Relazione tecnica asseverata

Relazione tecnica asseverata, cos’è

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Relazione tecnica asseverata: cos’è, come si fa, i contenuti obbligatori e il modello da scaricare

In questo articolo ti spiegherò che cos’è la relazione tecnica asseverata, come si fa, chi la assevera, quando serve, quali sono i contenuti obbligatori. Ti spiegherò la differenza tra relazione tecnica asseverata, relazione semplice e perizia giurata.

Che cos’è la relazione tecnica asseverata?

La relazione tecnica asseverata è una dichiarazione fatta da un tecnico abilitato che si assume l’intera responsabilità delle dichiarazioni fatte e della veridicità di ciò che è stato indicato nella relazione. In caso di false dichiarazioni, l’asseveratore ne risponderà sia a livello civile che penale (sanzioni penali previste dagli art. 75 e 76 del dpr 445/2000 e di quelle di cui all’art. 19, comma 6, della legge n. 241/1990).

Non si tratta di una perizia semplice, motivo per cui ti consiglio di affidarti ad un software per capitolati speciali che ti guiderà nella redazione automatica di diversi documenti, tra cui anche la relazione tecnica asseverata. In questo modo sarai certo di non commettere errori nell’elaborazione della documentazione e di non incappare in sanzioni penali.

Quando serve?

La relazione tecnica asseverata occorre in diversi casi. In generale occorre allegarla alla richiesta del titolo abilitativo. Entrando più nel dettaglio, posso dirti che serve in caso di:

  • CILA;
  • SCIA;
  • PDC (Permesso di costruire).
Relazione tecnica asseverata, quando

Relazione tecnica asseverata, quando

Inoltre, una relazione tecnica asseverata può essere necessaria allorché il tecnico debba attestare lo stato legittimo dell’immobile (ad esempio in caso di compravendita immobiliare), certificando la sussistenza di una serie di requisiti e che lo stato di fatto sia conforme ai titoli edilizi e alle situazioni catastali. Al riguardo ti rimando all’art. 9-bis del dpr 380/2001.

Chi può asseverare una relazione tecnica?

La relazione è firmata da un professionista abilitato, che potrebbe essere un:

  • geometra;
  • ingegnere;
  • architetto;
  • perito edile.

Come si fa una relazione tecnica asseverata?

La relazione tecnica da asseverare varia in funzione del tipo di pratica da presentare. Bisogna:

  • recuperare la modulistica adatta in base al comune e al tipo di intervento;
  • compilare i moduli;
  • firmare e timbrare la relazione.

Generalmente è prodotta nella forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del dell’art. 47 del DPR 445/2000, ove il tecnico si assume tutte le responsabilità penali ai sensi degli artt. 75, 76 dello stesso decreto.

In particolare l’art. 47 prevede quanto segue:

1. L’atto di notorietà concernente stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell’interessato è sostituito da dichiarazione resa e sottoscritta dal medesimo con la osservanza delle modalità di cui all’articolo 38.
2. La dichiarazione resa nell’interesse proprio del dichiarante può riguardare anche stati, qualità personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia
diretta conoscenza.
3. Fatte salve le eccezioni espressamente previste per legge, nei rapporti con la pubblica amministrazione e con i concessionari di pubblici servizi, tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non espressamente indicati nell’articolo 46 sono comprovati dall’interessato mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.
4. Salvo il caso in cui la legge preveda espressamente che la denuncia all’Autorità di Polizia Giudiziaria è presupposto necessario per attivare il procedimento amministrativo di rilascio del duplicato di documenti di riconoscimento o comunque attestanti stati e qualità personali dell’interessato, lo smarrimento dei documenti medesimi è comprovato da chi ne richiede il duplicato mediante dichiarazione sostitutiva.

Inoltre, in merito alle norme penali, l’art. 76 prevede quanto segue:

1. Chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico e’ punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia. La sanzione ordinariamente prevista dal codice penale è aumentata da un terzo
alla metà.
2. L’esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti a verità equivale ad uso di atto falso.
3. Le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell’articolo 4, comma 2, sono considerate come fatte a pubblico ufficiale.
4. Se i reati indicati nei commi 1, 2 e 3 sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l’autorizzazione all’esercizio di una professione o arte, il giudice, nei casi più gravi, può applicare l’interdizione temporanea dai pubblici uffici o dalla professione e arte.
4-bis. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche alle attestazioni previste dall’articolo 840-septies, secondo comma, lettera g), del codice di procedura civile.

Quali sono i contenuti obbligatori

Non sono previsti contenuti obbligatori; in linea di principio dipende dallo scopo della relazione.

Ad esempio, in caso di relazione asseverata finalizzata all’ottenimento di un titolo abilitativo, i contenuti variano in base al:

  • comune in cui si trova l’immobile per il quale si sta facendo una relazione tecnica;
  • tipologia di intervento.

Relazione semplice, relazione tecnica asseverata, perizia giurata

Qual è la differenza tra relazione semplice, tecnica asseverata e perizia giurata? L’elemento fondamentale che differenzia le 3 tipologie è il livello di responsabilità:

  • relazione semplice: è una descrizione tecnica che non implica responsabilità importanti da parte del tecnico che firma;
  • relazione tecnica asseverata: implica un alto grado di responsabilità verso l’amministrazione in quanto garantisce veridicità di un fatto e/o di un documento;
  • perizia giurata: è il documento che racchiude maggiore responsabilità da parte del tecnico abilitato. Una falsa attestazione giurata va contro l’art. 483 del codice penale secondo cui “Chiunque attesta falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità, è punito con la reclusione fino a 2 anni”.

 

Perizia tecnica - dichiarazione - tipologie

Perizia tecnica/dichiarazione: tipologie

Relazione tecnica asseverata e SCIA, il modello da scaricare

Il progettista assevera la relazione tecnica in caso di SCIA, consapevole delle enormi responsabilità che ne conseguono (sanzioni penali previste dagli artt. 75-76 del dpr 445/2000 e di quelle di cui all’art. 19 comma 6 della legge 241/1990):

Fermo restando quanto previsto dall’articolo 76, qualora dal controllo di cui all’articolo 71 emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

Chiunque rilasci dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico e punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia

Di seguito ti riporto un modello SCIA scaricabile che contiene (a pag. 8) il modello di relazione tecnica asseverata da compilare.

Quanto costa una relazione tecnica asseverata?

Non è possibile stabilire un costo preciso della relazione tecnica asseverata, in quanto può cambiare in base ad una serie di fattori.

Esiste già sul mercato un software per capitolati speciali molto semplice da utilizzare con un input guidato ed intuitivo, perfetto per la redazione automatica di una serie di pratiche, tra cui anche le relazioni tecniche con relativa modulistica. I modelli che trovi all’interno sono in costante aggiornamento; inoltre, puoi sempre usufruire di un servizio on-line attivo nel software grazie al quale si hanno aggiornamenti in tempo reale.

 

primus-c
primus-c

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.