Sicurezza Cantieri e Luoghi di Lavoro

Piattaforme di lavoro elevabili: guida INAIL su normativa e sicurezza

Disponibile il quaderno INAIL sulle piattaforme di lavoro elevabili. Scopri le novità normative dal confronto tra EN 280:2013+A1:2015 e la EN 280-1:2022

Nel settore delle costruzioni, le piattaforme di lavoro elevabili sono strumenti di fondamentale importanza per garantire la sicurezza sul lavoro.

L’articolo 71 comma 11 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. prescrive che le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII al medesimo decreto, tra le quali le piattaforme di lavoro elevabili, siano sottoposte a verifiche periodiche volte a valutarne lo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza.

A questo tema INAIL ha pubblicato un quaderno dal titolo “Piattaforme di Lavoro elevabili – Confronto tra la EN 280:2013+A1:2015 e la EN 280-1:2022“.

Il focus dell’INAIL è basato sul confronto tra la norma EN 280:2013+A1:2015 (che sarà ritirata il 2 febbraio 2025) e la EN 280-1:2022 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 2 agosto 2023) che rivela importanti evoluzioni nel campo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE).

La struttura del documento si basa su tabelle che mettono in parallelo le parti delle due versioni di norma, evidenziando le modifiche sostanziali e formali per rendere il testo più chiaro e interpretabile. Facciamo una rapida sintesi del quaderno INAIL, disponibile per il download gratuito in calce all’articolo.

Valuta anche un software per la sicurezza nei luoghi di lavoro che ti consente di eseguire la verifica delle attrezzature di lavoro attraverso uno specifico archivio contenente tutte le prescrizioni per il rispetto dei requisiti di sicurezza.

Quali sono le applicazioni più comuni delle piattaforme di lavoro elevabili?

Le piattaforme di lavoro elevabili (PLE) sono utilizzate in una vasta gamma di settori e applicazioni. Alcune delle applicazioni più comuni delle piattaforme di lavoro elevabili includono:

  • edilizia e costruzioni: le PLE sono ampiamente impiegate nel settore edile per consentire l’accesso sicuro a zone in altezza durante lavori di costruzione, manutenzione e ristrutturazione;
  • manutenzione industriale: le piattaforme di lavoro elevabili sono utilizzate per eseguire operazioni di manutenzione su macchinari industriali, impianti e strutture in ambienti industriali;
  • installazioni elettriche e idrauliche: nei settori dell’elettricità e dell’idraulica, le PLE consentono agli operatori di raggiungere facilmente punti di lavoro in altezza per installare, riparare o ispezionare impianti e cablaggi;
  • pulizia e manutenzione degli edifici: le piattaforme di lavoro elevabili sono utilizzate per la pulizia e la manutenzione di edifici, finestre, facciate e strutture esterne;
  • eventi e spettacoli: nell’ambito degli eventi e degli spettacoli, le PLE vengono impiegate per allestire palchi, installare luci e strutture scenografiche in altezza;
  • agricoltura: in agricoltura, le piattaforme di lavoro elevabili sono utilizzate per la potatura degli alberi, la raccolta dei frutti e altre attività agricole in altezza;
  • ispezioni e sorveglianza: le PLE sono impiegate per condurre ispezioni e sorveglianza in ambienti industriali, infrastrutture, ponti, torri e altre strutture ad altezza elevata;
  • riparazioni e manutenzione di veicoli: nei settori dell’automotive e dei trasporti, le piattaforme di lavoro elevabili consentono di effettuare riparazioni e manutenzioni su veicoli pesanti e mezzi di trasporto;

Queste sono solo alcune delle applicazioni più comuni delle piattaforme di lavoro elevabili, che dimostrano la loro versatilità e importanza in diversi settori lavorativi.

Piattaforme di Lavoro elevabili: le norme di sicurezza

Le diverse versioni della norma EN 280 (recepita in italiano attraverso la UNI EN 280-1:2022 “Piattaforme di lavoro mobili elevabili – Parte 1: Calcoli per la progettazione – Criteri di stabilità – Costruzione – Sicurezza – Esami e prove“) armonizzata alla direttiva macchine per le PLE, rappresentano il punto di riferimento per la sicurezza di queste macchine nel tempo. La normativa definisce i requisiti essenziali di sicurezza e tutela della salute, offrendo linee guida dettagliate per garantire la conformità e la sicurezza nell’utilizzo delle PLE.

Ruolo delle norme armonizzate

Le norme armonizzate, come la EN 280-1:2022, diventano il minimo livello di sicurezza atteso per un dato prodotto, conferendo presunzione di conformità ai requisiti essenziali di sicurezza. Tuttavia, i fabbricanti possono adottare soluzioni tecniche diverse, purché dimostrino che mantengono un livello di sicurezza equivalente a quello della norma armonizzata.

Focus sulla sicurezza degli operatori

La norma EN 280-1:2022 si concentra sulla salvaguardia degli operatori, specialmente in situazioni di guasto della macchina o malessere dell’operatore. Si richiede maggiore consapevolezza da parte degli operatori nell’utilizzo delle PLE, sottolineando l’importanza della formazione per garantire la piena dimestichezza con l’attrezzatura e la gestione delle situazioni critiche.

Applicazione delle normative in Italia

In Italia, le PLE sono considerate particolarmente pericolose, e il legislatore impone controlli e verifiche periodiche condotte da enti terzi per garantire la sicurezza. La norma EN 280 diventa un punto di riferimento anche per i verificatori, che devono accertare lo stato di conservazione, efficienza e conformità delle PLE.

Conclusioni

Le normative sulle piattaforme di lavoro elevabili svolgono un ruolo cruciale nella garanzia della sicurezza sul lavoro. Il confronto dettagliato tra la EN 280:2013+A1:2015 e la EN 280-1:2022 evidenzia le evoluzioni normative e l’importanza della formazione degli operatori per assicurare un ambiente di lavoro sicuro e conforme alle normative vigenti.

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Plusvalenza da Superbonus: nuova circolare del Fisco

Dal 2024 fa plusvalenza la vendita di immobili agevolati con Superbonus. Quando va pagata l'extra-tassa…

14 Giugno 2024

Case green: il ruolo degli sportelli unici per la prestazione energetica

La direttiva prevede la creazione su tutto il territorio nazionale di strutture di assistenza tecnica…

13 Giugno 2024

Come migliorare la certificazione energetica: il sondaggio ENEA-CTI

Sei un certificatore energetico? Rispondi al questionario promosso da ENEA e CTI per la prossima…

13 Giugno 2024

Che funzioni ha e come si compone un quadro elettrico?

Il quadro elettrico è tra gli elementi più importanti di un impianto elettrico, responsabile della…

13 Giugno 2024

L’innovazione del GIS and virtual reality nel settore delle costruzioni

Come combinare la visualizzazione realistica ed interattiva di modelli 3D, mappe e dati GIS grazie…

13 Giugno 2024

As-Planned vs As-Built: cosa devi sapere

As-Planned vs As-Built: scopri le differenze tra i programmi di pianificazione ed esecuzione nella gestione…

13 Giugno 2024