Home » Notizie » Impiantistica e Antincendio » Ddl delega semplificazioni procedimenti: novità in materia di prevenzione incendi

Ddl delega in materia di semplificazioni di prevenzione incendi

Ddl delega semplificazioni procedimenti: novità in materia di prevenzione incendi

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Via libera al ddl delega sulla semplificazione dei procedimenti amministrativi: revisione attività soggette a prevenzione incendi

Il Consiglio dei Ministri di giovedì 11 maggio 2023 ha approvato un disegno di legge delega per la semplificazione dei procedimenti amministrativi che è intervenuto in diversi ambiti, anche in materia di  prevenzione incendi.

Si tratta di un provvedimento che lavora in continuità con quanto iniziato dal decreto PNRR che ha semplificato oltre settanta procedure. Il ddl rientra tra i provvedimenti funzionali al conseguimento (per il 31 dicembre 2024) della Missione M1C1-60 del PNRR relativa della Pubblica Amministrazione, che richiede l’attuazione della semplificazione e digitalizzazione di 200 procedure che interessano direttamente cittadini e imprese. La delega ha l’obiettivo di portare avanti la semplificazione dei procedimenti e degli oneri amministrativi a carico di cittadini e imprese, al fine di migliorare la qualità e l’efficienza dell’azione amministrativa.

Oggi il PNRR rappresenta per l’Italia un’occasione irripetibile per una crescita economica, sostenibile ed inclusiva. Ti ricordo che esiste una piattaforma cloud per i lavori pubblici in grado di organizzare in un unico fascicolo digitale tutta la documentazione di un’opera pubblica, che consente di gestire correttamente e secondo la norma i progetti del Piano.

Ddl delega semplificazioni: i criteri generali

Con il provvedimento in esame vengono individuati i seguenti criteri generali per l’attuazione della delega in materia di sburocratizzazione amministrativa:

  • l’aggiornamento e la semplificazione dei procedimenti amministrativi attraverso la loro digitalizzazione, per renderli maggiormente aderenti alle esigenze di celerità, certezza dei tempi e trasparenza nei confronti dei cittadini e delle imprese;
  • l’accorpamento dei procedimenti che si riferiscono alla medesima attività, la riduzione del numero delle fasi dei procedimenti e delle amministrazioni interessate e l’unificazione degli atti di autorizzazione e degli altri titoli abilitativi;
  • l’uniformità delle modalità di presentazione delle comunicazioni, delle dichiarazioni e delle istanze degli interessati e delle modalità di svolgimento delle procedure in ambiti omogenei;
  • l’unicità, la contestualità, la completezza, la chiarezza e la semplicità della disciplina relativa a ogni attività o gruppo di attività;
  • la riduzione dei termini per la conclusione dei procedimenti e l’uniformazione dei tempi di conclusione di procedimenti tra loro analoghi o connessi;
  • il monitoraggio e il controllo telematico a consuntivo del rispetto dei tempi di conclusione dei procedimenti amministrativi;
  • l’eliminazione di livelli di regolazione superiori a quelli minimi richiesti per l’adeguamento alla normativa dell’Unione europea;
  • l’organizzazione delle disposizioni per settori omogenei o per specifiche attività o gruppi di attività;
  • l’indicazione esplicita delle norme da abrogare;
  • la limitazione del ricorso a successivi provvedimenti attuativi.

Oltre ai suddetti criteri generali, sono state approvate misure finalizzate allo snellimento in settori specifici: turismo, sanità, disabilità, pubblica amministrazione, prevenzione incendi. A tal riguardo ti ricordo che il titolare dell’attività soggetta al controllo di prevenzione incendi deve segnalare, sotto la propria responsabilità, l’inizio dell’attività e deve inoltre incaricare un professionista antincendio ed un tecnico abilitato per redigere la documentazione. Per affrontare in maniera unitaria la progettazione della prevenzione incendi, dalla redazione dei progetti alla documentazione per tutte le pratiche antincendio inerenti alle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco secondo la Regola Tecnica Orizzontale, le Regole Tecniche Verticali (attività normate) e le linee guida dei VVF, ti suggerisco il software per la prevenzione incendi.

Ddl delega semplificazioni e prevenzione incendi: ecco le semplificazioni in arrivo

Sono in arrivo nuove norme per semplificare i procedimenti in materia di prevenzione incendi e per velocizzare l’immissione sul mercato dei prodotti antincendio non soggetti alla marcatura CE.

Il disegno di legge fissa, quindi, una serie di obiettivi per la semplificazione delle procedure; in particolare ecco le possibili novità che potrebbero interessare e modificare, quindi, il dpr n. 151/2011:

  • riviste le attività soggette ai procedimenti di prevenzione incendi, in considerazione dell’evoluzione normativa antincendio e della tecnologia;
  • semplificati i procedimenti di prevenzione incendi, in particolare quelli relativi alle attività con minore complessità ai fini antincendio;
  • semplificate le autorizzazioni per l’immissione sul mercato dei prodotti rilevanti per gli aspetti connessi alla sicurezza antincendio, esclusi dall’ambito di applicazione della marcatura CE. Saranno favorite l’autocertificazione e l’asseverazione delle caratteristiche tecniche di sicurezza a fronte di controlli da parte del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
  • semplificate le modalità di recupero dei costi sostenuti per l’attività di vigilanza sui prodotti rilevanti ai fini antincendio esclusi dall’ambito di applicazione della marcatura CE.

Prevenzione incendi: cos’è e quali sono le principali misure

Ricordiamo brevemente che la prevenzione incendi consiste in quel complesso di attività finalizzate ad evitare l’insorgere degli incendi. Tra le principali misure di prevenzioni incendi ricordiamo:

  • la realizzazione di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche conformemente alle regole dell’arte;
  • la ventilazione degli ambienti in presenza di vapori, gas o polveri infiammabili;
  • l’adozione di dispositivi di sicurezza.

Abbattimento barriere architettoniche: le novità

Nel nuovo pacchetto varato dal CdM novità anche in materia di abbattimento barriere architettoniche; tra le semplificazioni previste anche quelle volte ad accelerare e dare tempi certi in materia di:

  • autorizzazioni,
  • concessioni,
  • contributi,
  • agevolazioni per l’abbattimento delle barriere architettoniche e  la mobilità.

Si attende ora la presentazione del testo al Parlamento e l’inizio della discussione; in caso di approvazione, il Governo avrà la delega per adottare appositi decreti legislativi volti alla semplificazione, razionalizzazione e digitalizzazione dei procedimenti amministrativi. Ti ricordo, infine, che l’attività di prevenzione incendi deve essere, necessariamente, svolta da tecnici che conoscono la normativa di riferimento per il rilascio dei verbali e dei certificati necessari; pertanto ti segnalo il software antincendio per la progettazione unitaria ed integrata  della prevenzione incendi, in grado di produrre tutta la documentazione antincendio: dalla relazione tecnica antincendio al fascicolo per il SUAP.

antifuocus
antifuocus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *