontrabili.

Esempio tavola grafica con tabella RAI realizzata con Edificius

Per fare questo ti consiglio di provare gratuitamente un software di progettazione architettonica BIM, grazie al quale dal modello 3D puoi ottenere piante, sezioni e prospetti in automatico con quote e tabelle che evidenziano il rispetto dei requisiti igienico sanitari dell’abitazione.

 

 

Giuseppe De Luca

Giuseppe lavora in ACCA dal 2019. E’ autore di BibLus BIM e si occupa di progettazione architettonica e BIM. E’ specializzato in restauro e conservazione beni culturali.

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da
Giuseppe De Luca

Articoli recenti

E’ in vigore l’obbligo di contratti collettivi per beneficiare dei bonus edilizi

Bonus edilizi: per lavori superiori a 70.000 euro vige l'obbligo di applicazione del CCNL da…

27 Maggio 2022

CILA comune di Napoli: come si presenta, costi, modello

CILA comune di Napoli: come e dove si presenta la comunicazione di inizio lavori asseverata,…

26 Maggio 2022

Art. 36 Codice appalti: contratti sotto soglia spiegati con semplici schemi

Art. 36 codice appalti: contratti sotto soglia. Le procedure di affidamento, i principi, la rotazione,…

25 Maggio 2022

Superbonus SOA: in Gazzetta l’obbligo di qualificazione per le imprese

Dal 1° luglio 2023 scatta l'obbligo di qualificazione SOA per i lavori superiori a 516.000…

25 Maggio 2022

Superbonus e diverse modalità di utilizzo dell’agevolazione

Ok alla cessione del credito solo per l’intervento trainante e detrazione delle spese per gli…

25 Maggio 2022

FAQ Superbonus: cessioni dei crediti successive alla prima

Aggiornamento delle FAQ sul Superbonus: ecco come avvengono le cessioni dei crediti successive alla prima…

25 Maggio 2022

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze.

Informazioni