fondi-palestre-mense-scolastiche

Palestre e mense scolastiche: nuovi fondi al Sud per l’adeguamento

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Pubblicato il bando dell’Istruzione per l’adeguamento di palestre, aree gioco e mense scolastiche. Le domande entro il 5 agosto 2021

Il Ministero dell’Istruzione, oltre al bando di finanziamento riservato al progetto “scuole innovative“, ha divulgato un “avviso pubblico per l’adeguamento funzionale e messa in sicurezza impiantistica delle palestre, delle aree di gioco, di impianti sportivi adibiti ad uso didattico, di mense scolastiche e relativo allestimento” .

Nel dettaglio, i fondi messi a disposizione sono così ripartiti:

  • 350.000,00 di euro per l’adeguamento funzionale e messa in sicurezza impiantistica delle:
    • palestre,
    • aree di gioco,
    • impianti sportivi adibiti ad uso didattico;
  • 200.000,00 di euro per l’adeguamento funzionale, messa in sicurezza impiantistica e allestimento di mense scolastiche.

Soggetti ammessi a partecipare

Possono partecipare alla presente selezione pubblica tutti gli enti locali, con riferimento a uno o più edifici pubblici adibiti ad uso scolastico statale di cui sono proprietari o rispetto ai quali abbiano la competenza secondo quanto previsto dalla legge n. 23/1196, delle seguenti regioni:

  • Abruzzo,
  • Basilicata,
  • Calabria,
  • Campania,
  • Molise,
  • Puglia,
  • Sardegna,
  • Sicilia.

Spese non ammissibili

Tra le spese non ammesse al finanziamento si segnalano:

  • spese di progettazione con procedure di affidamento avviate o affidate prima della data di pubblicazione del presente avviso;
  • i costi sostenuti o riferiti a procedure avviate prima della nota autorizzativa;
  • le spese derivanti da modifiche, in corso di esecuzione, dei contratti di appalto (sia di servizi e forniture che di lavori), di qualsiasi natura, comunque denominate e da qualsiasi causa determinate;
  • le spese per interventi di costruzione di nuovi edifici o per realizzazione di nuove volumetrie su edifici esistenti;
  • le spese per interventi già finanziati con altre risorse per la stessa tipologia di intervento (doppio finanziamento) sul medesimo edificio;
  • spese relative ad interventi modificativi di opere finanziate con fondi europei il cui programma si è concluso da meno di cinque anni;
  • spese per manutenzione ordinaria.

I lavori dovranno essere ultimati in tempo utile per essere rendicontati entro il termine del 31 marzo 2023, in coerenza con la chiusura della Programmazione operativa PON “Per la Scuola” 2014-2020.

Modalità di partecipazione

La candidatura deve essere presentata dall’ente locale con riferimento ad un solo edificio scolastico di propria competenza, selezionando per ognuno di esso la tipologia di intervento.

Per ciascun edificio scolastico è possibile candidare una sola tipologia di intervento tra quelle indicate.

Inoltre:

  • non è possibile proporre più candidature sullo stesso edificio;
  • i comuni e le Unioni di comuni potranno presentare al massimo 2 candidature per 2 diversi edifici scolastici e n. 2 progetti. I comuni capoluoghi di provincia, le province e le città metropolitane potranno presentare al massimo 4 candidature per 4 diversi edifici scolastici e n. 4 progetti;
  • nel caso di Unione dei comuni la candidatura va presentata da parte dell’ente capofila;
  • l’ente locale che intende presentare la candidatura deve essere in possesso di almeno un progetto di fattibilità tecnico-economica, ai sensi dell’articolo 23 del dlgs 18 aprile 2016, n. 50. Tale progetto deve essere stato approvato da parte dell’organo competente dell’ente prima della “avviso pubblico per l’adeguamento funzionale e messa in sicurezza impiantistica delle palestre, delle aree di gioco, di impianti sportivi adibiti ad uso didattico, di mense scolastiche e relativo allestimento”;
  • presentazione della candidatura e il relativo provvedimento di approvazione deve essere caricato a sistema al momento della presentazione della richiesta di finanziamento;
  • i progetti sono finanziati sulla base della graduatoria e del punteggio riportato nei limiti delle risorse disponibili.

Presentazione della domanda

Gli enti locali interessati, tramite il legale rappresentante o loro delegato, devono far pervenire la propria candidatura, esclusivamente attraverso l’apposito portale, accedendo al  “Gestione Interventi”, previa richiesta di accreditamento all’area riservata del portale del Ministero dell’Istruzione.

Le indicazioni operative per procedere alla richiesta di accreditamento sono disponibili alla sezione Manuali della pagina web dedicata all’avviso.

Per la presentazione della candidatura, gli enti locali dovranno compilare ogni sezione del formulario proposto, specificando, in particolare:

  • la denominazione ente (comune, Unione di comuni, comuni capoluogo di provincia, provincia o città metropolitana);
  • il codice edificio scolastico dello SNAES (Sistema nazionale anagrafe edilizia scolastica);
  • il livello di progettazione raggiunto, ai sensi dell’art. 23 del decreto legislativo n. 50/2016 (progetto di fattibilità tecnica ed economica, progetto definitivo, progetto esecutivo) con i relativi estremi di approvazione;
  • l’importo di finanziamento richiesto;
  • l’anno di costruzione dell’immobile;
  • il codice CUP relativo alla presente richiesta di finanziamento (stato attivo). Non sono validi CUP provvisori o con stato revocato;
  • il numero di studenti e studentesse presenti nell’istituzione scolastica che beneficia delle strutture interessate dagli interventi con allegata dichiarazione del Dirigente dell’istituzione scolastica coinvolta;
  • la dichiarazione se l’intervento da candidare è stato o meno inserito nella programmazione triennale nazionale 2018-2020, costituita ai sensi dell’articolo 10 del dl 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128;
  • la zona sismica in cui ricade l’edificio oggetto di intervento, ai sensi della normativa nazionale;
  • l’eventuale presenza di una vigente ordinanza di chiusura o dichiarazione di inagibilità, anche parziale, dei locali superabile con gli interventi del presente finanziamento, riferita ai locali o superfici oggetto di intervento con data anteriore a quella di pubblicazione del presente avviso allegando il relativo provvedimento.

Termini di presentazione delle domande

Il termine per la presentazione delle candidature è fissato alle ore 15.00 del giorno 5 agosto 2021. A tal fine, l’area del sistema informativo predisposta per la presentazione delle candidature resterà aperta dalle ore 10.00 del giorno 5 luglio 2021 alle ore 15.00 del giorno 5 agosto 2021.

L’accreditamento degli enti locali sarà possibile dalle ore 10.00 del giorno 30 giugno 2021 alle ore 15.00 del giorno 30 luglio 2021.

Per quanto non specificato, si rimanda alla lettura in dettaglio dell’avviso pubblico del MI.

 

Clicca qui per scaricare l’avviso pubblico

 

impiantus
impiantus

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *