IFC-openBIM®

Forum europeo sull’openBIM: ruolo, obiettivi e Paesi membri

openBIM forum EU è l’iniziativa lanciata da BSi per guidare il settore delle costruzioni verso un futuro digitale, interoperabile e sostenibile

La digitalizzazione è l’asset determinante nel futuro dell’edilizia e dell’industria delle costruzioni. Per sfruttare appieno le opportunità offerte da questo cambiamento, è essenziale promuovere la collaborazione e l’interoperabilità tra tutti gli attori del settore. È qui che entra in gioco l’openBIM, un approccio che si basa su standard aperti per lo scambio di dati e processi, promuovendo un ecosistema costruttivo più efficiente e sostenibile.

In questo scenario prende forma l’iniziativa del Forum europeo sull’openBIM che mira a proporre iniziative allineate con la strategia dell’UE nel percorso dell’edilizia digitale e a sostenere l’implementazione dell’openBIM nelle strategie europee.

Scopriamo nel dettaglio cos’è, quali sono gli obiettivi e il ruolo di questo fondamentale organismo.

È importante ricordare che la digitalizzazione dei progetti di costruzioni e infrastrutture, basata sulla condivisione e lo scambio di informazioni tra sistemi e organizzazioni, richiede come condizione essenziale l’utilizzo di software certificati IFCpiattaforme collaborative openBIM.

Perché nasce il Forum europeo sull’openBIM?

L’openBIM si sta rapidamente affermando come un pilastro fondamentale per la gestione efficiente dei dati e la realizzazione di un futuro più sostenibile e digitalizzato.

Diversi capitoli europei di buildingSMART International hanno contribuito allo sviluppo di roadmap nazionali per l’implementazione degli standard openBIM nei rispettivi Paesi. Allo stesso tempo, l’EU BIM Task Group promuove l’adozione di pratiche digitali nel settore delle costruzioni per il mercato pubblico.

In questo contesto, è sorta l’idea di istituire il Forum europeo sull’openBIM al fine di proporre iniziative coerenti con la strategia dell’UE nel percorso verso l’edilizia digitale e per sostenere l’attuazione dell’openBIM nelle politiche europee.

A cosa serve l’openBIM Forum?

L’OpenBIM Forum Europeo rappresenta un’importante iniziativa per guidare il settore delle costruzioni verso un futuro digitale, interoperabile e sostenibile.

Il suo obiettivo principale è promuovere e facilitare la creazione di una strategia condivisa per l’implementazione dell’openBIM, integrandola con le politiche dell’Unione Europea.

L’accento viene posto sulla standardizzazione dell’approccio per lo scambio, la gestione e la protezione dei dati, fondamentali per far progredire gli standard openBIM. Questo approccio comune favorirà la diffusione e l’adozione delle migliori pratiche tra i diversi Paesi, accelerando così l’implementazione di processi normativi basati sull’openBIM.

Definire una strategia comune comporta una serie di vantaggi significativi, tra cui:

  • incrementare l’importanza degli standard openBIM all’interno delle direttive dell’Unione Europea;
  • potenziare la rilevanza degli standard openBIM all’interno dei comitati CEN e ISO;
  • ottenere il riconoscimento dell’openBIM nelle procedure di appalto, portando benefici a tutta la catena di approvvigionamento del settore delle costruzioni;
  • trarre vantaggio dai progressi internazionali basati sugli standard openBIM;
  • favorire una maggiore collaborazione tra i capitoli europei di BuildingSMART e i rispettivi governi nazionali.

Iniziative e norme sul BIM in Europa

Il Parlamento europeo ha introdotto il concetto di BIM con la direttiva del 2014.

Successivamente, nel 2016, è stato istituito l’EU BIM Task Group, cofinanziato dalla Commissione europea, che ha pubblicato il Manuale BIM dell’UE nel luglio 2017, contribuendo a identificare politiche nazionali per la diffusione del BIM.

Nel periodo tra il 2014 e il 2022, il CEN/CENELEC ha rivisto diverse norme CEN per fornire definizioni comuni e verificabili ed è stata sviluppata la norma EN ISO 14090:2019 che tratta dell’adattamento ai cambiamenti climatici, stabilendo principi, requisiti e linee guida.

A partire dal 2020 si è iniziato a dare particolare rilievo alla digitalizzazione e alla sostenibilità ambientale, con la Commissione europea che ha sviluppato diverse politiche di sostegno attraverso progetti come Horizon 2020.

Nel 2021, è iniziato un processo collaborativo con il Forum di alto livello sulle costruzioni. La Commissione europea sta infatti progredendo su vari aspetti legati al settore edilizio, come i permessi di costruzione digitali, i registri di costruzione digitali e gli appalti elettronici. Inoltre, sta lavorando su questioni più ampie come la tassonomia, il quadro di riferimento dei livelli e il CPR.

Infine, il dipartimento DG GROW sta continuando i suoi sforzi per connettere il “decennio digitale” e il “green deal” attraverso una strategia chiamata “Transition Pathway for Construction”, annunciata nel marzo 2023.

Oltre alla Commissione, anche altri attori stanno contribuendo all’evoluzione dell’ambito edilizio, con strumenti di finanziamento dell’UE e programmi a livello europeo come i rapporti del Centro Comune di Ricerca sull’edilizia a impatto zero e il programma PACT del WBCSD, sostenuti dall’UE.

Altre norme

Oltre alle iniziative e disposizioni indicate, nel settore delle costruzioni e del facility management, l’organizzazione e la condivisione dei dati sono regolate da ulteriori norme come l’EN ISO 16739 e l’IFC 4.3 che includono definizioni dei dati per beni edilizi e infrastrutturali durante il loro ciclo di vita.

Inoltre, ci sono anche regolamenti che disciplinano:

  • l’organizzazione dei processi informativi sui dati (EN ISO 19650);
  • i modelli informativi dell’edificio (EN ISO 29481);
  • la strutturazione della conoscenza aziendale legata agli oggetti edilizi (EN ISO 23386).

A queste si unisce lo standard PLCS (ISO 10303-239), che garantisce la coerenza, la manutenibilità, lo scambio e la durabilità dei dati indipendentemente dai sistemi informativi e per tutto il ciclo di vita del prodotto.

Perché nasce ora l’idea del Forum openBIM?

La nascita del Forum openBIM avviene ora per rispondere a una serie di sviluppi nel settore delle costruzioni. Finora, le iniziative si sono concentrate sull’integrazione degli standard BIM, ma spesso hanno trascurato il pieno utilizzo e valore dell’openBIM.

Nonostante il riconoscimento dell’importanza dell’openBIM a livello europeo e gli investimenti significativi della Commissione Europea nella digitalizzazione delle industrie edili e delle infrastrutture, l’attuale adozione e implementazione dell’openBIM non sono uniformi.

I capitoli europei di buildingSMART International invece stanno acquisendo sempre più consapevolezza sull’importanza degli standard aperti nel promuovere la collaborazione e la digitalizzazione nel settore delle costruzioni.

Per questo motivo, ora si sente l’esigenza di istituire un forum europeo sull’openBIM con l’obiettivo principale di diffondere questa conoscenza presso la Commissione Europea e promuovere l’adozione e l’utilizzo degli standard aperti, contribuendo così a un’evoluzione più coerente e sostenibile del settore delle costruzioni.

Qual è il ruolo del Forum europeo sull’openBIM?

Il Forum Europeo sull’openBIM si pone come un catalizzatore per accelerare l’adozione dell’openBIM e massimizzarne l’impatto positivo in Europa.

Riunendo i capitoli europei di buildingSMART International, il forum mira a:

  • promuovere la consapevolezza e l’implementazione dell’openBIM: collaborando con istituzioni europee, governi nazionali e altre organizzazioni, il forum si impegna a diffondere la conoscenza sull’openBIM e a supportare la sua implementazione attraverso politiche e regolamenti;
  • favorire la standardizzazione e l’interoperabilità: definendo standard comuni e pratiche condivise per lo scambio di informazioni digitali, il forum contribuisce a creare un ambiente neutrale e collaborativo per tutti gli attori del settore;
  • potenziare le competenze e la formazione: attraverso programmi di certificazione e iniziative educative, il forum si propone di migliorare le competenze dei professionisti del settore e di promuovere una maggiore comprensione dell’openBIM;
  • innovazione e ricerca: identificando nuove aree di ricerca e sviluppando soluzioni innovative, il forum mira a mantenere il settore delle costruzioni all’avanguardia nella trasformazione digitale e nella sostenibilità.

Qual è la governance dell’openBIM Forum?

Il Forum Europeo sull’openBIM opera con una governance trasparente e collaborativa, coinvolgendo attivamente i suoi membri nella definizione delle strategie e delle priorità e coordinandosi con le istituzioni europee per l’adozione di approcci integrati.

Il programma di lavoro sarà definito attraverso un accordo e i progressi verranno comunicati ai capitoli del forum sotto la guida di un comitato direttivo.

Quali obiettivi promuove il Forum europeo sull’openBIM?

Il Forum europeo sull’openBIM mira a consolidare gli sforzi dei capitoli europei di buildingSMART attraverso la collaborazione. Tale sinergia offre numerosi benefici sia per l’Europa e i capitoli di buildingSMART che per l’intera comunità buildingSMART.

I rappresentanti dei capitoli, attraverso la creazione del forum, si propongono vari obiettivi tra cui:

  • sostenere l’impegno globale per ridurre l’impronta di carbonio del settore edile e promuovere l’economia circolare dei materiali attraverso l’adozione di standard e pratiche comuni per le informazioni digitali;
  • sfruttare appieno le opportunità della trasformazione digitale per rafforzare la resilienza del settore edile;
  • aiutare i governi nell’implementazione di permessi di costruzione digitali basati sugli standard openBIM;
  • potenziare le competenze dei professionisti del settore edile e promuovere la conoscenza dell’openBIM attraverso programmi di certificazione;
  • estendere l’uso della tecnologia dei gemelli digitali in diversi settori, comprese le tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale e la blockchain;
  • identificare nuove aree di ricerca e sfide allineate agli interessi degli stakeholder principali, proponendo nuove idee per la ricerca e lo sviluppo;
  • sollecitare la Commissione europea a finanziare l’attuazione di standard BIM, eventi di condivisione delle conoscenze e workshop sugli standard BIM aperti;
  • promuovere standard, servizi e strumenti europei unificati basati sugli standard openBIM per fornire un punto di riferimento comune per la costruzione digitale, a vantaggio di individui, imprese, progetti e dell’intera comunità;
  • portare avanti i progetti finanziati nell’ambito del quadro europeo;
  • sostenere l’adozione di standard BIM aperti nella ristrutturazione delle infrastrutture europee esistenti;
  • riconoscere l’importanza dei dati BIM nell’ambito di un approccio comune europeo alla sicurezza.

Obiettivi openBIM Forum EU

Chi fa parte del Forum europeo sull’openBIM?

Il forum europeo sull’openBIM è un organismo che rappresenta i capitoli europei di buildingSMART.

I paesi della comunità buildingSMART che hanno già accettato di istituire il Forum Europeo sull’openBIM includono:

  • Austria
  • Benelux
  • Croazia
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Francia
  • Germania
  • Italia
  • Lituania
  • Norvegia
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Serbia
  • Slovenia
  • Spagna
  • Svezia
  • Svizzera
  • UK e Irlanda

Ad oggi, tanto buildingSMART International, quanto l’EU BIM Task Group hanno dichiarato il loro sostegno a questa iniziativa.

Livello Forum europeo sull’openBIM e livello capitoli nazionali buildingSMART

Strumenti openBIM per la digitalizzazione delle costruzioni

In un’epoca sempre più orientata verso l’openBIM e la digitalizzazione dell’ambiente costruito e delle costruzioni, ti suggerisco di utilizzare strumenti all’avanguardia come il BIM management system usBIM con cui puoi gestire il flusso di lavoro openBIM in modo efficiente.

Questa piattaforma cloud online ti offre una serie di funzionalità tra cui:

  • la visualizzazione, la gestione e la collaborazione su modelli BIM in diversi formati;
  • la creazione e la gestione di file BCF;
  • l’archiviazione e la condivisione di documenti e progetti in vari formati e dispositivi;
  • il calcolo metrico online;
  • la gestione delle problematiche direttamente in cloud;
  • la collaborazione in tempo reale con chat e meeting online;
  • l’integrazione dei dati IoT nel modello BIM;
  • visualizzazione su mappe GIS.

Guarda il video per scoprire le principali funzionalità.

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Reddito energetico 2024: contributi a fondo perduto per il fotovoltaico

Sportelli del Reddito energetico aperti da giugno. Contributi a fondo perduto per le imprese installatrici,…

29 Maggio 2024

Decreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlli

Spalma-detrazioni in 10 anni, bonus casa al 30% dal 2028, stop a sconto in fattura,…

29 Maggio 2024

Superbonus 2024 ultime news: legge 67/2024 in Gazzetta Ufficiale

Stop a cessione del credito, obbligo detrazioni in 10 anni, bonus ristrutturazioni al 30% dal…

29 Maggio 2024

Principio DNSH e tecnologie dell’energia oceanica

Produzione di energia oceanica: ecco i nuovi elementi di rispetto dei criteri DNSH per la…

27 Maggio 2024

Contratti pubblici: ecco i dati dell’ANAC

Aumento degli affidamenti diretti, impatto del PNRR e analisi della spesa regionale: tutti i dati…

27 Maggio 2024

Strutture dissipative e non: cosa cambia nella progettazione

Le strutture dissipative si basano sul concetto di duttilità e implicano l’accettazione del danneggiamento come…

27 Maggio 2024