Home » BIM Topic » BIM e infrastrutture » Il Ponte sullo Stretto di Messina: un colosso di ingegneria e innovazione tecnologica

Ponte sullo stretto di messina rendering

Il Ponte sullo Stretto di Messina: un colosso di ingegneria e innovazione tecnologica

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Scopri il Ponte sullo Stretto di Messina, un’opera ingegneristica rivoluzionaria e simbolo di crescita e innovazione per l’Italia, progettata con tecnologie BIM all’avanguardia

Il Ponte sullo Stretto di Messina: un colosso di ingegneria e innovazione tecnologica

Dopo oltre mezzo secolo di studi, analisi e lavoro incessante, il progetto del Ponte sullo Stretto di Messina, guidato dal consorzio Eurolink e dalla nota impresa Webuild, ha raggiunto un traguardo significativo, presentando la documentazione aggiornata e definitiva per l’opera e le relative infrastrutture di collegamento. Questo gigante dell’ingegneria, destinato a diventare il ponte sospeso più lungo al mondo, non solo rappresenta una sfida tecnologica di risonanza internazionale, ma anche una vetrina dell’ingegneria italiana nel mondo, con un impatto significativo sulla mobilità dell’intero Sud Italia.

Un progetto di enorme complessità e significato

Il ponte, con una campata complessiva di oltre 3.660 metri e una luce centrale sospesa di 3.300 metri, è stato progettato per resistere a condizioni estreme, sia in termini di intensità del vento che di eventi sismici, garantendo i più alti livelli di sicurezza, efficienza e sostenibilità ambientale. La struttura, che accoglierà due carreggiate stradali e una linea ferroviaria a doppio binario, promette di rivoluzionare la mobilità dell’area, consentendo un flusso di 6.000 veicoli all’ora e fino a 200 treni al giorno.

Innovazione e tecnologia: l’uso del BIM nel progetto

L’uso di strumenti BIM (Building Information Modeling) e di tecnologie digitali avanzate ha giocato un ruolo cruciale nella progettazione, costruzione e futura manutenzione del Ponte sullo Stretto di Messina. Il BIM, attraverso la creazione di modelli digitali 3D, ha permesso agli ingegneri e ai progettisti di visualizzare, analizzare e testare virtualmente il progetto, garantendo soluzioni ottimali e sostenibili durante tutte le fasi di vita dell’opera. La creazione di un gemello digitale del ponte, inoltre, sarà fondamentale per monitorare, gestire e mantenere efficiente la struttura nel tempo, offrendo un modello virtuale accurato che riflette lo stato reale dell’infrastruttura e permette di prevedere e prevenire potenziali problemi.

In questo video vediamo un esempio di applicazione della tecnologia Digital Twin ad un ponte ed i vantaggi offerti dalla possibilità di navigazione del modello virtuale per condurre ispezioni, valutare il deterioramento dei componenti critici e identificare le condizioni di pericolo per intraprendere azioni preventive. Tutto questo grazie ad un unico bridge management software!

In quest’altro video vediamo come software di gestione ponti come usBIM consentono il monitoraggio in tempo reale delle condizioni strutturali e funzionali dei ponti, grazie all’integrazione con l’IoT: sensori opportunamente posizionati sull’infrastruttura registrano dati quali vibrazioni, deformazioni, temperatura e carichi che possono essere visualizzati ed analizzati con un semplice click del mouse.

Inoltre, come nel caso del Ponte sullo Stretto di Messina, questo video ci permette di apprezzare un altro vantaggio dato dall’integrazione delle tecnologie BIM, openBIM e GIS nel BMS: la completa visione geospaziale dell’infrastruttura, con enormi semplificazioni per la localizzazione, l’analisi e la gestione delle infrastrutture in una specifica area geografica.

Un simbolo di crescita e sviluppo

Il Ponte sullo Stretto non è solo un’opera di straordinaria complessità ingegneristica, ma rappresenta anche un simbolo di crescita e sviluppo per il Sud Italia e per l’intero Paese. Pietro Salini, Amministratore Delegato di Webuild, ha espresso soddisfazione per il progresso del progetto, sottolineando come esso possa agire da catalizzatore per la crescita economica dell’Italia. Con un impatto significativo sia in termini economici che occupazionali, il progetto è un esempio lampante di come ingegneria e innovazione possano andare di pari passo, creando opere che non solo sfidano i limiti tecnologici, ma anche migliorano la vita quotidiana delle persone e lo sviluppo delle aree coinvolte.

Un futuro di innovazione e sostenibilità

Il Ponte sullo Stretto di Messina, con la sua straordinaria combinazione di ingegneria avanzata, innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale, si prospetta come un faro luminoso nel panorama delle infrastrutture globali. Mentre attendiamo con ansia l’avvio delle attività previsto prima dell’estate 2024, l’opera continua a rappresentare un emblema di ciò che la determinazione, l’expertise e la tecnologia possono realizzare quando sono dirette verso obiettivi ambiziosi e visionari.

 

bridge-management-software
bridge-management-software

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *