Piano paesaggistico e PRG: chi prevale?

Piano paesaggistico e PRG: quale prevale?

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Se il PRG contempla norme più severe in ambito della salvaguardia ambientale, prevale sul piano paesaggistico meno restrittivo. Lo afferma la Corte di Cassazione

Di regola la norma generale sovraordinata prevale su quella più in dettaglio e localizzata, nel caso queste vengano a confliggere, ma non è sempre così!

La Corte di Cassazione interviene in merito con una interessante sentenza (penale), la n. 33107/2022, che mette in luce una particolare casistica in cui ad esempio il Piano regolatore generale comunale può prevalere sull’ordinamento del Piano paesaggistico regionale.

Un PRG più rispettoso dell’ambiente in confronto al piano paesaggistico, il caso

La questione nasceva quando il proprietario di un terreno ricadente in area paesaggisticamente vincolata, decideva di costruirvi un fabbricato ad uso abitazione. Il terreno edificato era ricompreso:

  • secondo il Piano paesaggistico in zona residenziale;
  • secondo il PRG in zona agricola.

E così il manufatto, assentito con permesso di costruire conforme alle prescrizioni del parco, risultava invece abusivo per cui veniva sequestrato con rigetto del Tribunale dell’istanza di dissequestro.

La questione giungeva in ricorso presso la Cassazione.

L’imputato si difendeva lamentando, in sostanza, il mancato rispetto delle disposizioni del Piano paesaggistico prevalente su quelle del PRG.

Un territorio prezioso come il nostro ricco di memorie storiche, di tradizioni, dei paesaggi più svariati ed incantevoli va adeguatamente protetto e salvaguardato, infatti la legge punisce severamente e penalmente chi deturpa tali tesori attraverso gli abusi edilizi! Oggi però puoi disporre di un valido aiuto con il software per la relazione paesaggistica che ti consentirà di ottenere, in pochi minuti ed in maniera guidata, la documentazione per:

  • l’autorizzazione paesaggistica ordinaria ai sensi dell’art. 146 del dlgs 42/04 per le regioni Lazio, Friuli, Lombardia, Piemonte ed Umbria;
  • l’autorizzazione paesaggistica semplificata per gli interventi ricadenti nell’allegato B di cui al dpr 31/2017.

Il giudizio della Corte di Cassazione: devono essere tutelati i maggiori interessi ambientali

Gli ermellini in premessa citano il CdS il quale ha ricordato che:

se ai sensi dell’art. 145, comma 3, del d.lgs. n. 42/2004 gli strumenti urbanistici comunali non possono contemplare condizioni peggiorative rispetto alle disposizioni del piano paesaggistico, gli stessi possono pur sempre disciplinare le aree vincolate con previsioni che tutelano anche il profilo ambientale e paesaggistico in modo più favorevole 

poiché se è vero che le previsioni dei piani paesaggistici sono immediatamente prevalenti sulle disposizioni difformi eventualmente contenute negli strumenti urbanistici (così come esplicitamente dispone l’art. 145, comma 3, dlgs n. 42/2004), è anche possibile che gli strumenti urbanistici dettino, nell’ambito di propria competenza, disposizioni aggiuntive anche più restrittive dello strumento sovraordinato.

Di conseguenza:

  • se lo strumento urbanistico generale dovesse contrastare con i limiti posti dal piano territoriale paesaggistico quest’ultimo prevarrà, essendo “prevalenti” non tanto le sue prescrizioni quanto gli interessi di tutela dallo stesso garantiti;
  • qualora, invece, gli strumenti urbanistici comunali disciplinino le aree vincolate con previsioni che tutelano anche il profilo ambientale e paesaggistico in modo più favorevole rispetto ai piani territoriali paesaggistici essi sono da considerarsi prevalenti su questi ultimi.

Nel caso in esame, dunque, correttamente il Tribunale ha reputato lo strumento di pianificazione urbanistica prevalente sul piano paesaggistico atteso che il primo, in maniera più restrittiva del secondo, aveva classificato l’area oggetto di edificazione come agricola.

Il ricorso è dichiarato inammissibile.

 

Per maggiore approfondimento, leggi anche questo articolo di BibLus-net: “Competenza in materia urbanistica: le leggi regionali prevalgono sulle norme comunali

 

 

praticus-aps
praticus-aps

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.