Mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile: incentivi per chi installa sistemi di trazione elettronica

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Previsti fino a 3.500 euro con limite di copertura del 60% della spesa per chi installa sistemi di trazione elettronica sul proprio veicolo

In arrivo un nuovo incentivo per la mobilità sostenibile: sul sito del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili è comparsa la notizia che il ministro Giovannini ha firmato un decreto in materia di efficientamento energetico, il quale prevede un contributo economico fino a 3.500 euro.

Vediamo le principali caratteristiche del suddetto bonus.

Chi può beneficiare

Possono beneficiare tutte le persone che intendono riqualificare il proprio veicolo dal classico motore endotermico a quello elettrico. Possono accedere al suddetto bonus anche le persone che hanno già provveduto a sostituire il motore termico del proprio veicolo con un motore elettrico, a partire dal 10 novembre 2021.

Veicoli interessati

Dal minivan per il trasporto di persone, passando per i veicoli con più di 8 posti, fino ad arrivare ai furgoni per il trasporto delle merci immatricolati dalla casa madre con il classico motore a combustione.

Ecco i veicoli interessati a tale beneficio:

  • M1 – sono quei veicoli per il trasporto di persone, con massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente;
  • M2 – veicoli per il trasporto di persone, con massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente, peso massimo 5 tonnellate;
  • M3 – veicoli per il trasporto di persone, con massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente, peso massimo oltre 5 tonnellate;
  • N1 – veicoli per il trasporto di merci, peso massimo non superiore a 3,5 tonnellate;
  • M1G/M2G/M3G/N1G – fuoristrada;

Bonus conversione auto

Come abbiamo detto il contributo è pari al 60% del costo per la riqualificazione della propria auto e tale bonus copre un massimo di spese di 3.500 euro per ogni singolo cittadino. Inoltre, il bonus prevede un contributo aggiuntivo del 60% per coprire tutte quelle spese relative all’imposta di bollo per:

  • iscrizione al PRA;
  • imposta di bollo;
  • imposta provinciale di trascrizione.

Come accedere al contributo

Per l’assegnazione del bonus, il MiMS metterà a disposizione una specifica piattaforma informatica, la cui attivazione sarà comunicata nei prossimi giorni sul sito del Ministero. È possibile accedere al contributo entro il 31 dicembre 2022.

Obiettivo

Tale contributo è finalizzato alla promozione della decarbonizzazione, di una maggiore sostenibilità ambientale e al favorimento della transizione ecologica.

Scopri tutti i dettagli su un software per la progettazione di impianti solari e fotovoltaici gratis per 30 giorni.

 

solarius-pv
solarius-pv

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.