Home » Notizie » Opere edili » Pubblicato il regolamento per la riutilizzazione delle acque reflue

Pubblicato il regolamento per la riutilizzazione delle acque reflue

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il D.M. Ambiente n. 185 del 12 giugno 2003, pubblicato nella G.U. n. 169 del 23.07.2003, stabilisce le norme per la riutilizzazione delle acque reflue domestiche, industriali ed urbane, in attuazione dell’art. 26 comma 2 del D.Lgs. n. 152/1999 (c.d. Testo Unico delle Acque).

Il D.M. Ambiente n. 185 del 12 giugno 2003, pubblicato nella G.U. n. 169 del 23.07.2003, stabilisce le norme per la riutilizzazione delle acque reflue domestiche, industriali ed urbane, in attuazione dell’art. 26 comma 2 del D.Lgs. n. 152/1999 (c.d. Testo Unico delle Acque).
Le acque reflue potranno essere impiegate per uso:

  1. irriguo: per l’irrigazione di colture destinate sia alla produzione di alimenti per il consumo umano ed animale sia a fini non alimentari, nonché per l’irrigazione di aree destinate al verde o ad attività ricreative o sportive;
  2. civile: per il lavaggio delle strade nei centri urbani; per l’alimentazione dei sistemi di riscaldamento o raffreddamento; per l’alimentazione di reti duali di adduzione, separate da quelle delle acque potabili, con esclusione dell’utilizzazione diretta di tale acqua negli edifici a uso civile, ad eccezione degli impianti di scarico nei servizi igienici;
  3. industriale: come acqua antincendio, di processo, di lavaggio e per i cicli termici dei processi industriali, con l’esclusione degli usi che comportano un contatto tra le acque reflue recuperate e gli alimenti o i prodotti farmaceutici e cosmetici.

Il Decreto fissa, per ciascuna destinazione d’uso, i relativi requisiti di qualità.

DocumentoDimensioneFormato
Regolamento per il riutilizzo delle acque reflue56 KbACCAreader
Allegati – Regolamento per il riutilizzo delle acque reflue394 KbACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *