Home » Notizie » Opere edili » Parquet e pavimento in legno per interni: ecco la UNI 11935:2024

Progettazione installazione e uso dei parquet per interni

Parquet e pavimento in legno per interni: ecco la UNI 11935:2024

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Disponibile da UNI la nuova norma su pavimentazioni di legno e parquet per interni a regola d’arte

È comune desiderio tra le persone rendere la propria casa un luogo sicuro e confortevole. Ed è per questo che il legno continua ad avere nel settore delle costruzioni un ruolo di primaria importanza.
Il legno è l’unico materiale da costruzione realmente rinnovabile. Ha proprietà di isolamento termico migliori di qualsiasi altro materiale da costruzione tradizionale. Aumenta la qualità dell’aria interna e riduce i livelli di tossicità negli edifici. È caldo, confortante ed esteticamente attraente. Pur essendo un materiale combustibile, le strutture in legno presentano una buona resistenza al fuoco, con un comportamento altamente prevedibile e quindi sicuro.

È pertanto comprensibile che la commissione dell’UNI “Legno” si sia interessata al recente sviluppo della norma UNI 11935, focalizzata su tali tematiche. Nel dettaglio, ci riferiamo alla:

  • UNI 11935:2024Pavimentazioni di legno e parquet per interni – Istruzioni per la progettazione, la posa in opera e le condizioni d’uso”.

Le nuove istruzioni per la progettazione e la posa in opera delle pavimentazioni di legno e parquet per interni, come pure i relativi requisiti d’uso, andranno ad incidere sui Capitolati Speciali d’appalto di opere pubbliche e private.

Per mantenere sempre aggiornati questi indispensabili documenti contrattuali è importante dotarsi di un software per i capitolati speciali che ti consenta di non avere più problemi quando devi elaborare un documento per un nuovo appalto.

La UNI 11935:2024 sulla progettazione, posa in opera e uso delle pavimentazioni in legno e parquet per interni

Il nuovo documento definisce i criteri progettuali e le modalità di posa in opera della pavimentazione di legno e del parquet per impiego all’interno. Si applica alle pavimentazioni da posare mediante:

  • incollaggio;
  • flottanti;
  • mediante avvitatura/chiodatura,

su qualsiasi tipologia di supporto, impiegate negli edifici di nuova costruzione e/o esistenti.

La UNI 11935:2024 definisce inoltre le condizioni di esercizio della pavimentazione.

La norma NON si applica:

  • alle pavimentazioni per interni ad uso sportive definite nella UNI EN 14904;
  • alle pavimentazioni esterne definite nella UNI 11538-1;
  • al rinnovamento e/o recupero di pavimentazioni di legno e parquet preesistenti;
  • alle pavimentazioni utilizzate nei mezzi di trasporto.

Per quanto riguarda l’idoneità degli elementi di legno in relazione alla tipologia e alla geometria di posa, dei materiali e dei prodotti complementari alla posa si deve fare riferimento alle specifiche norme di prodotto e alle istruzioni del fabbricante.

Per ciò che concerne la progettazione del sistema di pavimentazione è importante definire i relativi criteri. Quindi, come indicato nella UNI 11265, alla fase progettuale afferiscono gli ambiti operativi seguenti:

  • individuazione della tipologia di pavimentazione in funzione della destinazione d’uso e delle prestazioni richieste;
  • indicazione dei livelli qualitativi della pavimentazione in accordo con le specifiche norme di prodotto e le relative norme di riferimento;
  • valutazione della compatibilità (morfologica, dimensionale, chimico-fisica) tra la pavimentazione, ii supporto, le condizioni ambientali e le condizioni di esercizio;
  • conformità del progetto della pavimentazione e del supporto sottostante alle prescrizioni legislative, alle norme e alle specifiche di settore, anche in materia di igiene, salute, Sicurezza e, ove richiesto, di prevenzione incendi e di isolamento acustico.

Sempre in fase progettuale della pavimentazione è opportuno indicare le caratteristiche prestazionali dei componenti edilizi da impiegare, in termini di:

  • formato e tipologia degli elementi di legno (elementi massicci, elementi multistrato, ecc.);
  • eventuali disegni e/o bordure;
  • geometria di posa (a cassero, a spina di pesce, ecc.);
  • tipologia di posa (mediante incollaggio, chiodatura/avvitatura, flottante);
  • tipo di piano di posa (massetto cementizio, massetto a base di solfato di calcio (anidrite}, sistema radiante di riscaldamento/raffrescamento, pannelli di legno e derivati del legno, ecc.);
  • tipo di adesivo nel caso di posa mediante incollaggio;
  • tipo di materassino sotto-pavimentazione, nel caso di posa flottante;
  • tipo di finitura (vernice, olio, cera, colore).

 

La UNI 11935:2024 è scaricabile a pagamento dal sito UNI

 

PriMus-C

 

PriMus-C

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *