Mims: conseguiti tutti gli obiettivi del PNRR

MIMS: conseguiti gli obiettivi PNRR

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

MIMS: conseguiti gli obiettivi del primo semestre del 2022 ed i tre obiettivi originariamente previsti per il secondo semestre 2022 del PNRR

Il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili ha realizzato il punto della situazione sullo stato di avanzamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Giovedì 30 giugno 2022 il MIMS ha pubblicato i dati di ripartizione ed assegnazione delle risorse complessive per 60,6 miliardi di euro, pari al 98,6% del totale. In tale data risultano raggiunti i 13 obiettivi (9  europei e 4 target intermedi), corrispondenti al 100% di quelli previsti dal PNRR per il 2021 e per il primo semestre del 2022 di competenza del MIMS.

Traguardi raggiunti

Ricordiamo che il MIMS è il principale responsabile del raggiungimento di vari progetti entro il 2026, difatti riveste un ruolo chiave nell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza come gli interventi finanziati dal Next Generation EU, i 57 traguardi (milestone) e obiettivi (target) di cui 47 investimenti e 10 riforme e di 170 target relativi ai 22 investimenti del Pnc.

Nel corso del 2021 sono state raggiunte tutte e sette le milestone di competenza, quali:

  • procedure più rapide per la valutazione dei progetti nel settore del Trasposto Pubblico Locale (TPL);
  • supporto filiera bus elettrici;
  • accelerazione dell’iter di approvazione del contratto tra MIMS e RFI;
  • accelerazione dell’iter di approvazione dei progetti ferroviari;
  • emanazione delle linee guida per la classificazione e gestione del rischio, valutazione e sicurezza dei ponti esistenti;
  • trasferimento della titolarità dei ponti e viadotti delle strade di secondo livello ai titolari delle strade di primo livello;
  • infrastrutture per le zone economiche speciali.

Risulta già conseguita anche nel 2021 la riforma volta alla semplificazione del processo di pianificazione strategica dell’autorità di sistema portuale; mentre per il 2022 sono stati raggiunti 13 obiettivi, di cui 9 milestone e 4 interium step  e risultano già in fase avanzata di attuazione gli ultimi due obiettivi del quarto trimestre dell’anno in corso.

Milestones e target per il 2022 di competenza del MIMS - 1

Milestones e target per il 2022 di competenza del MIMS - 2

Investimenti per il 2022

Il primo traguardo riguarda il programma innovativo della qualità dell’abitare ed è stato conseguito a marzo 2022 come previsto dal PNRR.
Ricordiamo che nel 2021 furono approvate 159 proposte di progetti di rigenerazione urbana e di edilizia residenziale pubblica. Tale investimento prevede la realizzazione di almeno 10.000 unità abitative e e di oltre 800.000 metri quadri di spazi pubblici da realizzare entro il 2026.

Un altro traguardo raggiunto in anticipo riguarda la Milestone MC3C1-12 che fa riferimento allo sviluppo del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario. L’investimento è volto a garantire l’interoperabilità tra le reti ferroviarie europee e il miglioramento delle prestazioni dei sistemi ferroviari.

L’ultimo traguardo per il 2022 fa riferimento ai collegamenti ad alta velocità verso il Sud per passeggeri e merci.

Investimenti per il 2023

Saranno 11 (dei 47 totali) i traguardi e gli obiettivi relativi agli investimenti di competenza del MIMS nel 2023, quali:

  • sperimentazione dell’idrogeno per il trasporto stradale;
  • rafforzamento mobilità ciclistica;
  • rinnovamento del parco autobus regionale per il trasposto pubblico con veicoli a combustione pulita;
  • rinnovo del parco ferroviario regionale;
  • investimenti in infrastrutture idriche primarie per la sicurezza dell’approvvigionamento idrico;
  • riduzione delle perdite di distribuzione dell’acqua, compresa la digitalizzazione e il monitoraggio delle reti;
  • potenziamento, elettrificazione e aumento della resilienza delle ferrovie del SUD;
  • assegnazione delle risorse per la sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto ferroviario;
  • rafforzamento della mobilità elettrica;
  • digitalizzazione della gestione del traffico aereo;
  • investimenti infrastrutturali per le zone economiche speciali.

Infine, ti consiglio un software per gestire il tuo fascicolo digitale per il lavori pubblici e progetti PNRR.

 

 

usbim-llpp
usbim-llpp

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.