focus-reazione-fuoco-s1-inail

Reazione al fuoco: il focus INAIL sulla misura S.1 del Codice di prevenzione incendi

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

La nuova pubblicazione INAIL si occupa delle problematiche relative alla misura S.1 del Codice di prevenzione incendi sulla reazione al fuoco dei materiali

L’INAIL ha pubblicato un focus dedicato al capitolo S.1 del Codice prevenzione incendi dedicato alla reazione al fuoco.

La reazione al fuoco è una misura antincendio di protezione passiva che manifesta i suoi effetti nella fase di prima propagazione dell’incendio, con l’obiettivo di limitare l’innesco dei materiali e la propagazione stessa dell’incendio.

Essa, pertanto, si riferisce al comportamento al fuoco dei materiali nelle effettive condizioni di applicazione, con particolare riguardo al grado di partecipazione all’incendio che essi mostrano in condizioni standardizzate di prova.

Il focus INAIL sulla reazione al fuoco

La pubblicazione è il risultato della collaborazione tra Inail, Sapienza Università di Roma, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

La reazione al fuoco è una caratteristica dei prodotti o elementi che viene convenzionalmente espressa in classi sulla base di prove sperimentali.

I parametri che determinano la classe di reazione al fuoco sono valutati con prove di laboratorio eseguite in conformità a norme tecniche di riferimento.

Nelle norme tecniche di prova sono descritti:

  • il modello di fuoco,
  • l’apparecchiatura di prova,
  • le procedure di esecuzione della prova,
  • gli elementi che simulano gli scenari di riferimento per la valutazione della partecipazione al fuoco del prodotto o materiale sottoposto a prova.

Atteso inoltre, che il Codice ha introdotto, nell’ambito della misura antincendio reazione al fuoco, di cui al Cap.S.1, e con riferimento alle soluzioni conformi prospettate per i livelli di prestazione II, III, IV ivi previsti, la richiesta di prestazione di reazione al fuoco anche per i cavi elettrici o di segnalazione, qualora le condutture non siano incassate in materiali incombustibili, emerge la necessità, per il professionista antincendio di comprendere anche il sistema di classificazione europea di reazione al fuoco per i cavi elettrici, descritto nella norma EN 50575:2014+A1 :2016 ed elaborata anch’essa a supporto del secondo requisito essenziale (Sicurezza in caso di incendio) del Regolamento CPR relativo ai prodotti da costruzione (UE) n. 305/2011.

Giova al riguardo osservare che il sistema di classificazione europea di reazione al fuoco per i cavi elettrici è regolato dalla EN 13501-6, che prevede metodi di prova e di classificazione diversi da quelli previsti per gli altri prodotti da costruzione di cui alla norma EN 13501-1.

La pubblicazione è stata redatta con riferimento alla versione aggiornata del Codice ai sensi del dm 18 ottobre 2019 recante modifiche all’allegato 1 al dm 3 agosto 2015, recante “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’art. 15 del d.lgs. 8 marzo 2006, n. 139”.

La parte finale della pubblicazione contiene esempi di progettazione di alcune attività, redatti focalizzando l’attenzione sulla misura S.1, in relazione alla quale sono state applicate sia soluzioni conformi che una o più soluzioni alternative, anche applicando i metodi suggeriti dal Codice.

Come tutti i focus INAIL la pubblicazione infatti si divide in due parti:

  • una prima parte teorica:
    • sulle soluzioni fornite dal Codice in merito alla misura antincendio S.1;
    • sulla misura antincendio reazione al fuoco;
    • sulla classificazione al fuoco dei materiali;
  • una seconda parte con alcuni casi studio:
    1. edificio storico adibito ad attività scolastica;
    2. edificio storico adibito ad attività uffici aperti al pubblico;
    3. edificio adibito ad attività commerciale;
    4. edificio storico adibito ad attività ricettiva turistico – alberghiera;
    5. edificio storico adibito ad attività commerciale;
    6. edificio adibito ad asilo nido.

Chiudono il documento 3 appendici:

  1.  sistema di classificazione di reazione al fuoco di cui alla norma EN 13501-1;
  2. sistema di classificazione di reazione al fuoco di cui alla norma EN 13501-6;
  3. descrizione delle prove UNI 8547 e UNI 9174.

L’appendice, quindi, al fine della comprensione del significato delle classi di reazione al fuoco, riporta la descrizione del sistema di classificazione di reazione al fuoco di cui alle norme EN 13501- 1, a supporto del requisito essenziale “Sicurezza in caso di incendio” del Regolamento CE relativo ai prodotti da costruzione (UE) n. 305/2011 e EN 13501-6 per i cavi elettrici.

 

Clicca qui per scaricare il focus INAIL sulla reazione al fuoco

 

antifuocus
antifuocus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *