Home » Notizie » Rinnovabili ed edilizia sostenibile » Installazione fotovoltaico: procedure, vantaggi e costi

installazione-fotovoltaico-

Installazione fotovoltaico: procedure, vantaggi e costi

Tempo di lettura stimato: 8 minuti

Installazione del fotovoltaico? Ecco cosa sapere per una corretta installazione dei pannelli fotovoltaici: procedure, costi, incentivi!

L’installazione fotovoltaica rappresenta un passo fondamentale nelle moderne pratiche edilizie. Non solo contribuisce al risparmio economico attraverso la riduzione delle bollette energetiche, ma ha anche impatti positivi sull’efficienza energetica complessiva e sull’ambiente.

Installare correttamente impianto e pannelli fotovoltaici non è però sempre facile. Prima dell’installazione, occorre capire quali procedure seguire per avviare il processo e progettare adeguatamente l’impianto, con valutazioni preliminari, calcoli precisi per il dimensionamento di tutti gli elementi e analisi dettagliate del rendimento per comprendere i reali benefici dell’investimento.

Per fare tutto ciò senza perdite di tempo, ti consiglio di utilizzare il professionale software fotovoltaico che ti guida nella progettazione e dimensionamento degli elementi e ti permette di ottenere analisi economiche circa la redditività effettiva dell’impianto. Provalo gratuitamente!

Installazione impianto fotovoltaico: caratteristiche

L’installazione di un impianto fotovoltaico rivoluziona l’approccio all’energia, sfruttando al massimo il potenziale del Sole. Questa tecnologia, basata sull’esclusivo effetto fotovoltaico, converte l’energia solare in una fonte elettrica pulita ed efficiente.

Installare un impianto fotovoltaico

Per installare un impianto fotovoltaico è necessario innanzitutto capire quali sono le sue caratteristiche fondamentali e il suo funzionamento.

Un impianto fotovoltaico è formato da:

  • campo fotovoltaico, costituito da pannelli fotovoltaici;
  • inverter, trasformatore di energia da continua in alternata;
  • quadro di campo;
  • contatori, se connesso alla rete elettrica;
  • accumulo, se dotato di batterie.

Si possono distinguere diversi tipi di impianto fotovoltaico:

  • ad isola (off-grid o stand alone): indipendenti dalle reti di distribuzione, utilizzano o accumulano l’energia prodotta;
  • grid-connected (on-grid): connessi alla rete elettrica esistente, permettendo anche lo scambio di energia.

Esistono poi vari tipi di pannelli fotovoltaici:

  • monocristallini;
  • policristallini;
  • in silicio amorfo.

La scelta tra questi implica considerazioni sull’efficienza e la flessibilità: i monocristallini offrono massima efficienza grazie a cristalli singoli, i policristallini presentano una struttura più variegata, mentre i moduli in silicio amorfo sono flessibili ma con resa inferiore.

Come installare un impianto fotovoltaico e i pannelli fotovoltaici

Per installare i pannelli fotovoltaici, quindi un impianto fotovoltaico, è necessario rispettare dei requisiti di installazione e seguire una procedura ben precisa composta da una serie di step di seguito riportati.

Dopo aver identificato il fornitore, un tecnico specializzato conduce un sopralluogo per esaminare la fattibilità dell’installazione dell’impianto e valutare le specifiche dell’abitazione. Questo include la verifica di potenziali vincoli e l’analisi dell’esposizione solare nella zona dove saranno posizionati i pannelli fotovoltaici.

Se le valutazioni sono positive, il consulente tecnico elabora il progetto dell’impianto, considerando il numero di residenti, le abitudini di consumo e le disponibilità finanziarie.

Terminato il progetto, con l’assistenza dell’azienda fornitrice, deve essere effettuata la richiesta di autorizzazione o la comunicazione agli enti competenti:

  • se l’immobile sul quale dovrà essere installato l’impianto non ricade in una zona sottoposta a vincoli (ambientali, storici, artistici, paesaggistici, ecc.), i pannelli possono essere installati senza l’autorizzazione, ma previa comunicazione al gestore della rete tramite il modello unico;
  • se, invece, l’immobile ricade in un’area sottoposta a vincoli bisognerà avere il nulla osta paesaggistico dalle autorità competenti sul territorio e richiedere un’autorizzazione ordinaria o semplificata, come avviene nel caso di altri interventi edilizi.

Terminata l’installazione dei pannelli fotovoltaici, il fornitore dell’impianto provvederà a rilasciare la dichiarazione di conformità dell’impianto e una copia del progetto.

Step per l'installazione del fotovoltaico

Step per l’installazione del fotovoltaico

Installazione pannelli fotovoltaici: autorizzazioni

L’installazione di un impianto fotovoltaico coinvolge diverse procedure a seconda del luogo, che può essere libero o soggetto a vincoli ambientali, storici, artistici, paesaggistici, e altri parametri, inclusa la visibilità dell’impianto dagli spazi pubblici.

Se l’immobile si trova in un’area con vincoli e la conformazione dell’impianto lo richiede, è obbligatorio ottenere un’autorizzazione per l’installazione del fotovoltaico.

La procedura coinvolge la presentazione del progetto all’amministrazione, di solito il Comune del territorio in cui si installerà l’impianto. Specificamente si richiede un’autorizzazione paesaggistica, regolata dall’art. 146 del D.Lgs. 42/2004.

Una volta ottenuta, l’autorizzazione paesaggistica ha una durata di 5 anni. Entro questo periodo, i lavori devono essere completati; in caso contrario, sarà necessario richiedere una nuova autorizzazione.

Dove installare i pannelli fotovoltaici?

L’installazione dei moduli fotovoltaici offre diverse opzioni: sul tetto, sulla facciata di un edificio o a terra. La decisione su dove collocare i pannelli richiede attenta valutazione di vari aspetti tecnici.

Sebbene l’installazione sul tetto sia comune, va notato che non tutti i tetti sono adatti: i tetti a falda o piani sono ideali, ma potrebbe essere necessaria una struttura portante per l’inclinazione dei pannelli; superfici curve, al contrario, risultano meno adatte.

Per comprendere il miglior luogo di installazione dei pannelli fotovoltaici, durante il sopralluogo, l’installatore valuta la fattibilità considerando diversi elementi:

  • spazio necessario in base al numero di moduli: per ogni 2 kW di potenza, si richiedono circa 6 moduli fotovoltaici da 370 W, un impianto domestico da 3 kW richiede circa 9 moduli, occupando circa 16 m2 su tetti a falde e 25 m2 su superfici piane; le dimensioni dei moduli possono variare tra produttori, con una media di circa 1,7 m di lunghezza e 1,1 m di larghezza;
  • corretto orientamento dei pannelli solari: l’esposizione ottimale è verso sud, con considerazioni anche per sud-est o sud-ovest; l’inclinazione della superficie dovrebbe variare tra 10° e 35° per garantire una resa ottimale;
  • presenza di ostacoli: alberi o altre costruzioni che possono causare ombreggiamenti devono essere presi in considerazione, in quanto potrebbero compromettere l’efficienza complessiva dell’impianto.

La scelta oculata del luogo di installazione è fondamentale per massimizzare l’efficienza dell’impianto fotovoltaico. Un sopralluogo attento garantisce che ogni aspetto tecnico venga preso in considerazione, permettendo di sfruttare al meglio l’energia solare disponibile. Inoltre, con il supporto del software fotovoltaico, è facile studiare l’ombreggiamento a partire da un semplice rilievo fotografico e direttamente sul diagramma solare del sito di installazione.

Tempi per installazione del fotovoltaico

Grazie ai progressi tecnologici attuali, il periodo necessario per installare e connettere un impianto fotovoltaico alla rete è notevolmente ridotto. La durata complessiva dipende dalla complessità delle operazioni, ma solitamente varia tra i 2-5 mesi.

Complessivamente, il processo offre una finestra temporale che varia per ogni fase, consentendo una pianificazione accurata e una gestione efficace del progetto di installazione di un impianto fotovoltaico.

L’acquisto dell’impianto, sia in contanti che tramite finanziamento, può richiedere fino a 15 giorni lavorativi per il saldo.
Dopo il pagamento, l’azienda comunica preventivamente l’installazione al Comune, un processo che di solito richiede alcuni giorni per la verifica di vincoli o ostacoli, se presenti.

Una volta ottenute le autorizzazioni amministrative, l’installazione effettiva richiede solitamente poche settimane.
La squadra di tecnici, previo appuntamento, installa l’impianto in un giorno, a meno che non vi siano particolari complessità legate al numero di pannelli.

L’allacciamento dell’impianto fotovoltaico è invece la fase più lunga:

  • in caso di impianti minori o uguali a 20 kW, le operazioni semplici possono durare fino a 2 mesi grazie a un iter semplificato;
  • per lavori complessi su impianti più potenti, oltre i 20 kW, il tempo può estendersi fino a quasi 5 mesi.

Vantaggi dell’installazione di un impianto fotovoltaico

Investire in un impianto fotovoltaico non solo rappresenta un impegno verso l’ambiente, ma offre anche una solida base economica e energetica per il futuro.

L’installazione dei pannelli fotovoltaici comporta infatti una serie di vantaggi significativi, contribuendo a promuovere uno stile di vita più sostenibile e offrendo opportunità economiche a lungo termine.

Ecco i principali motivi per considerare tale investimento:

  • rispetto per l’ambiente: la produzione di energia sostenibile e pulita da fonti rinnovabili rappresenta una scelta ecologica, contribuendo a ridurre le emissioni di gas serra e mitigare gli impatti del riscaldamento globale;
  • convenienza economica: l’acquisto di un impianto fotovoltaico si traduce in un notevole risparmio sulla bolletta energetica grazie all’autoproduzione di energia; inoltre, in alcuni casi, si può accedere a incentivi come le detrazioni fiscali del 50%, facilitando il recupero di parte dei costi di acquisto e installazione;
  • durata dell’impianto fotovoltaico: un impianto fotovoltaico, con una semplice manutenzione periodica, ha una durata media di 25 anni, offrendo un ritorno sull’investimento nel giro di pochi anni;
  • maggiore autonomia energetica: l’autoproduzione di energia durante le giornate soleggiate aumenta l’autonomia energetica della casa e l’integrazione di batterie consente lo stoccaggio dell’energia non utilizzata per utilizzi futuri, garantendo un’ulteriore autonomia e ottimizzazione delle risorse.

Costi di installazione degli impianti fotovoltaici

Il costo di installazione di un impianto fotovoltaico è un parametro altamente variabile, influenzato principalmente dalla sua dimensione e dalle caratteristiche degli elementi fondamentali.

La prima componente del costo riguarda le caratteristiche dei pannelli fotovoltaici, dell’inverter e, se presente, dell’accumulatore. Le differenze di prezzo possono essere significative e dipendono dai materiali impiegati, dalle caratteristiche che influenzano le prestazioni e dalle garanzie fornite.

Altre voci di spesa includono le modalità di installazione e la distanza tra l’impianto e il punto di connessione alla rete elettrica.

A questi si affiancano i costi amministrativi associati alla progettazione e alle procedure, sebbene rappresentino una parte minoritaria nel totale.

Infine, è essenziale considerare i costi successivi per la manutenzione periodica, spesso inclusi in pacchetti offerti dai fornitori e calcolati in base alla dimensione dell’impianto.

Comprendere questi fattori è fondamentale per valutare l’investimento complessivo e massimizzare i benefici economici a lungo termine di un impianto fotovoltaico. Può tornarti dunque utile utilizzare il software fotovoltaico e ottenere l’analisi economica completa direttamente dal progetto dell’impianto fotovoltaico. Grazie a questa analisi avrai noti la redditività dell’impianto, l’ammortamento, il tempo di ritorno sull’investimento e altri indicatori chiave. Tutti i risultati di analisi sono forniti in forma tabellare e grafica ed esportabili in XLS, RTF, PDF, etc.

analisi-redditivita-impianto-fotovoltaico-software-solarius-pv

Analisi redditività dell’impianto fotovoltaico: software Solarius-PV

Leggi l’approfondimento per scoprire l’effettivo costo dell’impianto fotovoltaico.

Come installare il fotovoltaico con incentivi fiscali

Pur non essendoci un vero e proprio bonus fotovoltaico, è possibile usufruire di varie agevolazioni fiscali che permettono di usufruire di detrazioni per l’installazione del fotovoltaico.

Nello specifico, i bonus che permettono la detrazione per l’installazione di impianti fotovoltaici sono:

  • Superbonus (90-110%);
  • bonus ristrutturazione (50%);

Per quanto riguarda l’installazione di impianti solari fotovoltaici collegati alla rete elettrica su edifici specifici, la detrazione Superbonus è calcolata fino a un totale di spese non superiore a 48.000 euro per singola unità immobiliare, entro il limite di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto. Il limite di spesa si riduce a 1.600 euro per ogni kW di potenza se l’installazione è associata a interventi di ristrutturazione, nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica. Per gli impianti condominiali, il limite di potenza agevolabile di 20 kW si riferisce all’intero edificio oggetto di intervento. Se l’impianto serve le singole unità abitative, il limite di potenza si applica a ciascuna unità (Circolare 22.12.2020 n. 30/E, risposta 4.3.3).

Il bonus ristrutturazione, invece, è un’agevolazione fiscale con una detrazione del 50% sull’IRPEF fino a un massimo di 96.000 euro. La detrazione, se ottenuta, viene ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

In sintesi, l’installazione di pannelli fotovoltaici offre vantaggi significativi sia dal punto di vista economico che ambientale. Rivolgersi a professionisti del settore e utilizzare software fotovoltaici ad hoc può aiutarti a massimizzare i benefici e sfruttare appieno le opportunità offerte dal fotovoltaico nell’edilizia.

Installazione fotovoltaico: sentenze e approfondimenti di riferimento

Di seguito si riportano una serie di sentenze  e approfondimenti che chiariscono alcuni aspetti fondamentali in riferimento all’installazione dei pannelli fotovoltaici sanciti dalla normativa di riferimento in vigore.

Fotovoltaico e autorizzazione paesaggistica: innovazione non vuol dire disturbo

Il Tar Abruzzo, nella sentenza n. 214/2023, ha espresso in una sentenza che vede nuovamente contrapposti i pannelli fotovoltaici e vincolo paesaggistico.

Un intrigante caso solleva la questione cruciale dell’integrazione dei pannelli fotovoltaici nel paesaggio, in un contesto dove la Soprintendenza ha negato l’autorizzazione per la realizzazione di impianti fotovoltaici su immobili in un parco paesaggistico vincolato.

Nonostante il progetto prevedesse pannelli inseriti a livello delle tegole, con colore e riflessività in sintonia con l’ambiente, la Soprintendenza ha respinto l’idea, ritenendo i pannelli incompatibili con l’immagine tradizionale della zona. I proprietari hanno ribattuto, sottolineando la mancanza di bilanciamento da parte della Soprintendenza tra la tutela paesaggistica e la necessità di adottare fonti rinnovabili.

Il Tar Abruzzo ha affrontato la questione, riaffermando la necessità di una motivazione dettagliata per il diniego paesaggistico e sottolineando che il favore legislativo per le fonti rinnovabili richiede un bilanciamento accurato. I giudici hanno evidenziato che il cambiamento normativo e la crescente accettazione sociale delle tecnologie rinnovabili richiedono una valutazione attenta dell’inserimento dei pannelli nel paesaggio.

Criticando il diniego automatico della Soprintendenza, il Tar ha sottolineato la mancanza di soluzioni alternative suggerite e ha accolto il ricorso, evidenziando che la proposta dei ricorrenti mirava a conciliare la tutela del paesaggio con lo sviluppo delle fonti rinnovabili.

Leggi altre sentenze sull’installazione del fotovoltaico:

Approfondimenti

Ecco alcuni approfondimenti legati all’installazione di impianti fotovoltaici:

Solarius-PV
Solarius-PV
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *