Teleriscaldamento e incentivi PNRR

PNRR e teleriscaldamento: di nuovo operativo il portale per accedere agli incentivi

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

PNRR: disponibili 200 milioni di euro per la costruzione di nuove reti di teleriscaldamento o l’estensione di quelle esistenti, le domande fino al 6 ottobre. I chiarimenti nelle FAQ aggiornate

Al fine del raggiungimento degli obiettivi ambientali nel settore del riscaldamento e raffrescamento del prossimo decennio, un ruolo fondamentale lo occupa il teleriscaldamento che riesce ad integrare l’efficienza con l’uso delle fonti rinnovabili e ridurre le emissioni inquinanti.

Le reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento sono oggi una realtà in via di espansione, per lo più nelle grandi aree urbane dove il problema è ancora più acuto, anche grazie alle risorse previste dal PNRR.

Parte delle risorse del Piano, infatti, saranno impiegate per finanziare progetti relativi alla costruzione di nuove reti o all’estensione di reti di teleriscaldamento esistenti. La misura rappresenta un importante passo verso la riduzione dei consumi connessi alla produzione di calore ed energia frigorifera per la climatizzazione degli edifici.

Il GSE fornisce supporto tecnico e operativo al Ministero della Transizione Ecologica nella gestione delle domande di accesso ai fondi previsti dal PNRR per lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento efficienti; a tal riguardo segnala che è nuovamente operativo il Portale per l’invio delle domande di accesso ai fondi previsti dal PNRR, per lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento efficienti.

Se hai bisogno di redigere una certificazione energetica per unità immobiliari servite da un impianto di teleriscaldamento ti consiglio il software per la certificazione energetica altamente affidabile e professionale.

Bando PNRR

In data 28 luglio 2022, il Ministero della Transizione Ecologica ha pubblicato l’avviso pubblico (vedi in allegato) per la presentazione di proposte progettuali per lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento da finanziare nell’ambito del PNRR, missione 2, componente 3, investimento 3.1.

L’Avviso pubblico determina l’ammontare delle risorse disponibili, disciplina i requisiti di accesso dei soggetti proponenti, le condizioni di ammissibilità dei progetti, i costi ammissibili, i termini, le modalità e la procedura per la concessione ed erogazione di incentivi in favore di progetti di investimento per lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento o teleraffrescamento efficiente.

Progetti finanziabili

Il bando finanzia progetti relativi alla costruzione di nuove reti o all’estensione di reti esistenti, in termini di clienti riforniti, compresi gli impianti per la loro alimentazione; viene data priorità allo sviluppo del teleriscaldamento efficiente, ovvero basato sulla distribuzione di calore generato da fonti rinnovabili, da calore di scarto o cogenerato in impianti ad alto rendimento.

Priorità è data allo sviluppo del teleriscaldamento efficiente, ovvero quello basato sulla distribuzione di calore generato da fonti rinnovabili, da calore di scarto o cogenerato in impianti ad alto rendimento.

Obiettivo

Obiettivo dell’investimento è quello di sostenere lo sviluppo di 330 km di nuove reti di teleriscaldamento efficiente e la costruzione di impianti o connessioni per il recupero di calore di scarto per 360 MW, così da risparmiare energia primaria fossile e ridurre l’emissione di gas serra.

Benefici

Tra i benefici, la possibilità di sfruttare più fonti energetiche (rinnovabili, recupero energetico da rifiuti solidi urbani, calore di scarto da processi industriali a costo zero, …), la riduzione degli inquinanti rispetto a tante piccole caldaie individuali e, infine, la possibilità di delocalizzare l’impianto rispetto ai centri abitati.

Risorse

Le risorse complessivamente disponibili ammontano a 200 milioni di euro, di cui 50 destinati a sistemi di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento efficiente di piccole dimensioni, ossia a progetti che prevedono un investimento complessivo inferiore a 10 milioni di euro, mentre i rimanenti 150 possono interessare qualsiasi tipo di impianto.

Beneficiari

Le agevolazioni sono destinate solo a:

  • soggetti proprietari,
  • realizzatori o gestori della rete di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento o della centrale di produzione di energia termica e/o frigorifera.

Agevolazione concedibile

L’ammontare dell’agevolazione concedibile a ciascuna impresa e per ciascun progetto non può essere superiore ad euro 20.000.000,00, per interventi riferiti alla rete di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento, ovvero euro 15.000.000,00, per interventi riguardanti le centrali di produzione di energia termica e/o frigorifera; l’importo minimo concedibile è di 250.000 euro.

Le agevolazioni verranno concesse mediante una procedura valutativa a graduatoria.

Termini e modalità della domanda

Le domande di accesso agli incentivi potranno essere presentate, entro le ore 10.00 del 6 ottobre 2022, attraverso il portale messo a disposizione del GSE e accessibile dall’Area Clienti.

Si precisa inoltre che le agevolazioni verranno concesse mediante una procedura valutativa a graduatoria.

FAQ

In vista della scadenza del 6 ottobre, data di presentazione delle proposte progettuali per l’accesso agli incentivi, il GSE rende disponibili all’interno del Portale la sezione relativa alle FAQ, redatte sulla base dei quesiti finora posti dagli operatori.

 

solarius-pv
solarius-pv

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.