Inarcassa: prorogati i sussidi Covid-19 ed i finanziamenti a tasso zero

Inarcassa: prorogati i sussidi Covid-19 ed i finanziamenti a tasso zero

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Sono stati prorogati fino al 31 marzo 2022 i termini per il riconoscimento dei sussidi una tantum per gli eventi di malattia legati al Covid-19 e dei finanziamenti a tasso zero

Al fine di fronteggiare il protrarsi dell’emergenza Covid-19, Inarcassa comunica la proroga fino al 31 marzo 2022:

  • della disponibilità per gli associati di finanziamenti fino a 50.000 euro, con contributo in conto interessi al 100% in carico a Inarcassa, da restituire in un periodo massimo di 6 anni;
  • dei termini per il riconoscimento dei sussidi una tantum per gli eventi di malattia legati al Covid-19.

Le prestazioni saranno liquidate in ordine cronologico, in base alla data di presentazione della domanda, nei limiti delle risorse disponibili.

Finanziamenti a tasso zero – requisiti per il beneficio

Possono accedere al finanziamento agevolato Covid-19 tutti gli iscritti ad Inarcassa, anche componenti o soci di una società di professionisti o società tra professionisti, senza limiti di età:

  • in regola per il rilascio del certificato di regolarità contributiva alla data della richiesta;
  • non in regola, ma con debito scaduto verso Inarcassa per contributi e oneri accessori non superiore a 33.333 euro. I professionisti irregolari potranno presentare domanda a condizione che:
    • il finanziamento non sia superiore a 1,5 volte il debito scaduto verso Inarcassa;
    • il finanziamento venga preliminarmente destinato a copertura del debito verso Inarcassa attraverso il rilascio di mandato irrevocabile alla Banca di utilizzare le somme rivenienti dall’erogazione del finanziamento per bonificare a Inarcassa l’importo necessario ad estinguere tale debito.

Finalità del beneficio

Il finanziamento può essere concesso per:

  • qualsiasi esigenza di liquidità nello svolgimento dell’attività professionale connessa all’attuale stato di crisi;
  • l’anticipazione dei costi da sostenere per progetti e interventi da effettuarsi a fronte di committenze di uno o più incarichi professionali;
  • il pagamento fornitori per spese necessarie allo svolgimento dell’attività professionale;
  • la regolarizzazione della posizione contributiva.

Modalità di accesso e termini della domanda

La domanda deve essere presentata previo accesso all’area riservata di Inarcassa On line, digitando i codici personali e selezionando, nella sezione “Servizi finanziari e assicurativi”, la voce corrispondente. E’ presente un link al portale di Banca Popolare di Sondrio dove sono disponibili le istruzioni per inoltrare la richiesta di finanziamento e il modello di domanda.

Il termine ultimo per presentare le domande è il 31 marzo 2022.

Sussidi da contagio Covid-19 e beneficiari

Come chiarito nel comunicato Inarcassa, fermi restando i criteri individuati e già operativi deliberati dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 13 marzo scorso, la misura una tantum prevista per l’anno 2020 in favore di ciascun nucleo familiare è stata confermata con l’integrazione, tra i beneficiari del sussidio, di coloro che sono risultati affetti da sospetto Covid-19 senza ricovero e abbiano sospeso le attività professionali.

Il sussidio viene corrisposto una sola volta per ciascun nucleo familiare, con riferimento all’evento di maggiore gravità accertato nella seguente misura:

  • euro 5.000 in caso di decesso;
  • euro 3.000 in caso di ricovero;
  • euro 1.500 per contagio o sospetto contagio da Covid-19 senza ricovero, con esclusione dei soggetti asintomatici, che abbia comportato l’impossibilità ad esercitare la libera professione per almeno 21 giorni. In questo caso il beneficio è limitato ai soli iscritti e pensionati iscritti, con esclusione di altri componenti il nucleo familiare.

I beneficiari possono essere:

  • l’iscritto (attivo o pensionato);
  • il coniuge;
  • il figlio minorenne;
  • il figlio maggiorenne studente fino a 26 anni;
  • il figlio maggiorenne inabile o con disabilità grave.

Si precisa che il sussidio:

  • viene erogato a prescindere dal requisito di regolarità contributiva;
  • è cumulabile con qualsiasi altra prestazione assistenziale disciplinata dai regolamenti vigenti;
  • è calcolato in funzione della situazione di maggiore gravità accertata all’interno del nucleo familiare al momento della richiesta con diritto al ricalcolo della prestazione eventualmente già liquidata, nel limite del massimale di euro 5.000,00.

Modalità di presentazione delle domande

Gli associati devono inviare la richiesta “Sussidio Covid-19”, esclusivamente tramite Inarcassa On Line dal menu “domande e certificati”, alla voce Domande (riquadro “Aiuti economici”), completa dei documenti nella stessa indicati, entro il termine perentorio di 120 giorni dalla data del decesso, dalla data della dimissione ospedaliera o dalla data di fine del periodo di contagio o sospetto contagio e dell’impossibilità all’esercizio dell’attività professionale documentata dal certificato medico.

E’ possibile presentare domanda di sussidio per gli eventi che si verifichino fino al 31 marzo 2022.

 

compensus
compensus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.