Home » BIM Topic » BIM e progettazione » Il laterizio come materiale rivoluzionario

Laterizio

Il laterizio come materiale rivoluzionario

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Cos’è il laterizio? Quali sono le diverse tipologie e gli utilizzi fatti in edilizia? E quali sono i suoi vantaggi? Scopri tutto questo nel seguente articolo

La muratura in laterizio rappresenta da secoli il pilastro dell’edilizia grazie alle sue caratteristiche di resistenza, durabilità ed estetica. In questo articolo, esploreremo in dettaglio cosa sono i laterizi, i loro molteplici tipi e le varie applicazioni nell’edilizia moderna.

In fondo all’articolo potrai anche vedere un video che ti mostra come puoi utilizzare software di progettazione architettonica per inserire questo materiale nella composizione delle tue stratigrafie.

Il laterizio come materiale rivoluzionario

Il laterizio come materiale rivoluzionario

Che cos’è il laterizio

Il laterizio, derivato dal latino “later”, che significa “mattone”, è un materiale artificiale da costruzione ottenuto principalmente dalla cottura dell’argilla in fornaci specializzate o, in passato, spesso dalla semplice essiccazione al sole. Questo termine trae origine anche dalle proprietà della gens Laterana, una nobile famiglia romana, e si riferisce ai numerosi edifici posseduti dalla famiglia e costruiti con mattoni di argilla cotta. I laterizi sono materiali da costruzione ampiamente utilizzati sin dalla preistoria, caratterizzati da una pasta porosa che conferisce loro eccellenti proprietà termoisolanti e di assorbimento acustico.

La composizione dei laterizi varia, ma generalmente sono costituiti principalmente da argilla purificata, con l’aggiunta di carbonato di calcio e acqua. Questi materiali vengono opportunamente preparati, modellati e essiccati prima di essere sottoposti alla cottura in forni speciali. Tra i principali tipi di laterizi troviamo il mattone pieno e forato, la pignatta, la tavella, la volterrana, il coppo, la tegola e altri ornamenti architettonici utilizzati nell’edilizia. Un tipo particolare di laterizio è il clinker, ottenuto mediante la cottura delle materie prime a temperature molto elevate.

Tipi di laterizi

La classificazione dei laterizi in base alla loro forma, dimensione e grado di foratura è fondamentale per comprendere le varie tipologie e i loro utilizzi specifici nell’ambito dell’edilizia. Esaminiamo più approfonditamente ciascuna categoria.

Laterizi pieni

I laterizi pieni rappresentano una delle categorie principali e più tradizionali di laterizi. Sono caratterizzati da una bassa percentuale di vuoti, solitamente inferiore al 15%, il che conferisce loro una maggiore densità e resistenza strutturale. Questi laterizi sono comunemente utilizzati per la costruzione di murature portanti, dove è richiesta una maggiore capacità di carico. I mattoni pieni ordinari, con le loro forme e dimensioni varie, sono comunemente impiegati per la costruzione di pareti esterne e interne. Le piastrelle in cotto, invece, sono ampiamente utilizzate per pavimentazioni esterne, rivestimenti murali e altre applicazioni decorative grazie alla loro resistenza e alle molteplici opzioni estetiche disponibili.

Laterizi semipieni e forati

I laterizi semipieni e forati sono caratterizzati da una percentuale di vuoti superiore rispetto ai laterizi pieni. Questo rende questi materiali più leggeri ma comunque robusti, rendendoli ideali per la costruzione di pareti divisorie e tamponamento, nonché per la realizzazione di solai alleggeriti. Tra i laterizi semipieni rientrano mattoni e blocchi che presentano una percentuale di vuoti compresa tra il 15% e il 45%. I laterizi forati, invece, presentano una percentuale di vuoti superiore al 45%. Entrambi offrono una buona resistenza strutturale e possono essere utilizzati in una vasta gamma di applicazioni edilizie.

Tipi specifici di laterizi

Oltre ai tradizionali mattoni e blocchi, esistono diversi tipi specifici di laterizi progettati per scopi particolari. Le tavelline, le tavelle e i tavelloni, ad esempio, sono utilizzati principalmente per la realizzazione di solai e strutture orizzontali. Questi laterizi sono progettati per essere leggeri ma robusti, consentendo la realizzazione di solai resistenti e duraturi. Le pignatte e le volterrane sono anch’esse utilizzate per solai, ma presentano dimensioni e forme specifiche per adattarsi alle esigenze strutturali. Questi elementi sono fondamentali per alleggerire i solai in calcestruzzo e garantire una distribuzione uniforme dei carichi.

Laterizi per coperture

Infine, ci sono i laterizi per coperture, come tegole e coppi, utilizzati per la realizzazione di tetti e coperture. Questi laterizi devono essere resistenti al gelo e impermeabili all’acqua per garantire una protezione efficace dall’umidità e dalle intemperie. Le tegole, con la loro forma caratteristica, offrono una copertura continua delle falde dei tetti, mentre i coppi, con la loro forma tronco-conica, consentono una copertura più uniforme e esteticamente gradevole.

Elementi in laterizio

Elementi in laterizio

Destinazione d’uso del laterizio

Il laterizio è un materiale molto versatile che trova ampio impiego in diverse fasi della costruzione, dalla realizzazione delle fondamenta alla copertura del tetto. Una delle sue principali applicazioni è nella costruzione delle pareti esterne degli edifici, dove sfrutta le sue proprietà termiche e di regolazione dell’umidità per garantire un ambiente interno confortevole. Inoltre, i laterizi sono comunemente impiegati per la costruzione di pareti portanti, fornendo stabilità strutturale e resistenza agli agenti atmosferici.

Recenti innovazioni nel settore includono i mattoni rettificati, progettati per una posa precisa e facilitata, e i blocchi in laterizio alveolare, finalizzati al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici grazie alla loro capacità termoisolante. Questi blocchi sono caratterizzati da una struttura porosa che offre una maggiore coibentazione termica rispetto ai tradizionali laterizi, anche se a scapito di una ridotta resistenza meccanica.

I laterizi possono essere impiegati anche per la realizzazione di innovativi elementi tecnici, come i tavelloni gessati, che combinano la solidità del laterizio con la facilità di montaggio grazie a uno strato di gesso sagomato che ne agevola l’inserimento.

Per quanto riguarda le murature, i laterizi sono utilizzati sia per le pareti portanti che per quelle non portanti. I mattoni pieni sono preferiti per le strutture portanti, grazie alla loro resistenza e compattezza, mentre i mattoni e blocchi semipieni o forati sono impiegati per murature non portanti, come pareti divisorie o tamponamenti.

Nei camini e nelle canne fumarie, i laterizi offrono una buona resistenza al calore e sono impermeabili ai gas e alla condensa, garantendo un funzionamento sicuro degli impianti termici.

Nel contesto dei solai, i laterizi vengono utilizzati per diverse applicazioni, come elementi di alleggerimento con blocchi detti pignatte, rivestimenti delle strutture in calcestruzzo armato e realizzazione di architravi.

Possono essere impiegati anche per la realizzazione di tramezzi, contribuendo alla suddivisione degli spazi interni degli edifici.

Nel contesto delle coperture, i laterizi vengono utilizzati per la realizzazione di tegole, comignoli e camini, offrendo resistenza al gelo e impermeabilità all’acqua, garantendo così la durabilità e l’efficacia delle coperture.

Inoltre, i laterizi offrono numerose possibilità estetiche per la facciata degli edifici, con pezzi speciali e decorativi che conferiscono un carattere unico alle murature a vista. Grazie alla loro versatilità e alle continue innovazioni nel settore, i laterizi mantengono un ruolo centrale nell’edilizia moderna, combinando solidità strutturale con prestazioni energetiche sempre più efficienti.

In generale, i laterizi sono ampiamente utilizzati per la costruzione di pareti esterne, dove regolano il flusso di calore e umidità, garantendo comfort e stabilità strutturale agli edifici. La loro capacità di assorbire e rilasciare calore gradualmente li rende ideali per migliorare l’efficienza energetica degli edifici.

Esempi della destinazione d'uso del laterizio

Esempi della destinazione d’uso del laterizio

Vantaggi nell’uso del laterizio

Costruire con il laterizio offre una serie di vantaggi significativi che spaziano dall’efficienza energetica alla durabilità, passando per la sostenibilità ambientale e l’economicità. Le soluzioni in laterizio sono particolarmente apprezzate per la loro capacità di soddisfare molteplici esigenze, garantendo un elevato comfort indoor e prestazioni di lunga durata.

Di seguito un breve elenco dei vantaggi più comuni per questo materiale:

  1. versatilità – il laterizio si adatta perfettamente a una vasta gamma di progetti architettonici. Le soluzioni in laterizio possono essere impiegate per pareti, facciate e tetti, così come per giardini, terrazze e spazi aperti. La loro flessibilità le rende adatte a qualsiasi stile architettonico, dai tradizionali ai più contemporanei e possono essere utilizzate in una varietà di contesti, dalle abitazioni private agli edifici pubblici;
  2. efficienza energetica – grazie alle eccellenti proprietà isolanti e all’accumulo termico, le soluzioni in laterizio contribuiscono significativamente alla riduzione del consumo energetico degli edifici. I mattoni in laterizio aiutano a mantenere una temperatura confortevole all’interno degli ambienti, riducendo così la necessità di riscaldamento e raffreddamento artificiali e contribuendo alla sostenibilità complessiva dell’edificio;
  3. durabilità – le soluzioni in laterizio sono estremamente robuste e stabili, garantendo una lunga durata nel tempo. I mattoni in laterizio possono durare oltre 100 anni, con numerosi esempi di edifici che conservano la loro integrità strutturale per secoli. La resistenza al fuoco, agli agenti atmosferici e ai terremoti rende il laterizio una scelta ideale per costruzioni sicure e durevoli;
  4. economicità – costruire con il laterizio può portare a significativi risparmi economici sia durante la fase di costruzione che nel lungo termine. I blocchi in laterizio consentono una rapida esecuzione dei lavori senza sprechi di materiali, riducendo i costi di produzione e di manodopera. Inoltre, i bassi costi di manutenzione e i vantaggi in termini di efficienza energetica contribuiscono ulteriormente a ridurre i costi complessivi di gestione dell’edificio nel corso degli anni;
  5. sostenibilità – il laterizio è un materiale naturale e sostenibile, realizzato principalmente con argilla cruda e altri materiali naturali. Le soluzioni in laterizio sono progettate per massimizzare l’utilizzo di materiali riciclabili e provenienti da fonti sostenibili, riducendo così l’impatto ambientale complessivo della costruzione. Inoltre, la durabilità del laterizio significa che gli edifici costruiti con questo materiale conservano il loro valore nel tempo e possono essere facilmente rivenduti o riutilizzati, contribuendo alla circolarità dell’economia.

Come rappresentare il laterizio in una stratigrafia

In questo paragrafo voglio mostrarti come puoi creare una stratigrafia che contiene almeno uno strato con elementi in laterizio. Il tutto in pochi step e con un software per la progettazione architettonica a darti una mano.

 

Edificius

 

Edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *