Milleproroghe spese bonus edilizi

Milleproroghe, detraibili visto di conformità e asseverazioni

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il Milleproroghe specifica che sono detraibili le spese per il visto di conformità e per l’asseverazione sulla congruità sostenute dal 12 novembre 2021

Nel testo appena approvato del Milleproroghe (Legge 15/2022 di conversione DL 228/2021), recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi è contenuta la precisazione che alcune spese relative ai bonus edilizia sono prorogate.

In particolare è espressamente prevista la detrazione per:

  • rilascio del visto di conformità,
  • attestazioni e asseverazioni sulla congruità delle spese

per tutti gli interventi edilizi agevolabili, anche per le spese sostenute dal 12 novembre 2021 al 31 dicembre 2021, cioè dalla data di entrata in vigore del “decreto Antifrodi”, che ha esteso l’obbligo di visto e asseverazione a tutti gli altri bonus (art. 121 comma 2 DL 34/2020).

Ricordiamo che l’art. 121 del DL 34/2022, come modificato dalla legge di bilancio 2022 (legge 234/2022 ) , prevede al comma 1-ter la detraibilità delle spese, a partire dal primo gennaio 2022.

Ecco il testo dell’art. 121 comma 1-ter:

Per le spese relative agli interventi elencati nel comma 2, in caso di opzione di cui al comma 1:

  • il contribuente richiede il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta per gli interventi di cui al presente articolo. Il visto di conformità è rilasciato ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, dai soggetti indicati alle lettere a) e b) del comma 3 dell’articolo 3 del regolamento recante modalità per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all’imposta regionale sulle attività produttive e all’imposta sul valore aggiunto di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, e dai responsabili dell’assistenza fiscale dei centri costituiti dai soggetti di cui all’articolo 32 del citato decreto legislativo n. 241 del 1997;
  • i tecnici abilitati asseverano la congruità delle spese sostenute secondo le disposizioni dell’articolo 119, comma 13-bis.

Rientrano tra le spese detraibili per gli interventi di cui al comma 2 anche quelle sostenute per il rilascio del visto di conformità, delle attestazioni e delle asseverazioni di cui al presente comma, sulla base dell’aliquota prevista dalle singole detrazioni fiscali spettanti in relazione ai predetti interventi.

Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano alle opere già classificate come attività di edilizia libera ai sensi dell’articolo 6 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 2 marzo 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 2018, o della normativa regionale, e agli interventi di importo complessivo non superiore a 10.000 euro, eseguiti sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell’edificio, fatta eccezione per gli interventi di cui all’articolo 1, comma 219, della legge 27 dicembre 2019, n. 160.

 

Ti ricordo che per seguire correttamente tutte le nuove regole sui bonus edilizia 2022 ti consiglio 2 strumenti utilissimi:

 

usBIM.superbonus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.