Home » BIM Topic » Rinnovabili ed edilizia sostenibile » Pannelli fotovoltaici plug and play: funzionamento e costi

Pannelli fotovoltaici plug and play

Pannelli fotovoltaici plug and play: funzionamento e costi

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

I pannelli fotovoltaici plug and play sono un tipo di pannelli che vanno collegati ad una fonte di alimentazione per trasferire l’energia alla rete elettrica domestica

Fra le tipologie di pannelli fotovoltaici attualmente disponibili sul mercato, una in particolare sta guadagnando sempre più attenzione: l’impianto fotovoltaico plug and play.

Si tratta di un innovativo micro-impianto solare con potenza inferiore a 350 W che può essere installato su balconi, finestre o in giardino.

La configurazione e la progettazione di qualsiasi impianto richiedono un’analisi accurata delle variabili in ingresso e in uscita del sistema. Attualmente, i sistemi fotovoltaici collegati alla rete rappresentano la soluzione più sostenibile in considerazione del rapporto qualità-prezzo e della quantità di energia generata.

Nel caso in cui opti per un sistema plug and play, con o senza sistema di accumulo, ti suggerisco di utilizzare un software fotovoltaico adatto alla progettazione di impianti su edifici nuovi o esistenti, in ogni posizione geografica e con diversi tipi di pannelli e inverter.

Ma come funzionano esattamente gli impianti fotovoltaici plug and play, quali vantaggi offrono e in quali casi vale la pena sceglierli?

Pannelli fotovoltaici plug and play: cosa sono

Plug and play significa letteralmente collega e utilizza. I pannelli fotovoltaici plug and play rappresentano un’innovazione significativa nel settore del fotovoltaico e delle energie rinnovabili in generale.

Si tratta di pannelli che possono essere collegati alla rete elettrica senza richiedere alcun lavoro di installazione e senza la necessità di intervento da parte di un tecnico specializzato.

Una volta connesso alla rete elettrica domestica, il pannello è immediatamente pronto per essere utilizzato, offrendo il vantaggio di evitare sia lavori lunghi e costosi, sia le complesse pratiche burocratiche necessarie per l’installazione dei tradizionali pannelli fotovoltaici sul tetto.

 

Pannelli fotovoltaici plug and play

Pannelli fotovoltaici plug and play

Come è fatto un pannello fotovoltaico plug and play?

Le componenti principali di un pannello fotovoltaico plug and play sono:

  • modulo fotovoltaico: responsabile dell’accumulo dell’energia solare che può essere composto da celle fotovoltaiche monocristalline o policristalline;
  • micro-inverter: che converte la corrente continua prodotta dal pannello in corrente alternata utilizzabile nell’edificio;
  • telaio di supporto: corredato eventualmente da morsetti o staffe di fissaggio;
  • accessori aggiuntivi: cavi di collegamento o una batteria per lo stoccaggio dell’energia (in tal caso, ci si riferisce ad un impianto fotovoltaico plug and play con accumulo).

Pannelli fotovoltaici plug and play: come funzionano

I pannelli fotovoltaici plug and play funzionano convertendo la luce solare in energia elettrica. Il funzionamento può variare in base al produttore e al modello specifico.

Questo sistema produce energia nel seguente modo:

  • si posizionano i pannelli solari all’esterno della propria abitazione con un’esposizione che sia il più possibile verso Sud, in modo da captare la massima quantità di radiazione solare;
  • l’inverter rende l’energia captata utilizzabile;
  • si collega la spina di uscita dall’inverter, direttamente alla presa più vicina all’impianto: in questo modo l’energia prodotta viene autoconsumata nel momento stesso della produzione.

L’installazione di pannelli fotovoltaici plug and play

Per installare un impianto fotovoltaico plug and play non sono necessarie particolari permessi o autorizzazioni.

Occorre solo la comunicazione da inoltrare al distributore per segnalare al proprio gestore la presenza di un impianto che genera energia elettrica, in modo che sia tutto in regola in caso di verifiche sul contatore elettrico.

In aree soggette a vincolo paesaggistico o architettonico potrebbe essere necessario ottenere anche un’autorizzazione presso il Comune di appartenenza.

Nel caso di residenze condominiali, è consigliabile comunicare in anticipo all’amministratore la decisione di installare un pannello plug and play, specificando la tipologia di impianto desiderato e la sua posizione prevista. Generalmente, l’autorizzazione per l’installazione di un pannello fotovoltaico plug and play sulla facciata del condominio deve essere ottenuta tramite un consenso dell’assemblea dei condomini, al fine di prevenire eventuali controversie riguardo alle modifiche estetiche dell’edificio.

Vantaggi e svantaggi legati all’uso di pannelli fotovoltaici plug and play

I pannelli fotovoltaici plug and play sono alla portata di tutti. L’installazione di questo tipo di impianto solare ha numerosi vantaggi come:

  • versatilità di installazione: si può installare su balcone, su una terrazza, sul tetto, sul lastrico solare, sulle pareti esterne della casa, sulle recinzioni o in giardino e, in base alle esigenze di ognuno, si possono scegliere differenti staffe di fissaggio;
  • estrema semplicità di montaggio: si può collegare senza il bisogno di autorizzazioni particolari;
  • costi iniziali: i kit fotovoltaici plug and play solitamente presentano costi iniziali inferiori rispetto ai sistemi tradizionali e possono variare in base al kit scelto e alla qualità dei componenti;
  • risparmio sulla bolletta elettrica di circa 20%;
  • sostenibilità ambientale;
  • efficienza energetica.

La vita media di un pannello fotovoltaico plug and play va dai 15 ai 25 anni. Si tratta, dunque, di una soluzione vantaggiosa considerato che il costo del dispositivo potrebbe essere ammortizzato in pochi anni.

Solarius-PV

 

Solarius-PV

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *