Home » BIM Topic » BIM e cantiere » Punch list nelle costruzioni: cos’è e come crearla

Punch list nelle costruzioni

Punch list nelle costruzioni: cos’è e come crearla

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Una punch list è un documento che elenca le attività che devono essere completate o corrette prima della chiusura del progetto di costruzione. Ecco come crearla

Nel mondo dell’edilizia la precisione e l’attenzione per i dettagli sono fondamentali. Ma cosa succede quando il progetto si avvicina alla sua conclusione e ci sono ancora molte questioni in sospeso da risolvere?

Qui entra in gioco la punch list, una lista di controllo che aiuta le parti interessate ad identificare i lavori e le attività da completare o correggere prima che il progetto di costruzione possa considerarsi chiuso.

Scopri di seguito nell’articolo come questo documento, apparentemente semplice, sia in realtà uno strumento indispensabile nell’industria delle costruzioni per garantire la qualità, la sicurezza e l’affidabilità del risultato finale.

Se vuoi testare sul campo l’efficacia di questo strumento, ti consiglio di provare un punch list software. Si tratta di una vera e propria piattaforma online che ti aiuta a tracciare e gestire ogni attività in cantiere utilizzando schede di pianificazione altamente dinamiche e personalizzabili. E’ uno strumento molto utile anche per mantenere una comunicazione aperta con i tuoi collaboratori ed essere sicuro che i tuoi progetti di costruzione si svolgano senza intoppi e nel rispetto dei tempi e dei costi previsti.

Che cos’è una punch list nelle costruzioni

Nell’ambito dell’edilizia, il termine punch list si riferisce ad una lista di controllo che viene creata verso la fine di un progetto per identificare e documentare eventuali attività rimanenti, lavori incompleti o difetti che devono essere risolti prima che l’opera possa essere considerata finita e consegnata al cliente o al proprietario.

L’espressione “punch list” che, tradotta letteralmente, significa “elenco di perforazione”, ha origine dal fatto che, storicamente, il responsabile del progetto praticava a mano un piccolo foro accanto ad ognuna delle voci riportate sull’elenco (all’epoca cartaceo), per indicare che quella determinata attività era stata completata.

A differenza di quanto avveniva in passato, oggi è possibile utilizzare strumenti informatici per creare e gestire in modo più rapido ed efficiente le punch list di costruzione.

Chi è responsabile di una punch list in edilizia

Tutte le parti coinvolte nel processo edilizio svolgono un ruolo cruciale nella definizione di una punch list e nell’esecuzione delle attività in essa contenute. Si tratta, infatti, di un processo collaborativo che prevede la partecipazione di diversi soggetti, ognuno con il proprio ruolo, tra cui:

  • il proprietario, che ha il compito di ispezionare il lavoro eseguito, identificando ed elencando tutti gli elementi ancora incompleti o realizzati in contrasto con le previsioni di progetto. Il cliente, o proprietario, partecipa anche alla revisione e all’approvazione della lista di controllo finale;
  • l’appaltatore generale, che consulta la punch list fornita in prima istanza dal proprietario e contribuisce ad integrare e perfezionare l’elenco di controllo con ulteriori questioni che devono essere risolte prima della chiusura definitiva del progetto. Insieme alla sua squadra, l’appaltatore è chiamato ad eseguire le correzioni ed i completamenti necessari, garantendo che il progetto rispetti le specifiche tecniche e gli standard concordati;
  • i subappaltatori, che collaborano alla realizzazione di parti specifiche del progetto e possono essere chiamati a risolvere particolari problemi o a completare determinati lavori, in base alle attività assegnate dall’appaltatore generale;
  • i progettisti, tra cui ingegneri ed architetti, il cui ruolo è quello di aiutare le parti interessate ad identificare i difetti di costruzione e le eventuali discrepanze, verificando la qualità, la conformità e la correttezza del lavoro svolto;
  • il project manager, che può essere incaricato appositamente per coordinare gli sforzi di tutti i soggetti coinvolti nella punch list di costruzione, assicurando che ognuno svolga adeguatamente il proprio lavoro e che le correzioni vengano eseguite in modo tempestivo ed accurato.
Responsabili punch list

Responsabili punch list

Cosa dovrebbe essere incluso in una punch list

In genere, le punch list di costruzione includono lavori minori e correzioni di piccola portata in quanto i problemi più complessi vengono affrontati e risolti nelle fasi precedenti mediante gli ordini di modifica.

Gli elementi principali che possiamo ritrovare all’interno di queste liste di controllo sono i seguenti:

  • difetti di costruzione: si riferiscono a qualsiasi lavoro che non soddisfi le specifiche del progetto o gli standard di qualità, come difetti estetici, problemi strutturali o componenti non funzionali;
  • lavori incompleti: sono i lavori non ancora eseguiti o completati solo in parte, e possono riguardare l’installazione di infissi, l’applicazione di finiture o la sistemazione di aree esterne all’edificio;
  • problemi di sicurezza: si riferiscono ad eventuali situazioni pericolose per la sicurezza o a violazioni del codice che devono essere affrontate prima che il progetto possa essere considerato sicuro per gli occupanti;
  • pulizia e ritocchi finali: è la categoria che include la pulizia del cantiere e l’esecuzione di eventuali ritocchi estetici finali per garantire che il progetto sia presentabile e pronto per l’uso;
  • test e messa in servizio: si riferisce ai test che devono essere eseguiti per verificare che tutti gli elementi installati, i materiali e le apparecchiature funzionino come previsto e siano pienamente operativi.
Creazione di punch list digitali per la gestione dei difetti di costruzione

Creazione di punch list digitali per la gestione dei difetti di costruzione con usBIM.resolver

Quali informazioni fornisce una punch list

Per ciascuna delle voci o degli elementi contenuti nella punch list di costruzione è opportuno indicare:

  • il numero, ovvero un indicatore numerico che consente alle parti coinvolte di comunicare chiaramente a quale attività si stanno riferendo;
  • il nome dell’attività, caratterizzato da un’espressione sintetica che aiuta ad identificare a colpo d’occhio l’attività da eseguire;
  • la descrizione, che fornisce al team informazioni più dettagliate in merito alla portata del lavoro necessario per affrontare il problema;
  • la priorità, che permette di valutare il grado di criticità del problema e fornisce indicazioni su quali attività devono essere svolte prima di altre;
  • il responsabile, ovvero il soggetto a cui viene attribuita la responsabilità per il completamento del lavoro;
  • la data di inizio, che serve ad indicare il momento in cui l’assegnatario inizia a lavorare su un’attività;
  • la data di scadenza, che indica il termine entro il quale il lavoro deve essere completato;
  • lo stato di completamento, che fornisce informazioni sulla fase in cui si trova l’attività (come non avviata, in corso o completata).

Come creare una punch list di costruzione

Quando il progetto di costruzione è in fase di completamento, è importante eseguire una serie di passaggi per identificare, documentare e rettificare qualsiasi lavoro incompleto, prima che l’opera possa essere consegnata al proprietario.

Il project manager dell’appaltatore generale conduce un’ispezione preliminare per esaminare il lavoro svolto dai subappaltatori e verificare la presenza di componenti danneggiati o installazioni errate, annotando tutto su un documento che funge da lista di controllo interna.

Lo stesso fa il proprietario del progetto, che esegue un’ispezione più dettagliata, registrando sulla propria punch list gli elementi incompleti o eseguiti in modo errato.

I progettisti prendono parte alla procedura dettagliata per identificare eventuali discrepanze rispetto al progetto originale e prendere nota di tutto ciò che deve essere modificato.

Al termine del processo, l’appaltatore generale acquisisce l’elenco di controllo del proprietario e lo combina con il proprio per creare la punch list finale della costruzione.

Che cos’è una “zero punch list”

L’obiettivo di ogni progetto di costruzione è quello di raggiungere zero elementi nella lista di cose da fare.

La cosiddetta “zero punch list” rappresenta uno scenario ambizioso in cui, dopo l’ispezione finale e l’analisi dettagliata di un progetto edilizio, non sono assolutamente presenti lavori incompleti, carenze di qualità, problemi di sicurezza o deviazioni dai piani e dalle specifiche concordate.

In altre parole, tutto nel progetto è considerato completo e conforme alle specifiche tecniche e rispondente agli standard qualitativi previsti nei documenti contrattuali.

Il raggiungimento di una Zero Punch List è un risultato significativo e riflette un elevato livello di attenzione per i dettagli, controllo della qualità e coordinamento tra tutte le parti coinvolte nel progetto di costruzione. Dimostra che l’intero progetto è stato eseguito alla perfezione, senza carenze evidenti o lavori incompleti.

Come utilizzare una punch list di costruzione per la gestione del progetto

La punch list di costruzione è uno strumento indispensabile per la gestione del progetto perché aiuta le parti coinvolte a completare il lavoro nel rispetto degli standard e delle aspettative prestabilite.

Viene utilizzata dai project manager per:

  • documentare accuratamente i difetti di costruzione, con descrizioni dettagliate, fotografie e informazioni sulla posizione;
  • pianificare le attività necessarie alla risoluzione delle problematiche, assegnando un livello di priorità più elevato agli elementi che necessitano di essere completati o corretti prima di altri;
  • attribuire i compiti e le responsabilità per definire in modo chiaro “chi” deve fare “cosa” ed evitare inefficaci sovrapposizioni di ruoli;
  • impostare scadenze realistiche per la risoluzione di ciascun problema e garantire che le azioni correttive vengano intraprese tempestivamente;
  • monitorare i progressi e tenere traccia dell’avanzamento del lavoro svolto per la risoluzione degli elementi contenuti nella lista di controllo;
  • migliorare la comunicazione e la collaborazione con le parti interessate, favorendo l’organizzazione di incontri finalizzati alla revisione del progetto e al monitoraggio delle priorità e delle scadenze.
Punch list come gestirle in maniera efficace

Punch list come gestirle in maniera efficace

I punch list software servono proprio a gestire questo processi in maniera estremamente “smart”. Immagina di poter segnalare in tempo reale problematiche e non conformità direttamente dal cantiere sul tuo smartphone, annotando le criticità direttamente con una foto…

 

usbim-resolver
usbim-resolver

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *