Rateizzazione Equitalia

Rateizzazione Equitalia, la domanda entro il 31 luglio

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Rateizzazione Equitalia: c’è tempo fino al 31 luglio. Ecco come compilare correttamente la domanda per essere riammessi

Scade il 31 luglio 2015 il termine per la richiesta di rateizzazione Equitalia dei debiti tributari.

Si tratta di una nuova possibilità, prevista dal decreto Milleproroghe (D.L. 192/2014, convertito con modificazioni dalla legge 11/2015), per i contribuenti che sono ancora in debito con Equitalia e hanno perso il beneficio della rateizzazione, ossia non hanno pagato 8 rate entro il 31 dicembre scorso.

Vediamo in cosa consiste la rateizzazione Equitalia e come fare per essere riammessi.

Rateizzazione Equitalia bis, in cosa consiste

Il provvedimento consente ai cittadini e alle imprese in difficoltà di usufruire di nuove condizioni favorevoli per regolarizzare la loro situazione debitoria.

Le condizioni richieste sono le seguenti:

  • presentare la domanda entro il prossimo 31 luglio 2015
  • richiedere fino a un massimo di 72 rate (6 anni)

I moduli sono disponibili nella sezione modulistica del sito di Equitalia.

E’ previsto, inoltre, che il nuovo piano di rateizzazione delle cartelle Equitalia concesso non potrà essere più prorogabile e decadrà in caso di mancato pagamento di sole 2 rate, anche non consecutive.

Rateizzazione Equitalia, come compilare la domanda

Ecco come compilare la domanda per evitare errori e non perdere questa ulteriore possibilità di pagare i debiti con il Fisco a rate.

La prima parte del modello deve essere compilata indicando i dati anagrafici del contribuente richiedente la rateazione bis:

  • dati anagrafici
  • residenza e recapiti telefonici (fax, mail e pec)

Il contribuente deve sbarrare la casella “in proprio”, in quanto agisce in nome e conto proprio.

La seconda parte della domanda attesta la decadenza dal precedente piano di rateizzazione, avvenuta entro il 31 dicembre 2014, e deve essere indicato:

  • il numero di riferimento della cartella di pagamento (o avviso di accertamento o di addebito emesso dall’Inps)
  • la richiesta di concessione di un nuovo piano di rateazione in 72 rate mensili

L’ultima parte è dedicata all’elezione di domicilio. Il contribuente può chiedere che ogni comunicazione relativa alla sua pratica sia comunicata tramite PEC.

La domanda deve essere presentata direttamente presso lo sportello territoriale competente di Equitalia oppure tramite raccomandata con ricevuta di ritorno allo stesso.

 

Clicca qui per scaricare il modello per la nuova rateizzazione Equitalia

Clicca qui per accedere alla sezione modulistica di Equitalia

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *