Home » Notizie » Lavori pubblici » La procedura ristretta nel codice appalti

Procedura ristretta nuovo codice appalti

La procedura ristretta nel codice appalti

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Come si svolge la procedura ristretta e qual è la differenza con la procedura aperta secondo il nuovo codice dei contratti pubblici

La procedura ristretta è una delle 5 procedure di scelta del contraente stabilite dal nuovo codice appalti. In questo articolo di approfondimento analizziamo l’articolo 72 del D.Lgs. 36/2023 che ne stabilisce i criteri e le modalità. Capiremo, quindi, la differenza tra la procedura aperta e ristretta secondo il nuovo codice.

In vista di futuri appalti, ti consiglio di aggiornare al più presto i tuoi strumenti e software di lavoro alle disposizioni del nuovo Codice appalti.

Cos’è la procedura ristretta secondo il codice appalti

La procedura ristretta è una delle 5 procedure di scelta del contraente per mezzo della quale la stazione appaltante aggiudica un contratto pubblico ad un operatore economico. Si tratta, nello specifico, di una procedura ordinaria insieme alla procedura aperta (ti ricordo che le altre procedure sono: procedura competitiva con negoziazione, dialogo competitivo e partenariato per l’innovazione).

In questo modo la stazione appaltante ha la possibilità di accertare prima il possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione da parte degli operatori che vogliono partecipare. La presentazione dell’offerta, infatti, interessa solo gli operatori invitati.

Come si svolge la procedura ristretta?

Le caratteristiche della procedura ristretta che la differenziano dalle altre sono messe in luce dai commi 1 e 3 dell’articolo 72 del nuovo codice appalti:

  • qualsiasi operatore economico può presentare una domanda di partecipazione in risposta ad un avviso di indizione di gara;
  • solo gli operatori economici invitati possono presentare un’offerta, a seguito della valutazione da parte delle stazioni appaltanti delle informazioni fornite.

Gli operatori economici devono assicurarsi che la domanda di partecipazione sia completa di tutti i dati di cui all’allegato II. 6 parte I lettera B o C (a seconda del caso) e inoltre devono fornire tutte le informazioni richieste dalla stazione appaltante. Il numero minimo di candidati non può essere inferiore a 5.

La procedura ristretta codice appalti

La procedura ristretta nel codice appalti

Qual è il meccanismo di selezione nella procedura ristretta?

La procedura ristretta ha inizio con la pubblicazione del bando. Gli operatori economici, con i requisiti giusti, presentano una domanda di partecipazione.

Le domande di partecipazione vengono analizzate e selezionate in via preliminare da un punto di vista qualitativo. La stazione appaltante individua in questo modo i potenziali candidati ai quali manda una lettera di invito, conditio sine qua non per poter presentare un’offerta. In base al criterio di aggiudicazione scelto, si passa alla valutazione delle offerte: possono essere valutate da un punto di vista tecnico/economico oppure anche solo economico.

Dopo alcune verifiche necessarie si passa alla fase di aggiudicazione definitiva e alla stipula del contratto.

Procedura ristretta: i termini da rispettare anche in caso di urgenza

Il termine minimo per la ricezione delle domande di partecipazione è di 30 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara. Il termine minimo per la ricezione delle offerte è ugualmente di 30 giorni dalla data dell’invito a presentare offerte.

Se le stazioni appaltanti hanno pubblicato l’avviso di pre-informazione non utilizzato per l’indizione di una gara, il termine minimo per la presentazione delle offerte può essere ridotto a 10 giorni purché concorrano le seguenti circostanze:

  • l’avviso di pre-informazione contenga tutte le informazioni richieste nell’allegato II.6, Parte I, lettera B, sezione B.1, purché dette informazioni siano disponibili al momento della pubblicazione dell’avviso di pre-informazione;
  • l’avviso di pre-informazione sia stato trasmesso da non meno di 35 giorni e non oltre 12 mesi prima della data di trasmissione del bando di gara.

Si possono verificare, però, delle situazioni di urgenza che costringono a riformulare i termini. Nei casi in cui risulta impossibile rispettare i termini minimi, la stazione appaltate può fissare un termine non inferiore a:

  • 15 giorni (dalla data di pubblicazione del bando di gara) per la domanda di partecipazione;
  • 10 giorni (dalla data di invio dell’invito a presentare offerte) per la ricezione delle offerte.

Le stazioni appaltanti possono fissare il termine per la ricezione delle offerte insieme ai candidati selezionati, purché questi ultimi dispongano di un termine identico per redigere e presentare le
loro offerte. In mancanza di accordo, il termine non può essere inferiore a 10 giorni dalla data di invio dell’invito a presentare offerte.

Qual è la differenza tra procedure aperte e procedure ristrette?

Nella procedura aperta qualsiasi operatore economico (che abbia rispettato i requisiti di partecipazione) può inviare la domanda di partecipazione in risposta ad un avviso di indizione di gara, ma non tutti gli operatori economici possono presentare un’offerta, ma solo quelli che hanno ricevuto un invito. Ed è proprio questa la differenza sostanziale rispetto alla procedura aperta secondo la quale tutti gli operatori economici possono invece presentare un’offerta.

Procedura aperta e ristretta le differenze

Procedura aperta e ristretta le differenze

Quali sono le fasi delle procedure di affidamento?

Le fasi dell’affidamento sono 5:

  1. determina a contrarre;
  2. selezione dei partecipanti;
  3. offerte;
  4. aggiudicazione;
  5. stipula del contratto.

A norma dell’articolo 17 comma 3 del codice appalti, quando viene utilizzato il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa basato sul miglior rapporto tra qualità e prezzo o sul costo del ciclo di vita, le gare di appalto con la procedura ristretta devono essere concluse entro 10 mesi; nel caso in cui il criterio fosse quello del minor prezzo sono previsti 6 mesi di tempo.

 

BIM Codice Appalti

 

BIM Codice Appalti
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *