Categorie Lavori pubblici

Nuovo codice appalti: procedure di affidamento e criteri di aggiudicazione

Nuovo codice appalti D.Lgs. 36/2023: procedure di affidamento più snelle. Affidamento diretto fino a 150 mila euro. Nessuna novità per i criteri

Il nuovo codice appalti, D.Lgs. 36/2023, prevede un sistema di procedure per l’affidamento differente rispetto all’impianto precedente.

Il nuovo codice prevede limiti più alti per gli affidamenti diretti e un sistema più snello in generale. In questo articolo proviamo a sintetizzare le nuove regole per le procedure di affidamento, normate dall’art. 50.

Se sei una stazione appaltante, di sicuro ti preme capire bene le nuove regole e rispettarle appieno, per questo ti consiglio di affidarti a software lavori pubblici sempre aggiornati. Se invece sei un tecnico e ti occupi di servizi di progettazione o dell’esecuzione di lavori pubblici (es. direzione lavori e collaudo), ti consiglio di affidarti a soluzioni adeguate, in grado di guidarti correttamente secondo le norme in vigore e supportarti nella progettazione dei lavori pubblici e nell’esecuzione degli stessi.

aggiornamento

Sottosoglia: affidamento diretto obbligatorio o possibilità di procedura negoziata? Il parere del MIT

Una stazione appaltante ha chiesto al MIT se in una gara che si colloca per fascia di importo nell’affidamento diretto (lavori inferiori a 150.000 € e sevizi/forniture 140.000€), è possibile scegliere la procedura negoziata o si è vincolati all’affidamento diretto. Se si può optare anche per la procedura negoziata, qual è il termine da rispettare per concludere la procedura di appalto?

Il MIT, con parere 2577/2024, ha precisato che la stazione appaltante deve tener sempre presente il principio del risultato che obbliga alla massima tempestività per evitare un aggravio nel procedimento. Nel caso in cui la stazione appaltante preferisca la procedura negoziata all’affidamento diretto deve darne adeguata motivazione, visto l’allungamento dei tempi.

Nel caso in cui la stazione appaltante scelga la procedura negoziata in base ad una motivazione adeguata, i termini da rispettare sono:

  • 4 mesi se si sceglie il criterio dell’OEPV, offerta economicamente più vantaggiosa;:
  • 3 mesi se si sceglie il criterio del minor prezzo.

Il MIT si è pronunciato più volte sulla discrezione delle amministrazioni, affermando che esse sono libere di scegliere la procedura di affidamento più opportuna sempre per ragioni di efficienza, anche se è sempre meglio optare per procedure semplificate (soprattutto nel sottosoglia).

Nuovo codice appalti: procedure di affidamento lavori

L’articolo 50 del nuovo codice appalti disciplina le regole per le procedure per l’affidamento dei lavori:

  1. importo inferiore a 150.000 euro: affidamento diretto anche senza consultazione di più operatori economici, assicurando che siano scelti soggetti in possesso di documentate esperienze pregresse idonee all’esecuzione delle prestazioni contrattuali gli iscritti in elenchi o albi istituiti dalla stazione appaltante;
  2. importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a 1 milione di euro: procedura negoziata senza bando, previa consultazione di almeno 5 operatori economici, ove esistenti, individuati in base a indagini di mercato o tra MIT e elenchi di operatori economici;
  3. importo da 1 milione di euro a soglie comunitarie, procedura negoziata senza bando, previa consultazione di almeno 10 operatori economici, ove esistenti.

Procedure affidamento lavori

Nuovo codice appalti: procedure di affidamento servizi e forniture

  1. Importo inferiore a 140.000 euro: affidamento diretto di servizi e forniture, ivi compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione, anche senza consultazione di più operatori economici, assicurando che siano scelti soggetti in possesso di documentate esperienze pregresse idonee all’esecuzione delle prestazioni contrattuali, anche individuati tra gli iscritti in elenchi o albi istituiti dalla stazione appaltante;
  2. importo pari o superiore a 140.000 euro e fino alle soglie comunitarie: procedura negoziata senza bando, previa consultazione di almeno 5 operatori economici, ove esistenti, individuati in base ad indagini di mercato o tra MIT e elenchi di operatori economici, per l’affidamento di servizi e forniture, ivi compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione.

Procedure affidamento servizi

Nuovo codice appalti e allegato II.1: elenchi operatori e indagini di mercato

L’allegato II.1 del D.Lgs. 36/2023 disciplina le modalità attuative in merito alla gestione degli elenchi e delle indagini di mercato per gli affidamenti di contratti di importo inferiore alle soglie di rilevanza europea. L’allegato si divide in 3 articoli:

  • disposizioni generali;
  • indagini di mercato;
  • elenchi di operatori economici.

La scelta degli operatori deve essere effettuata secondo criteri oggettivi, quali non discriminazione, proporzionalità e trasparenza. Il sorteggio o altri metodi di estrazione casuale dei nominativi sono consentiti solo in casi eccezionali in cui il ricorso ai criteri suddetti è impossibile o comporta per la stazione appaltante oneri incompatibili con il celere svolgimento della procedura. I criteri di selezione degli operatori da invitare alla procedura negoziata devono essere indicati nella determina a contrarre o in altro atto equivalente.

Criterio di aggiudicazione

Nessuna particolare novità prevista per i criteri di aggiudicazione: per gli affidamenti che prevedono procedura negoziata o procedure aperte (lavori e forniture da 140.000 € in su) occorre procedere con:

  • criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa oppure, del prezzo più basso;
  • criterio del prezzo più basso (fatti salvi i contratti ad alta intensità di manodopera).

Ti ricordo che il D.Lgs. 36/2023 è entrato in vigore il 1 aprile 2023, acquista efficacia dal 1 luglio 2023, ma è previsto un periodo transitorio fino al 31 dicembre 2023 durante il quale vecchie e nuove norme coesisteranno. Per esser certo di applicare la normativa corretta, ti consiglio di affidarti a strumenti specifici e sempre aggiornati:

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

DURC: cos’è, a cosa serve, quando è richiesto

Il DURC è un documento che certifica la regolarità contributiva e assicurativa delle imprese e…

18 Luglio 2024

Decreto salva casa: la guida al condono edilizio 2024 con PDF, slide e faq

Il Salva Casa a un passo dall'ok definitivo. Cosa si può sanare con il condono…

18 Luglio 2024

Le nuove responsabilità dei tecnici nel Decreto salva casa

Tecnici e progettisti sono chiamati a stimare il valore dell’immobile, attestare la datazione, dichiarare il…

18 Luglio 2024

Dichiarazione di conformità impianti: cos’è e quando è richiesta

Quando è obbligatorio e cosa deve contenere il certificato di conformità degli impianti (Di.Co.) previsto…

17 Luglio 2024

Chi è, cosa fa e come diventare un energy manager?

L’energy manager gestisce gli aspetti energetici di un bene e individua soluzioni di efficientamento energetico.…

17 Luglio 2024

Gli operatori economici secondo il codice dei contratti

Chi sono gli operatori economici? Quali sono i requisiti per partecipare ad una gara d'appalto?…

17 Luglio 2024