Recipienti a pressione: da INAIL le istruzioni per la prima verifica periodica

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

INAIL ha pubblicato le istruzioni per la prima verifica periodica dei recipienti a pressione. Ecco i dettagli

Con la pubblicazione recente di un opuscolo dal titolo: “Recipienti a pressione – Istruzioni per la prima verifica periodica ai sensi del d.m. 11 aprile 2011“, INAIL ha voluto fornire una descrizione sull’attività di prima verifica periodica dei recipienti a pressione.

Col documento vengono date tutte le indicazioni per la gestione tecnico-amministrativa della verifica e le istruzioni per la compilazione della scheda tecnica e del verbale di prima verifica periodica.

L’opuscolo INAIL sulla prima verifica periodica dei recipienti a pressione

Il documento INAIL si aggiunge agli altri opuscoli già pubblicati su altre attrezzature di lavoro che devono essere sottoposte a verifiche periodiche volte a valutarne lo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza (art. 71, co. 11 del dlgs 81/2008).

Si definisce recipiente a pressione un alloggiamento progettato e costruito per contenere fluidi pressurizzati comprendente gli elementi annessi diretti sino al punto di accoppiamento con altre attrezzature.

Un recipiente può essere composto di uno o più camere.

Tali apparecchi elencati tra le attrezzature di lavoro (soggette a controllo periodico) e descritte dall’allegato VII del dlgs poc’anzi citato, costituiscono parte integrante di molte applicazioni nell’ambito dei processi produttivi.

Tra i recipienti a pressione possiamo elencare, ad esempio:

  • scambiatori di calore;
  • serbatoi di stoccaggio GPL;
  • serbatoi di aria compressa;
  • vasi d’espansione;
  • apparecchi di tintura;
  • serbatoi criogenici;
  • cilindri di cartiera;
  • camere iperbariche.

Articolazione dell’opuscolo INAIL

L’opuscolo sui recipienti si sviluppa da una prima introduzione sulle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche e degli adempimenti del datore di lavoro attraverso la procedura telematica CIVA.

Successivamente si passa alla trattazione:

  • del campo di applicazione;
  • della comunicazione di messa in servizio/immatricolazione;
  • della richiesta di prima verifica periodica;
  • dei riferimenti normativi.

Nell’opuscolo INAIL è allegato un esempio della scheda tecnica di identificazione dell’attrezzatura o dell’insieme relativa alla prima verifica periodica che il verificatore è tenuto a compilare oltre ad effettuare i controlli di sicurezza sulla stessa attrezzatura, il cui esito è registrato nel verbale di prima verifica periodica.

Di tale scheda è illustrato ciascun campo con indicazione degli elementi da compilare e di dove reperire l’informazione.

Segue un esempio della scheda di verbale ugualmente illustrato per la sua corretta compilazione.

L’opuscolo INAIL sulla prima verifica periodica dei recipienti a pressione si conclude con un’appendice – liste di controllo che riporta un elenco non esaustivo degli elementi costituenti l’attività di verifica.

 

Clicca qui per scaricare l’opuscolo INAIL sui recipienti a pressione

 

certus
certus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *